Fisica quantistica, oggi: strade nuove per ripensare alla struttura della “realtà”. Un momento di riflessione per capire grandi questioni.

di Franco Saporetti

Oggi l’interpretazione relazionale della Meccanica Quantistica, sviluppata con il massiccio contributo dell’autorevole fisico italiano Carlo Rovelli, apre a prospettive nuove per capire la realtà più profonda. Dobbiamo abbandonare l’idea di un mondo fatto di “oggetti indipendenti con proprietà definite” come propone la fisica classica e modificare la nostra concezione di materia. Il mondo che osserviamo è un continuo interagire e la realtà è fatta di una rete di “relazioni” di cui gli oggetti sono i nodi. Le implicazioni sono sorprendenti. Si arriva all’impossibilità di separare con chiarezza materia-spirito e materia-mente. Questo scritto potrebbe essere un minuscolo contributo a portare i lettori curiosi non addetti ai lavori ad una elementare conoscenza dei risultati ottenuti in questo campo. Come pure potrebbe essere uno stimolo a riflettere su questioni che, in ultima analisi, ci toccano nel nostro più profondo di esseri umani e coscienti.

Qui l’articolo: http://www.filosofiaescienza.it/1966-2/

Niccolò Stenone: SCIENZIATO E BEATO

Celebre anatomista, Niccolò Stenone rappresenta il classico “genio” del passato: versatile, scienziato di prim’ordine ma anche filosofo, concluderà la sua vita – dopo aver scoperto il “dotto di Stenone“, la I legge della cristallografia, i principi della stratigrafia e molto altro -, abbracciando il sacerdozio. Oggi è ricordato come il padre della geologia, ma anche come un beato venerato dalla Chiesa cattolica

https://voce24news.it/diamo-voce-ai-grandi-scienziati-nicolo-stenone-e-la-geologia/?series=8912

La tomba di Stenone a Firenze

‘Affetto intelletto lega’: da Dante a Giussani, considerazioni su BIAS, verità e lealtà della ricerca scientifica

Affetto intelletto lega’
(Dante Alighieri, Paradiso, canto 13°, v. 120)
‘La ragione, per conoscere l’oggetto, deve quindi fare i conti con il sentimento’ (Don Luigi Giussani, Il senso religioso)
Fonte Wikipedìa

Epistemologia, deontologia, bias e presupposti di lealtà metodologica della ricerca: riprendiamo il discorso interrotto, sviluppato nel mio precedente articolo (QUI).

Senza dilungarci in riassunti, ripartiamo da una domanda cruciale: ha senso definire nella ricerca scientifica protocolli di verifica, ‘buone pratiche’, riduzione dell’impatto soggettivo? Oppure è tutto vano,

Leggi tutto “‘Affetto intelletto lega’: da Dante a Giussani, considerazioni su BIAS, verità e lealtà della ricerca scientifica”

Effetti distorsivi nelle valutazioni in scienza e coscienza

Guardiamo con occhi disincantati la realtà in cui stiamo precipitando: siamo sempre più circondati, controllati, minacciati da una elite di sedicenti esperti e scienziati che pretendono di guidare le nostre scelte con imposizioni indiscutibili.

L’epoca del best interest

Sotto il manto del best interest, di scelte pensate dai ‘migliori’ per il nostro bene, i nostri stili di vita devono

Leggi tutto “Effetti distorsivi nelle valutazioni in scienza e coscienza”

La medicina e Lourdes

La nascita dell’ospedale (il venerdì santo); la Cristianità patria della medicina e della cura; il positivismo e il materialismo ottocentesco; lo scandano di Lourdes e i miracoli “certificati” da due premi Nobel…

https://voce24news.it/diamo-voce-ai-grandi-scienziati-alexis-carrel-un-premio-nobel-a-lourdes/?series=8912&fbclid=IwAR3EB6mQOE8VCoolbqO7NndVUQ0L5kG4Sqp3jtjgKr3lFC92tUHk33_Naqg

L’anima c’è e si vede


Esce in questi giorni, per le edizioni del mensile il Timone, l’ultima fatica di Francesco Agnoli, dal titolo L’anima c’è e si vede. 18 vie prove che l’uomo non è solo materia https://www.iltimone.org/prodotto/lanima-ce-e-si-vede/ ).

Si tratta di un saggio piuttosto denso che analizza anzitutto, nella prima parte, il dibattito filosofico sull’anima nel corso dei secoli, riportando le argomentazioni principali del sostenitori e dei negatori di una natura anche spirituale dell’uomo.

Leggi tutto “L’anima c’è e si vede”