DALL’IMMAGINE TESA DI CLEMENTE REBORA

Giorgio Morandi, Natura morta, 1955

Riceviamo dal Blog di Alfredo Tràdigo questo articolo che pubblichiamo volentieri.

La Redazione

Ci sono poesie in cui in un verso viene detto tutto, come nel celebre “M’illumino d’immenso” di Giuseppe Ungaretti (1888-1970), un verso di sole sette sillabe, un settenario. Mi piace paragonare questo verso a un altro settenario – Dall’immagine tesa – che dà il titolo a una poesia di Clemente Rebora (1885-1957), il poeta milanese che dopo la conversione diventò sacerdote rosminiano. E, mentre per Ungaretti la grazia della rivelazione avviene quasi in una auto-riflessione (“m’illumino) qui, nel

neoconvertito Rebora, c’è uno “spiare” l’immagine tesa con atteggiamento vigile e spoglio di qualsiasi pretesa. Spiare cosa? Una “immagine tesa” che può essere qualsiasi cosa (vedi sopra il quadro di Giorgio Morandi), perché nel tutto ci può essere il niente e, per contro, nel tutto si può attendere qualcosa di molto importante che forse non si ha neppure diritto [… l’articolo completo e la poesia in Dall’ Immagine tesa di Clemente Rebora]

Print Friendly, PDF & Email
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo.

Autore: Libertà e Persona

La nostra redazione si avvale della collaborazione di studiosi attenti alla promozione di un pensiero libero e rispettoso della persona umana, grazie ad uno sguardo vigile sulle dinamiche del presente e disponibile al confronto. Nel tempo “Libertà e Persona” ha acquisito, articolo dopo articolo, un significativo pubblico di lettori e ha coinvolto docenti, esperti, ricercatori che a vario titolo danno il proprio contributo alla nostra rivista online. Gli articoli firmati "Libertà e Persona" sono a cura dei redattori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − cinque =