Cosa dobbiamo pensare del nostro futuro e del futuro del mondo?

Léon Bloy: profeta scomodo dell'Assoluto | La Civiltà Cattolica
Leon Bloy, profeta scomodo dell’Assoluto

Trovo sul Blog di Padre Livio una lettera di un fedele che tocca il cuore sul piano esistenziale e spirituale con tutte le fatiche che comporta. Forse può aiutare tutti noi unitamente alla risposta di Padre Livio.

Carissimo Padre Livio,

Sono un accanito ascoltatore della sua radio e assiduo frequentatore del suo blog, particolarmente per quanto concerne messaggi e catechesi sulla regina della Pace di Medjugorje. La ringrazio a tal proposito per la sua instancabile attività di divulgazione. Ne abbiamo bisogno. Ora più che  mai . Non so perché ma in questi ultimi anni mi torna sovente alla mente una frase di quell’inquietante scrittore e pensatore che fu Leon Bloy :

“ arriverà un giorno in cui l’uomo sarà cosi stanco dell’uomo che basterà nominare Dio per vederlo scoppiare a piangere”.

Credo che ormai ci siamo.  Sono per natura estremamente razionale e logico, pur credendo alle apparizioni. Alle volte, tuttavia, il mio bisogno di fede e la mia forma mentis cosi improntata al ragionamento e alla logica fanno un po’ a pugni . Questo soprattutto per i celebri dieci segreti . A quel poco che trapela da ormai 40 anni , sembrano essere avvenimenti catastrofici , tuttavia sempre imminenti. I veggenti ci rassicurano, ricordandoci che chi prega e si affida alla Madonna non ha nulla da temere. Alle volte pare si spingano a descrivere il tempo dei segreti come un tempo di grazia , di purificazione.

Ma io mi chiedo : in questi 40 anni è accaduto di tutto: la guerra nei Balcani, l’attentato alle tori gemelle di New York e le conseguenti guerre in Afghanistan e Iraq, la guerra in Siria, il genocidio rwandese, il terremoto finanziario globale del 2008, lo tsunami del 2003 in Thailandia, la pandemia, la guerra in Ucraina e potrei citare molto altro . Questo per non parlare della devastazione spirituale e culturale. Non riesco a immaginare che cosa possa accadere di peggio di tutto questo In 40 anni è successo di tutto , credo siano i 40 anni forse peggiori della storia dell’umanità. Possibile che nei dieci segreti nulla di tutto questo sia ricompreso?  Ci attende di peggio ? Come può essere se la Madonna ci ama e vuole costruire un mondo di pace e riavvicinamento a Dio ? Ho una famiglia, due figli che amo sopra ogni altra cosa . ma comincio a preoccuparmi .

Grazie, Alessandro

2 Agosto 2022.

Risposta di Padre Livio

Caro Alessandro, hai dipinto il quadro di questi 40 anni molto efficacemente,  ma  ti sei dimenticato l’essenziale: la presenza  in   mezzo a noi della  Madonna che,  come ha detto Papa Francesco,  scende anche ora dal Cielo sulla  terra come una  Pellegrininstancabile per prendersi cura di noi per conto di Dio. Qualunque  cosa  accada nel tempo dei segreti  questa Pellegrina sarà  presente per salvarci dal  “mistero di iniquità”  e  per  portare  il  mondo in un tempo di pace,  di libertà e di prosperità.

Ave  Maria, Padre  Livio

E poi una lettera sul Misterium iniquitatis molto interessante

Mysterium iniquitatis

Mentre il “male” grida e sembra dilagare, noi perdiamo tempo in dibattiti per spiegarne cause ed effetti, credendo di poterne venire a capo, e non comprendendone né coda ( e corna) . Il male si può spiegare fino a un certo punto, dopodiché vai a perderti  nei gineprai del caos, dei concetti fumosi degli uguali dei contrari. La nostra ignoranza umana sta raggiungendo la piena oscurità, poiché il nemico è furbo, attraverso queste conoscenze relative ci trascina in false verità, dove infine svelato l’inganno non ci salveranno dal bene più prezioso, Cristo. Non illudiamoci delle voci degli asserviti ai piani mefistofelici del regista nefasto, perderanno tutto, e il mondo e l’anima. Di loro non rimarranno nemmeno le ombre della disgrazia a cui hanno aderito con le consapevolezze del proprio volere e del proprio intendere personale, la legge dell’io  crollerà, l’ego modernista franerà miseramente sulle soglie dei segreti di Medjugorje. Allora comprenderemo il cuore trionfante di Maria, anche se per alcuni sarà una comprensione tardiva quanto amara. Il maligno e i suoi mali non si spiegano, si combattono con le armi della fede cristiana e dello spirito cattolico.  

Non illudiamoci, c’è un mistero più grande di quello iniquo, ed  è quello dell’amore di Cristo, il nemico gioca sulle quantità e sull’intensità dei suoi slogan… distraendoci e togliendoci forza nell’intimo, cerca di travolgerci, di intaccare la nostra base vitale con vari nervosismi di fondo,  dubbi e paure sull’avvenire, ma verrà travolto e schiantato dal calcagno della Vergine. Prendiamo in mano questo tempo, tempo particolare di Dio, e non ci pentiremo d’averlo fatto. Forza. Grazie P. Livio per la tua immancabile guida che da più di 20 anni mi sorregge,  e scusatemi per la lungaggine-

Sempre Ave Maria. Giuseppe

Print Friendly, PDF & Email
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo.

Autore: Marcello Giuliano

Nato a Brescia nel 1957, vive a Romano di Lombardia (BG). Dopo aver conseguito il Baccelierato in Teologia nel 1984 presso il Pontificio Ateneo Antonianum di Roma e il Diploma di Educatore Professionale nel 2001, ha lavorato numerosi anni nel sociale. Insegnante di Religione Cattolica nella Scuola Primaria in Provincia e Diocesi di Bergamo, collabora ai cammini di discernimento per persone separate, divorziate, risposate ed è formatore per gli Insegnanti di religione Cattolica per conto della stessa Diocesi. Scrive sulle riviste online Libertà & Persona e Agorà Irc prevalentemente con articoli inerenti la lettura simbolica dell’arte ed il campo educativo. Per Mimep-Docete ha pubblicato Dalla vita alla fede, dalla fede alla vita. Camminando con le famiglie ferite (2017); In collaborazione con Padre Gianmarco Arrigoni, O.F.M.Conv., ha curato il libro Mio Signore e mio Dio! (Gv 20, 28). La forza del dolore salvifico. Percorsi nella Santità e nell’arte, (2020). Di prossima uscita Gesù è veramente risorto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *