Un Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus promosso dall’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

A seguito della riflessione dell’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi su “Coronavirus: l’oggi e il domani”, l’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân ha promosso un Tavolo di Lavoro per approfondimenti secondo due criteri: concentrarsi sul dopo-coronavirus e tenere direttamente o indirettamente conto della prospettiva della Dottrina sociale della Chiesa. Al tavolo partecipa il gruppo redazionale dell’Osservatorio e una serie di esperti nei vari campi di ricerca. Abbiamo anche coinvolto altri centri di studio per uno scambio di contributi.

Il Tavolo di Lavoro viene promosso – come già la riflessione dell’arcivescovo Crepaldi – anche dal Coordinamento Nazionale Justitia et Pax per la Dottrina sociale della Chiesa. Il Coordinamento conta oggi 30 associazioni operanti in tutta Italia e auspichiamo che altre vi aderiscano. Insieme si lavora meglio e la Dottrina sociale della Chiesa ha bisogno di essere portata avanti in modo coordinato. Chi intende aderire può contattare il direttore Stefano Fontana scrivendo a: info@vanthuanobservatory.org.

Mons. Crepaldi nella sua riflessione ha affermato che “niente sarà come prima”. È su questo che vogliamo concentrarci, fornendo qualche riflessione e proposta affinché possa essere l’occasione per ripensare in meglio tanti aspetti della nostra vita sociale che vengono stravolti dell’epidemia. Non siamo ingenui utopisti. Sappiamo bene che ci aspettato difficoltà e tensioni. Riteniamo comunque un dovere di un centro studi riflettere insieme ad altri sul futuro che vogliamo costruire, anche nelle difficoltà.

Nel nostro sito abbiamo già pubblicato i seguenti interventi, ed altri ne seguiranno ogni giorno:

Coronavirus: l’oggi e il domani di S.E. Mons. Giampaolo Crepaldi LEGGI QUI

L’uomo non è una macchina da riparare. Prospettive di risanamento della sanità all’epoca del contagio di Silvio Brachetta LEGGI QUI

Pandemia e limiti della democrazia moderna. Spunti di riflessione da de Corte e Ambrogio Lorenzetti di Andrea Mondinelli LEGGI QUI

Il campanile e il seme da salvare. Un messaggio ai giovani di Luca Pingani LEGGI QUI

Coronavirus: lo Stato, la Chiesa, l’obbedienza di Marco Begato LEGGI QUI

Segnaliamo infine che la Riflessione dell’Arcivescovo Crepaldi è stata ripresa e rilanciata nei seguenti luoghi:

LA NUOVA BUSSOLA QUOTIDIANA

https://www.lanuovabq.it/it/coronavirus-la-crisi-di-oggi-ci-deve-far-cambiare-domani

STILUM CURIAE

https://www.marcotosatti.com/2020/03/19/coronavirus-crepaldi-la-morale-comune-dovra-cambiare/

LIFE SITE NEWS

https://www.lifesitenews.com/news/italian-bishop-worried-about-the-health-and-well-being-of-his-flock-but-even-more-so-about-its-salvation?utm_source=LifeSiteNews.com&utm_campaign=26d38760f3-Catholic_3_19_2020&utm_medium=email&utm_term=0_12387f0e3e-26d38760f3-402249609

KATHOLISCHES INFO

https://katholisches.info/2020/03/20/erzbischof-crepaldi-die-eu-ist-tot-todesursache-coronavirus/

DUC IN ALTUM DI ALDO MARIA VALLI

https://www.aldomariavalli.it/2020/03/19/coronavirus-loggi-e-il-domani/

L’OCCIDENTALE

https://loccidentale.it/il-coronavirus-ha-ammazzato-l-unione-europea/

CORRISPONDENZA ROMANA

https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/mons-crepaldi-la-morte-per-coronavirus-dellunione-europea/

LIBERTÀ E PERSONA

http://www.libertaepersona.org/wordpress/2020/03/coronavirus-loggi-e-il-domani-riflessioni-su-unemergenza-non-solo-sanitaria/

CULTURA CATTOLICA

https://www.culturacattolica.it/attualità/in-rilievo/ultime-news/2020/03/19/coronavirus-l-oggi-e-il-domani

ROSSOPORPORA

https://www.rossoporpora.org/rubriche/italia/935-coronavirus-una-argomentata-riflessione-di-mons-giampaolo-crepaldi.html

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…