Se in Cina saltasse il Partito comunista?

Il dramma che sta purtroppo vivendo il popolo cinese, a causa del coronavirus, può avere effetti dirompenti non solo sulla vita di molte singole persone, ma sul mondo intero.

Questo si comprende soltanto se si tengono presenti almeno due fatti fondamentali.

Il primo: la Cina, primo paese per popolazione al mondo, è da tempo la seconda potenza economica mondiale, e ciò significa che la sua economia è strettamente legata a quella di moltissimi altri paesi, comprese super potenze come gli Usa e la Germania.

La seconda: in Cina esiste dal 1949 una dittatura comunista di cui si parla molto poco (potere del denaro!), e che ha sino ad ora superato indenne molte scosse, compresi i moti del 1989, quando centinaia di cinesi furono uccisi dai carri armati del regime.

Quali potrebbero essere le conseguenze di questa epidemia, se e solo essa dovesse durare ancora a lungo?

La prima conseguenza possibile è la fine della globalizzazione come la conosciamo da anni.

La globalizzazione era già entrata in parziale crisi con due avvenimenti: la Brexit e l’elezione di Trump negli Usa. In particolare è stato il presidente americano a mutare la scena mondiale, introducendo un nuovo modo di vedere il rapporto tra super-potenze.

Prima di lui, i Bush, i Clinton, lo stesso Obama, soprattutto per influenza di Hillary Clinton, erano legati al modello militare. In altre parole, dopo la caduta dell’Urss, hanno cercato di mantenere il primato mondiale degli Usa attraverso il controllo dell’energia e le guerre di “esportazione della democrazia”.

Ma dalle guerre in Iraq (epoca Bush) alla devastazione della Libia (epoca Obama), passando per le cosiddette primavere arabe, questo progetto è fallito miseramente, creando solo morte e instabilità. Se nel 2016 avesse vinto Hillray Clinton, avremmo avuto al potere, negli Usa, il partito della globalizzazione e dello scontro armato con Corea del nord, Siria, Iran e Russia.

Invece ha vinto Trump, che ha chiuso il fronte Siria, il fronte Corea del nord e il fronte Russia, identificando nella Cina l’avversario non militare, ma economico, degli Usa.

Di qui il tentativo di dividere l’alleanza innaturale tra Russia e Cina, nata in seguito all’assedio della Russia da parte delle amministrazioni americane precedenti. Ovviamente la guerra doganale di Trump con la Cina ha segnato una battuta d’arresto per la globalizzazione.

Arresto che potrebbe diventare ancora più deciso a causa del coronavirus, in grado, potenzialmente, di frenare drasticamente l’economia più “sprintosa” del mondo (ma anche quella di paesi particolarmente legati all’export in Cina, come la Germania).

Veniamo al secondo punto: la dittatura comunista. Il coronavirus sta mettendo in crisi il partito unico comunista che resiste da circa 70 anni. All’epoca della Sars il regime ateo di Pechino tenne nascosta la notizia per molti mesi, bloccando le notizie sui giornali, applicando una censura feroce. Come ricorda Bernardo Cervellera, direttore di Asianews, già docente a Pechino, nel suo Missione Cina, del 2003, il partito comunista anche allora tentò in tutti i modi di nascondere “il reale numero dei decessi e degli infetti”.

Quando questo si venne a sapere, gli stessi cinesi iniziarono a mettere in dubbio la bontà di un regime dittatoriale che oggi prospera sulla censura, le diseguaglianze sociali, la persecuzione delle religioni ecc., lasciando la gente delle campagne senza sanità, inquinando come nessun altro paese al mondo, e mescolando il dirigismo comunista con il peggior turbo capitalismo.

Allora lo scandalo portò alla caduta di qualche testa del partito, da offrire alla gente inferocita.

Ebbene anche con il coronavirus il partito comunista ha cercato in tutti i modi di nascondere la notizia, salvo poi incriminare il medico che per primo aveva lanciato l’allarme e che oggi è diventato, per moltissimi cinesi, un vero eroe, che ha saputo sfidare la menzogna sistematica imposta dal regime (leggi qui)

Il fatto che il coronaviurs abbia molto più impatto della Sars, sia dal punto di vista medico, sia mediaticamente (oggi è sempre più difficile, anche per un regime, tenere notizie e fatti sotto controllo), sia economicamente (oggi la Cina è molto ma molto più forte, ma anche più esposta, rispetto al 2003, fa sì che abbia senso porsi una domanda: vista la difficoltà in cui si trova il presidente della repubblica/dittatore, Xi Jinping, non è che questa volta il regime rischia davvero di crollare?

In altre parole il coronavirus avrà l’effetto di far crollare questo strano regime “apertissimo” al commercio mondiale e al potere dei soldi, ma chiuso e controllato quasi come il mondo comunista che stava dietro il muro di Berlino e la cortina di ferro?

Il tempo ci svelerà se si tratta solo di ipotesi ardite o se davvero stiamo assistendo ad un cambiamento epocale, in Cina e di conseguenza nel mondo intero.

da: La voce del trentino, 15 febbraio 2020

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I compiti del governo Draghi e gli obblighi di chi lo ha voluto

      di Gaetano Quagliariello. La vicenda dei sottosegretari segna una battuta d’arresto per il governo Draghi. Per i modi con i quali si è pervenuti alla lista. E, ancor di più, per i nomi che la lista contiene. In principio era il governo “dei migliori”. Poi si è trasformato nel governo “dei comuni mortali”. Chi può faccia qualcosa per evitare l’avvento del governo “degli zombie”. Leggi il seguito…

    • Quando il magistero non è magistero? Uno spunto francese

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog ci si è già occupati del problema se e quando le affermazioni del magistero riguardanti la Dottrina sociale della Chiesa siano vincolanti per il credente ed esigano obbedienza. Con papa Francesco questo è ormai diventato un enorme problema. A tornare sull’argomento è ora la rivista francese Liberté Politique con il fascicolo n. 87 dal titolo “Parole et autorité dans l’Église”. Leggi il seguito…

    • La Cina a caccia dei porti dell’Adriatico. Ma Rijeka (Fiume) dice no

      di Vladimir Kosic. Ciò che né gli Stati Uniti d’America e né l’Unione Europea vogliono è che si ripeta quanto accaduto con il porto del Pireo e con la “Via della seta” (Sea&Belt Initiative) in cui è coinvolta l’autorità portuale di Trieste all’interno del disegno cinese che coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa intera. Il primo, sfacciato, risultato è stato segnato con l’ingresso/possesso del porto del Pireo, ormai completamente nelle mani di Pechino. Con l’accordo sottoscritto tra Xi Jinping e Kyriakos Mītsotakīs, premier greco, la Grecia è diventata l’ingresso della Cina in Europa ottenendo in cambio pochi spiccioli Leggi il seguito…

    • L’anno che ci invecchiò di colpo

      di Marcello Veneziani. Come riassumere in una sola immagine, in un solo pensiero, quasi in un’epigrafe storica per i posteri il senso dell’anno trascorso sotto la pandemia? In sintesi: fu l’anno che ci invecchiò di colpo. Nell’arco che va da marzo scorso a oggi, siamo invecchiati tutti più in fretta; donne, vecchi e bambini, giovani e adulti, in ogni parte del mondo. Abbiamo vissuto un anno da vecchi, con una mezza tregua estiva. Stando reclusi in casa, vivendo da pensionati, da cagionevoli, da convalescenti, distanti da tutti, isolati dagli altri, al riparo dal mondo; abbiamo curato la nostra sopravvivenza vivendo meno, non lavorando, non uscendo, non viaggiando, non rischiando. Leggi il seguito…