Il “successo” della restaurazione interrotta

vela

Il pontificato e il pensiero di Benedetto XVI affrontato da tutte le angolature possibili e immaginabili, attraverso interviste. Questo lo scopo del nuovo libro del giornalista de Il Giornale, Francesco Boezi, esperto di Vaticano e di Chiesa, ma anche di politica estera (collabora a Gli occhi della guerra, il miglior contenitore, in Italia, a giudizio di chi scrive, di analisi sulla geopolitica e la politica estera).

Il libro, edito da La Vela, esce l’8 maggio ed è intitolato: “Ratzinger. La rivoluzione interrotta”.

Gli intervistati hanno storie e formazione molto diverse: c’è un banchiere, come Ettore Gotti Tedeschi, che non può che parlare di Ratzinger “economista”; ci sono giornalisti famosi come Marco Tosatti, Gennaro Sangiuliano, Aldo Maria Valli e Fabio Marchese Ragona; c’è l’editore di alcuni libri di Benedetto, David Cantagalli; ci sono Gaetano Rebecchini, figlio di un ex sindaco di Roma e Giovanni Minnucci, Professore di Storia del diritto medievale e moderno nell’Università di Siena; c’è un musicista come Aurelio Porfiri, impegnato nella riscoperta della musica sacra tanto amata dal pontefice emerito… e poi due sociologi come Giuliano Guzzo e Marco Luscia, una nota bioeticista come Assuntina Morrresi, ed infine Filippo Savarese, Maria Rachele Ruiu e Jacopo Coghe, gli intrepidi animatori di Manif Pour Tous, Generazione Famiglia e CitizenGo.

Ne risulta un ritratto a tutto tondo, che aiuta a capire non solo l’attualità, ma anche quasi mezzo secolo di storia della Chiesa, da quando cioè Ratzinger divenne cardinale, nel 1977, assumendo da subito un ruolo da protagonista del dibattito teologico ed ecclesiale.

La prefazione del libro è affidata ad Ettore Gotti Tedeschi, ed inizia così: “La mia prefazione ad un libro di interviste su Joseph Ratzinger, papa Bendetto XVI, oggi papa emerito, potrebbe essere scritta, provocatoriamente, in una sola riga: il titolo del libro (La rivoluzione interrotta) è sbagliato. Il titolo corretto avrebbe dovuto essere: La restaurazione interrotta“.

Basterebbe questo incipit a comprendere quanto sia ancora necessario discutere il pontificato di Benedetto, che gli intervistati aiutano a capire, rendendo accessibile a tutti, nella sua profondità e varietà. Che poi siano un giovane e brillante giornalista come Francesco Boezi e un giovane editore coraggioso come David Nieri, fondatore delle edizioni La Vela, a cimentarsi nell’impresa, aiuta a comprendere anche un altro fatto: Benedetto non è più pontefice regnante, ma è ancora un maestro per molti, soprattutto giovani che lo hanno visto passare quasi come una meteora, ostacolato, combattuto, vilipeso sin dal principio, fuori e dentro la Chiesa, ma che forse proprio per questo hanno voluto vedere e capire, con i loro occhi e la loro testa! (da: http://www.lanuovabq.it/it/ratzinger-il-successo-di-una-restaurazione-interrotta)

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il partito dei vescovi? Un tentativo velleitario

      bassetti di Stefano Fontana. Se ho capito bene, il Forum civico proposto dal cardinale Gualtiero Bassetti vorrebbe riunire attorno ad un tavolo, inteso naturalmente in senso metaforico, le varie realtà dell’associazionismo cattolico del nostro Paese. Vescovi divisi al loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici convocano ad un “Forum civico” associazioni cattoliche divise tra loro e allo stesso loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici. È evidente la sproporzione tra la proposta e le sue esigenze da un lato e la consapevolezza della posta in gioco dall’altro. Di solito i progetti con queste caratteristiche vengono chiamati velleitari Leggi il seguito… 

    • S’avanza il partito dei vescovi, ma sembra il Pd

      cei-assemblea-permanente di Riccardo Cascioli. Da settimane si fanno sempre più insistenti le voci di un tentativo di unire diverse associazioni cattoliche impegnate nel sociale per costituire una nuova formazione politica. Il cardinale Bassetti parla di partire con un forum di associazioni. Di sicuro c'è il programma: più Europa, più immigrati. Un film già visto e destinato al fallimento. Ma negli esempi proposti da Bassetti - Sturzo, De Gasperi, La Pira - si svelano le contraddizioni dei vescovi. Leggi il seguito… 

    • Macron perde pure in Libia. La Francia accetta il piano dell’Italia

      Conte e Haftar di Lorenzo Vita. Con l’arrivo di Khalifa Haftar a Roma, l’Italia ha messo a segno un colpo importante. Non è certo l’unico né l’ultimo, e non è probabilmente il principale. Ma è un segnale: ora il leader della Cirenaica ha a Roma il suo partner principale in Europa. E viceversa, l’Italia ha in Haftar un interlocutore in Libia, e questo dopo mesi in cui il maresciallo è stato forse uno dei principali antagonisti dei piani di Roma nel Paese nordafricano, come dimostrato non solo dai contatti con la Francia, ma anche con l’opposizione alla presenza dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, adesso tornato nelle grazie del generale che anzi ne invoca il rientro in Libia. Leggi il seguito… 

    • Questionario omofobia, il ministro Bussetti blocca tutto

      bussetti PERUGIA – “Stop al test sul sesso”. Lo dice senza mezzi termini il ministro all’Istruzione Marco Bussetti, parlando dalle colonne Corriere dell’Umbria in merito al test sull’omofobia che in questi giorni sta facendo discutere ed è stato distribuito presso molte scuole. “Abbiamo parlato con l’Ufficio scolastico regionale – dice Bussetti – e i questionari sono fermi. Li abbiamo bloccati. Abbiamo chiesto di rivederne la formulazione e di cambiare le modalità di realizzazione del progetto”. Leggi il seguito…