Se in Cina saltasse il Partito comunista?

Il dramma che sta purtroppo vivendo il popolo cinese, a causa del coronavirus, può avere effetti dirompenti non solo sulla vita di molte singole persone, ma sul mondo intero.

Questo si comprende soltanto se si tengono presenti almeno due fatti fondamentali.

Il primo: la Cina, primo paese per popolazione al mondo, è da tempo la seconda potenza economica mondiale, e ciò significa che la sua economia è strettamente legata a quella di moltissimi altri paesi, comprese super potenze come gli Usa e la Germania.

La seconda: in Cina esiste dal 1949 una dittatura comunista di cui si parla molto poco (potere del denaro!), e che ha sino ad ora superato indenne molte scosse, compresi i moti del 1989, quando centinaia di cinesi furono uccisi dai carri armati del regime.

Quali potrebbero essere le conseguenze di questa epidemia, se e solo essa dovesse durare ancora a lungo?

La prima conseguenza possibile è la fine della globalizzazione come la conosciamo da anni.

La globalizzazione era già entrata in parziale crisi con due avvenimenti: la Brexit e l’elezione di Trump negli Usa. In particolare è stato il presidente americano a mutare la scena mondiale, introducendo un nuovo modo di vedere il rapporto tra super-potenze.

Prima di lui, i Bush, i Clinton, lo stesso Obama, soprattutto per influenza di Hillary Clinton, erano legati al modello militare. In altre parole, dopo la caduta dell’Urss, hanno cercato di mantenere il primato mondiale degli Usa attraverso il controllo dell’energia e le guerre di “esportazione della democrazia”.

Ma dalle guerre in Iraq (epoca Bush) alla devastazione della Libia (epoca Obama), passando per le cosiddette primavere arabe, questo progetto è fallito miseramente, creando solo morte e instabilità. Se nel 2016 avesse vinto Hillray Clinton, avremmo avuto al potere, negli Usa, il partito della globalizzazione e dello scontro armato con Corea del nord, Siria, Iran e Russia.

Invece ha vinto Trump, che ha chiuso il fronte Siria, il fronte Corea del nord e il fronte Russia, identificando nella Cina l’avversario non militare, ma economico, degli Usa.

Di qui il tentativo di dividere l’alleanza innaturale tra Russia e Cina, nata in seguito all’assedio della Russia da parte delle amministrazioni americane precedenti. Ovviamente la guerra doganale di Trump con la Cina ha segnato una battuta d’arresto per la globalizzazione.

Arresto che potrebbe diventare ancora più deciso a causa del coronavirus, in grado, potenzialmente, di frenare drasticamente l’economia più “sprintosa” del mondo (ma anche quella di paesi particolarmente legati all’export in Cina, come la Germania).

Veniamo al secondo punto: la dittatura comunista. Il coronavirus sta mettendo in crisi il partito unico comunista che resiste da circa 70 anni. All’epoca della Sars il regime ateo di Pechino tenne nascosta la notizia per molti mesi, bloccando le notizie sui giornali, applicando una censura feroce. Come ricorda Bernardo Cervellera, direttore di Asianews, già docente a Pechino, nel suo Missione Cina, del 2003, il partito comunista anche allora tentò in tutti i modi di nascondere “il reale numero dei decessi e degli infetti”.

Quando questo si venne a sapere, gli stessi cinesi iniziarono a mettere in dubbio la bontà di un regime dittatoriale che oggi prospera sulla censura, le diseguaglianze sociali, la persecuzione delle religioni ecc., lasciando la gente delle campagne senza sanità, inquinando come nessun altro paese al mondo, e mescolando il dirigismo comunista con il peggior turbo capitalismo.

Allora lo scandalo portò alla caduta di qualche testa del partito, da offrire alla gente inferocita.

Ebbene anche con il coronavirus il partito comunista ha cercato in tutti i modi di nascondere la notizia, salvo poi incriminare il medico che per primo aveva lanciato l’allarme e che oggi è diventato, per moltissimi cinesi, un vero eroe, che ha saputo sfidare la menzogna sistematica imposta dal regime (leggi qui)

Il fatto che il coronaviurs abbia molto più impatto della Sars, sia dal punto di vista medico, sia mediaticamente (oggi è sempre più difficile, anche per un regime, tenere notizie e fatti sotto controllo), sia economicamente (oggi la Cina è molto ma molto più forte, ma anche più esposta, rispetto al 2003, fa sì che abbia senso porsi una domanda: vista la difficoltà in cui si trova il presidente della repubblica/dittatore, Xi Jinping, non è che questa volta il regime rischia davvero di crollare?

In altre parole il coronavirus avrà l’effetto di far crollare questo strano regime “apertissimo” al commercio mondiale e al potere dei soldi, ma chiuso e controllato quasi come il mondo comunista che stava dietro il muro di Berlino e la cortina di ferro?

Il tempo ci svelerà se si tratta solo di ipotesi ardite o se davvero stiamo assistendo ad un cambiamento epocale, in Cina e di conseguenza nel mondo intero.

da: La voce del trentino, 15 febbraio 2020

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

      di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

    • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

      di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…

    • Il Covid e la propaganda terroristica: ecco la prova della malafede

      di Claudia Passa. La prova della malafede sta nel modo con il quale vengono forniti i dati. Se si parla degli Stati Uniti si insiste sulle cifre assolute omettendo il fatto che la popolazione americana è cinque volte quella italiana e che, prendendo un parametro statisticamente più valido come ad esempio il numero di decessi per milione di abitanti, il nostro Paese sopravanza gli States di Donald Trump di oltre il 50 per cento (per non parlare del confronto col Brasile di Jair Bolsonaro). Leggi il seguito…

    • Trump smaschera (finalmente) la furia iconoclasta dei “fascisti di sinistra”

      di Corrado Ocone. Il nostro è un tempo di guerra, all’interno del nostro stesso mondo. Un nuovo Kulturkampf, una “guerra culturale” fra due opposte concezioni: una che pretende di conquistare l’egemonia delle idee, dei miti, dei simboli, dell’immaginario, e quindi di quella che nell’epoca della rivoluzione cognitiva è la più importante risorsa, il capitale intellettuale, da cui l’economico e il sociale per molti versi discendono; l’altra, che, in modo a volte contraddittorio e confuso, e comunque in maniera diversa a seconda dei contesti e delle latitudini, reagisce alla prima in nome di quel bagaglio di idee e valori che, pur sempre in movimento, costituiscono la potente eredità ricevuta dai nostri padri. Leggi il seguito…