Lorenza Perfori

Paté di sinistra affumicata

walter-veltroni

di Marcello Veneziani.

La sinistra presente mi ricorda il brodo alla griglia di Antonio Albanese. Una pietanza surreale, un’entità inconcepibile. Da giorni, che dico da giorni, da mesi, la sinistra si spacca e invoca l’unità, avvia trattative e miete scissioni, annuncia coalizioni e subisce defezioni, senza sosta.

Ridotta all’osso è ricorsa a Fassino, nel vano tentativo di quadrare il cerchio o di cerchiare il quadro. Ma un mediatore così ossuto non bastava Continua a leggere

Trump un anno dopo, in tredici Stati Usa è piena occupazione

donald-trump

di Roberto Santoro.

L’America di Trump, un anno dopo. Dicevano che sarebbe stato un disastro, ma il numero degli occupati in tredici Stati americani al momento supera tutti i record tracciati nelle serie storiche da quarant’anni a questa parte, più o meno da quando il governo federale ha iniziato a fare queste rilevazioni in modo sistematico. Continua a leggere

Canada: “Credi nel diritto naturale? Non puoi adottare”

no_famiglia_cristiana

di Benedetta Frigerio.

Dicevano che non bisognava discriminare le persone dello stesso sesso che volevano adottare dei figli. Ma ora, come avevamo previsto, da quando gli Stati hanno fatto del cosiddetto matrimonio omoerotico, un bene da tutelare legalmente è ovvio che la discriminazione è verso coloro che ancora lo considerano un fatto contro natura. Perciò dalla non discriminazione di queste persone si è passati alla discriminazione di coloro che hanno una visione opposta a quella assunta dal potere. Continua a leggere

Prostituzione e aborti: non è accoglienza, ma schiavitù

prostitute-nigeriane

di Andrea Zambrano.

Costrette a prostituirsi e ad abortire da una organizzazione criminale in Spagna passando per l’Italia dove le donne sono arrivate con i barconi della speranza. E’ la storia che arriva da Madrid e che getta ancora una volta una luce oscura sulla tratta degli esseri umani che si svolge al di sopra delle autorità italiane dietro la motivazione apparentemente consolante del soccorso umanitario. Continua a leggere

Vita, i vescovi Usa nel segno della continuità

cupich-and-naumann

di Marco Tosatti.

Nei giorni scorsi i presuli d’oltreoceano sono stati chiamati a scegliere e votare il presidente della Commissione episcopale per la vita. I due competitori erano il cardinale Blaise Cupich, di Chicago, l’esponente più in vista dell’ala progressista, grande estimatore del discusso gesuita James Martin, l’avvocato della causa LGBT nella Chiesa, e l’arcivescovo Joseph Naumann, di Kansas City. È stato eletto Naumann, con grande sollievo dei pro-life: l’elezione di Cupich, che rappresenta l’ala più liberal ed estrema dell’episcopato, avrebbe inferto un drammatico cambio di rotta nella commissione, con effetti disastrosi. Continua a leggere

Domanda sull’omosessualità, Giovanardi: “Vergognosa bufala su test facoltà Medicina”

test-medicina

da l’Occidentale.

“Un incredibile polverone è stato innescato dalle solite associazioni gay fondamentaliste, con enorme rilievo mediatico, per un supposto inserimento della omosessualità come malattia nei test di ammissione alla facoltà di medicina”. Lo afferma il senatore di Idea – Popolo e Libertà Carlo Giovanardi. Continua a leggere

Facciamo che io ero il premier

Referendum: Di Maio, con No italiani pretendono dimissioni

di Marcello Veneziani.

Ma avete seguito nei tg le gesta di Luigino Di Maio in America? Lo vedevi vestito da sposino sceso dalla torta nuziale, col suo abitino, la sua camicina della fortuna, la sua cravattina d’ordinanza, la sua borsona da grande, che camminava per le strade degli Stati Uniti sempre con le stesse persone, famigliari presumo, autisti noleggiati tipo Uber, e magari un traduttore dal dimaiese in americano e viceversa.

Andavano per i viali senza mai incontrare nessuno, nemmeno il vice-sotto-vice ministro di Trump. Lo vedevi poi solo soletto in qualche aula istituzionale, quando se ne erano andati via i grandi e lui fingeva di fare incontri unilaterali, prima che la donna delle pulizie spegnesse la luce. Continua a leggere

Trump ha proclamato Novembre 2017 mese delle Adozioni Nazionali

1-adozioni

Il 31 ottobre 2017, il presidente americano Donald Trump ha dedicato il mese di novembre 2017 alla promozione delle adozioni nazionali.

Nel messaggio che nell’occasione è stato diffuso, Trump afferma che la scelta di adottare un figlio rappresenta una ricchezza sia per le famiglie che per i bambini. “Ogni anno – afferma il presidente americano –, famiglie generose e amorevoli adottano migliaia di bambini e danno loro l’affetto, le attenzioni e le opportunità che meritano. L’adozione è una vera benedizione che arricchisce notevolmente sia la vita dei genitori che quella dei bambini. Durante il mese dell’Adozione Nazionale, celebriamo le migliaia di famiglie che si sono ampliate grazie all’adozione e riconosciamo la resistenza e la resilienza dei bambini che stanno ancora aspettando di trovare la loro casa definitiva”. Continua a leggere

News dalla rete
  • Grothendieck, matematico alla ricerca di Dio

    giulia Sono passati tre anni da quel 13 novembre 2014, giorno in cui moriva quello che è stato definito il più grande matematico del XX secolo, e tra i più importanti di sempre: Alexander Grothendieck. Nato nel 1928 a Berlino da famiglia ebrea, ebbe un'infanzia segnata dalle vicende storiche legate alla Seconda Guerra mondiale. Leggi il seguito… 

  • Paté di sinistra affumicata

    walter-veltroni di Marcello Veneziani. La sinistra presente mi ricorda il brodo alla griglia di Antonio Albanese. Una pietanza surreale, un’entità inconcepibile. Da giorni, che dico da giorni, da mesi, la sinistra si spacca e invoca l’unità, avvia trattative e miete scissioni, annuncia coalizioni e subisce defezioni, senza sosta. Ridotta all’osso è ricorsa a Fassino, nel vano tentativo di quadrare il cerchio o di cerchiare il quadro. Ma un mediatore così ossuto non bastava Leggi il seguito… 

  • Trump un anno dopo, in tredici Stati Usa è piena occupazione

    donald-trump di Roberto Santoro. L’America di Trump, un anno dopo. Dicevano che sarebbe stato un disastro, ma il numero degli occupati in tredici Stati americani al momento supera tutti i record tracciati nelle serie storiche da quarant’anni a questa parte, più o meno da quando il governo federale ha iniziato a fare queste rilevazioni in modo sistematico. Leggi il seguito… 

  • Canada: “Credi nel diritto naturale? Non puoi adottare”

    no_famiglia_cristiana di Benedetta Frigerio. Dicevano che non bisognava discriminare le persone dello stesso sesso che volevano adottare dei figli. Ma ora, come avevamo previsto, da quando gli Stati hanno fatto del cosiddetto matrimonio omoerotico, un bene da tutelare legalmente è ovvio che la discriminazione è verso coloro che ancora lo considerano un fatto contro natura. Perciò dalla non discriminazione di queste persone si è passati alla discriminazione di coloro che hanno una visione opposta a quella assunta dal potere. Leggi il seguito…