Un laico della TOFI scrive a padre Fidenzio Volpi

di Ing . Allocca Antonino
Caro Padre Volpi,
per fortuna che oggi la dittatura è finita , a parte qualche residua traccia ancora nei paesi del terzo mondo.
– Se per raddrizzare un Istituto religioso,( perché ci sono dei problemi interni dovuti a torto o a ragione al Padre Fondatore), si devono adottare dei sistemi di polizia sovietica, allora, siamo
proprio fuori della Chiesa Cattolica, che invece predica amore e rispetto per il prossimo.
– Se per unificare bisogna dividere, allora, in quello che sta facendo o che ha fatto fino adesso c’è un’intrinseca contraddizione : i padri insegnanti, che Lei ha allontanato dalle loro sedi, accusandoli di educare contro il Concilio Vaticano II e contro il Santo Padre i giovani frati che si devono preparare per il sacerdozio, sono gli stessi che nel corso degli anni passati a tutt’oggi hanno educato e formato anche noi laici, e nessuno di noi può dire che nelle loro meditazioni e omelie abbiano mai parlato contro il Concilio Vaticano II e contro il Santo Padre, anzi ci hanno illuminato sempre più a rispettare il Concilio Vaticano II e ad amare il Santo Padre .

– Se per giustificare certe drastiche misure prese ( guarda caso solo unilateralmente: ha dato solo retta alle richieste di pochi frati, senza tener conto della maggioranza – e questa è la verità – ) ha bisogno di trincerarsi dietro il nome del Santo Padre, allora, debbo pensare che Lei non è in grado di unire, ma solo di dividere, perché non riesce o non vuole vedere la vera realtà della situazione.

– Se per far tacere i laici, che seguono da sempre il carisma originario dei frati francescani dell’Immacolata e dal quale hanno tratto enormi benefici di maggiore ed autentico amore alla Chiesa e al Santo Padre, Lei si è ridotto a vietare le loro riunioni ( o come le chiama Lei “ incontri sociali “) e le loro attività di formazione e cammino spirituale; o, peggio ancora, ad impedire di fare indossare lo scapolare ai Terziari, allora, questo è un chiaro segno di debolezza e di mancanza di dialogo .

– Come fa a dire che le riunioni possono essere occasione di “ dileggio contro il Papa, contro di Lei e contro i frati” se a dette riunioni non è presente nessun frate francescano dell’Immacolata, dal momento che, bruscamente e stalinianamente, ha deciso di non mandarne ?

– Quando fa delle accuse così forti, per acquistare credibilità in quelli che leggono i suoi scritti sulla stampa e che non conoscono i fatti reali, e parla addirittura di accuse contro il Papa, perché non porta le prove ?

– Il Santo Padre, chiariamolo una volta per tutte, entra solo nella Sua nomina, ma non certo in quello che Lei fa. Se poi, solo perché nominato dal Santo Padre, Lei acquista anche l’infallibilità, ce lo dica !

– Quando si svolge un incarico pubblico, bisogna pure accettare le critiche (non dico le offese).

– Quanto poi alle accuse di “ deriva cripto-lefebvriana “ fatte al Fondatore dai soli frati ribelli, ribatto che questa è la più grande falsità e menzogna, perché Padre Stefano, da quando ha iniziato a seguire il motu proprio di Benedetto XVI, non ha mai obbligato nessun frate a celebrare messa in latino ; tanto è vero che il padre spirituale del mio Cenacolo, Padre Massimiliano Maffei, che Lei ha allontanato dal suo incarico senza dare nessuna motivazione, ha sempre celebrato messa in italiano perché non se la sentiva di dirla in latino . E il Fondatore non ha mai avuto nulla da obiettare al riguardo.

– Dulcis in fundo: l’accusa infame che ha fatto inorridire, disgustare noi laici è quella che lei ha lanciato contro Padre Stefano Manelli quando Lei dice che “ ha affidato ai suoi familiari e figli spirituali tutti i beni mobili e immobili dell’Istituto“, con una chiara allusione ed insinuazione ad un passaggio di proprietà dai frati ai laici . Ma come si permette ? Questo è un comportamento completamente scorretto ed illegale . Tutte queste accuse dimostrano ancora di più con quanto odio e con quanta avidità per i beni materiali Lei si sta scagliando contro il Fondatore e i laici suoi devoti .

– Di tutte queste accuse, stia tranquillo, ne renderà conto a noi, quanto prima, nelle sedi opportune .
Tanto per correttezza, per mettere i puntini sulle ” i” . Quando è troppo, …..è troppo !
Roma, 07 dicembre 2013

Ing . Allocca Antonino

Un benefattore dell’Istituto
Terziario francescano
Direttore della Fraternità TOFI di Roma

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Caso Grillo, uno schifo che è lo specchio dell’Italia

      di Roberto Marchesini. Qualcuno, notando l’esasperazione del politico genovese, ha ipotizzato che fosse dovuta alla disperazione di chi ha sacrificato il partito per salvare il figlio e si è reso conto che si è trattato di un sacrificio inutile. Qualcun altro ha risposto alla domanda posta da Grillo («Mio figlio è su tutti i giornali come stupratore seriale insieme ad altri 3 ragazzi...io voglio chiedere chiedere veramente perché un gruppo di stupratori seriali non sono stati arrestati, la legge dice che vanno presi e messi in galera e interrogati. Sono liberi da due anni, ce li avrei portati io in galera a calci nel culo. Allora perché non li avete arrestati?») con velenose insinuazioni (clicca qui): «È una vicenda che è nata alla vigilia – credo un mese prima – che si creasse una nuova maggioranza tra PD e Cinque Stelle ed è una vicenda che ha avuto il suo epilogo due mesi dopo che quel governo è finito». Leggi il seguito…

    • Qualche dubbio sul Caso Grillo

      di Marcello Veneziani. A parte l’umana comprensione per un padre che vuol difendere e salvare un figlio, Beppe Grillo ha decisamente sbagliato col suo video, mostrando tutta la sua prepotenza aggressiva: ha sostenuto una tesi innocentista dopo anni di feroce giustizialismo solo perché era in ballo suo figlio, ha ferito e offeso la ragazza che ha denunciato di aver subito lo stupro, accusandola in pratica di fingere e quindi di speculare. E ha ripercorso il repertorio classico dei “maschilisti” che a un certo punto sfoderano la solita parola chiave: lei ci stava, era consenziente. Non starò lì a ripetere quello che dicono tutti. Vorrei però notare un’implicazione politica. Leggi il seguito…

    • Nuovi preti: sinodali, “moderni”, tutto ma non santi

      di Stefano Fontana. Ripensare il sacerdozio, questo l’obiettivo del Simposio teologico internazionale progettato dalla Congregazione dei Vescovi e presentato alla stampa dal cardinale Marc Ouellet nel segno dello stare al passo coi tempi e della sinodalità. Nessuno ha parlato della “santità” del sacerdote, la quale, in fondo, è l’unica cosa che conta e che sta alla base anche della soluzione dei cosiddetti problemi concreti. Leggi il seguito…

    • La disputa filosofica sul vaccino, oltre i No vax e i Dio vax

      di Marcello Veneziani. Nonostante l’avvento del colore da quasi mezzo secolo, la tv e i media dividono l’umanità in bianco e nero; il video come i social premia chi dice bianco o nero, senza sfumature. Infatti la rappresentazione dominante sul vaccino è perentoria: il vaccino è la salvezza per i saggi e la dannazione per gli stolti. Dio vax e No vax, e in mezzo il vuoto. E ambedue abusano della credulità popolare per spargere cieco ottimismo e ottuso allarmismo. Ma il mondo è più vario, non si ferma nemmeno al grigio, cioè a metà tra i due estremi; ma è colorato, a volte colorito. Basta sentire i discorsi veri della gente per accorgersi che sono pochi i credenti e i miscredenti radicali, nel mezzo i più sono esitanti, mutevoli, diffidenti, guardinghi, circostanziati o rassegnati. Lo scetticismo si è fatto ipotetico e selettivo: va bene ma non AstraZeneca. Oltre la fede dei dio vax e la sfiducia dei no vax, prevale lo spirito critico e vigile. Leggi il seguito…