La fine del primato italiano e le guerre di Napoleone

vai

Il geologo Gian Battista Vai, già direttore del Museo Cappellini di Bologna, Capo Delegazione Italiana all’ International Geological Congress di Pechino 1996, Rio de Janeiro 2000, Firenze 2004, Oslo 2008, è anche un esperto di storia della scienza.

In questa intervista, raccolta insieme a molte altre nel volume Gli scienziati davanti al mistero del cosmo e dell’uomo. Piccoli dialoghi su grandi temi (qui: http://www.dominusproduction.com/editoria/item/gli-scienziati-davanti-al-mistero-del-cosmoe-dell-uomo-jpg.html) , Vai ricorda il padre dei musei scientifici, l’italiano Ulisse Aldovrandi, e in generale il primato italiano, per secoli, in campo scientifico: primato interrotto non dal processo Galilei, come spesso si legge, ma dall’invasione napoleonica.

[…]

Ci dice qualcosa del Museo Cappellini, che dirige?

Esso deriva, attraverso inevitabili cambiamenti, da quello fondato da Ulisse Aldovrandi nel Cinquecento. Aldovrandi è la persona che ha creato il neologismo “geologia”. Ma soprattutto è il fondatore del primo Museo e della prima Biblioteca, dopo le biblioteche ellenistiche e benedettine, intesi, Museo e Biblioteca, come strumenti pubblici a uso scientifico. Come ho scritto in Four Centuries of the word Geology. Ulisse Aldovrandi 1603 in Bologna, Aldovrandi è “il primo e il più rispettato fra i teorizzatori e fondatori dei primi Musei naturalistici, tutti in Italia, verso la metà del ‘500”. Senza la sua opera “come teorico e sperimentatore della tassonomia nelle scienze naturali sarebbero state inconcepibili, oltre un secolo dopo, il Systema naturae di Linneo (1735) e, dopo più di due secoli, le ricerche di Cuvier (Recherches sur le ossements fossiles, 1821-22 e di Agassiz (Recherches sur le poissons fossiles, 1832-43)”.

ritratto_di_ulisse_aldrovandi_agostino_carracci_attributedUlisse Aldovrandi

Aldovrandi è stato un grande naturalista; un abilissimo classificatore; il generoso creatore di un Museo che è una pietra miliare nello sviluppo dei metodi e delle conoscenze scientifiche moderne. Fu anche un viaggiatore instancabile, che fosse per i suoi pellegrinaggi verso Loreto o Santiago, o per raccogliere materiale interessante. Fu il primo europeo a progettare un viaggio scientifico in America, ma nel contempo si occupò di teologia, liturgia, Sindone, arte (al punto da assoldare vari pittori al servizio suo e della scienza)…”.

museo-1Il Museo Cappellini

Quindi i primi Musei naturalistici al mondo sono nati in Italia? Concorda con l’affermazione secondo cui l’Italia è stata la “culla della scienza sperimentale”?

Rispondo sì ad entrambe le domande. Qui sono nate le università. Qui è nato il mio amato Aldovrandi, la cui influenza sulla scienza italiana ed europea si è mantenuta per due secoli, visto che i suoi lavori hanno goduto della stima di Harvey, Linneo, Buffon, Diderot, Cuvier, Darwin…

Qui, in Italia, è nato Galileo Galilei, riguardo al quale, però, si dicono molte inesattezze. Non solo perché se ne dimenticano i rapporti con autori passati, tra cui lo stesso Aldrovandi, ma anche perché si è cercato di farne una sorta di rivoluzionario, avversato dalla Chiesa e avversario della Chiesa. L’Italia aveva già da tempo grandi pionieri, e Galilei è un figlio della civiltà cristiana, non un suo nemico; neppure un prodigio nato dal nulla”.

sceinziatiIl libro da cui è tratto questo passaggio dell’intervista al prof. Vai

Secondo Lei Galilei è un figlio della civiltà cristiana?

Guardi, senza ricordare la storia della scienza bolognese, eccellente nel mondo intero tra Cinquecento e Settecento, opera di cattolici professanti e sostenuta da papi come Clemente XI e Benedetto XIV, le cito un altro di questi figli, Niccolò Stenone. E’ considerato il padre ufficiale della geologia, oltre che della prima legge della cristallografia. Stenone, danese, era un grandissimo anatomista, ma nella sua terra, protestante, gli fu rifiutata la cattedra universitaria. Venne in Italia, dove ebbe due conversioni: dall’anatomia alla geologia; dal protestantesimo al cattolicesimo. Un protestante come lui, pieno dei pregiudizi propri di quell’epoca, rimase affascinato dalla fede e dalla devozione dei discepoli diretti di Galilei (Lorenzo Magalotti, Vincenzo Viviani, Francesco Redi…), da lui frequentati e stimati, anche umanamente; ammirò la fisicità della fede latina, sino a convertirsi riflettendo su una processione del Corpus Domini. Dopo aver enunciato i tre principi della stratigrafia, nel De solido del 1669, Stenone si fece prete, poi divenne vescovo. La Chiesa lo ha riconosciuto beato”.

[…]

E dopo Aldovrandi, Galilei, Stenone? Quando l’Italia ha perso importanza nel campo delle scienze?

La vulgata vuole che sia accaduto tutto dopo il processo a Galilei. Ma non è vero. L’Italia mantiene un primato in molti campi della scienza per altri 150 anni. In campo medico la ricerca sperimentale post galileiana si sviluppa con enorme successo con Marcello Malpighi e Giambattista Morgagni; in campo biologico è don Lazzaro Spallanzani ad essere considerato, in pieno Settecento, il “Galilei della biologia”; in campo geologico-paleontologico, e più in generale naturalistico, possiamo vantare L. Ferdinando Marsili (fondatore dell’ Oceanografia e della geologia marina, supportato dall’ausilio di Clemente XI), Iacopo Bartolomeo Beccari (a cui dobbiamo la scoperta dei Foraminiferi e dei microfossili), Ferdinando Bassi (fondatore della micropaleontologia), Giovanni Arduino, Antonio Vallisneri (il principale esponente della tradizione medica e naturalistica galileiana tra fine Seicento e inizi Settecento)…

maxresdefault

E’ stato soprattutto Napoleone, con i suoi saccheggi di chiese, castelli, Musei, le sue continue guerre, che furono uno shock per i piccoli stati italiani, e le sue riforme improvvisate, a segnare il vero tracollo dell’Italia (a cui contribuì più tardi anche un Risorgimento fatto senza il popolo, e contro il popolo, dannoso soprattutto per il sud). Per esempio per l’Emilia Romagna Napoleone è stato un disastro perché sino a quel momento c’era in questa terra un’ industria della canapa e della seta fantastica. Invece lui decise che occorreva farne il granaio dell’Impero”.

Quanto al primato nella geologia – che manteniamo, insieme ad altri primati, anche nel Seicento e nel Settecento, quando la Royal Society elegge dei bolognesi come Malpighi (1669) e Marsili (1691) tra i suoi membri -, passa agli inglesi dopo la fondazione della Società geologica di Londra, nel 1809.

Ma pensi che una parte del ritardo degli inglesi fu dovuta anche a questo: i geologi inglesi, spesso molto devoti come erano in genere gli scienziati di allora, erano rigidi “diluvianisti” (il diluvianismo consiste nell’amplificare enormemente l’efficacia del Diluvio Universale come agente geologico, nel farne la chiave interpretativa basilare della geologia, ndr), prediligevano, secondo il costume protestante, l’interpretazione letterale della Bibbia, e cercavano la ricerca di una concordanza totale tra versetti sacri, interpretazioni tradizionali degli stessi e fenomeni naturali. William Buckland (1784-1856), celebre geologo che inaugurò l’investigazione scientifica dei fossili di dinosauri e pastore anglicano, è un chiaro esempio di ciò, in quanto ardente sostenitore del diluvianismo perchè convinto che fosse la verità sulla storia della Terra fornita dalla Bibbia. Gli scienziati italiani, compresi gli ecclesiastici, invece, erano per lo più estranei a questi tentativi concordistici, ed anzi non pochi di essi, come il Vallisnieri, ritenevano fosse un servizio alla religione distinguere, separare il sacro dal profano, “togliendo di mezzo molte dispute che non possono che riuscire scandalose”.

Da: Francesco Agnoli, Gli scienziati davanti al mistero del cosmo e dell’uomo. Piccoli dialoghi su grandi temi ( http://www.dominusproduction.com/editoria/item/gli-scienziati-davanti-al-mistero-del-cosmoe-dell-uomo-jpg.html )

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Come può nascere una nuova crisi

      deutsche-bank di Luca Lippi. La Deutsche Bank è una banca decotta, salvata più volte con i soldi degli istituti europei. E' la stessa che nel 2011 aveva cominciato a vendere i titoli di stato Italiani. Nonostante tutto è riuscita, col favore dell’ingerenza del governo tedesco, a imporre a tutte le altre banche - comprese quelle italiane, che hanno molti investimenti in titoli di stato del proprio Paese - di deprezzarli in bilancio e di ripianare le perdite potenziali non appena questi titoli perdono di valore in Borsa anche se non li vendono. Devono coprire le perdite e mettere le mani nella tasca come se avessero perso realmente soldi (di fatto raddoppiando la perdita), mentre la Deutsche Bank non deve fare nulla. Questa è una asimmetria piuttosto evidente per essere ignorata Leggi il seguito… 

    • L’Unione debole nutre i violenti

      assalto-a-sede-ue2 di Gian Micalessin. Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell'estrema destra è improprio e riduttivo. Quell'esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l'Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti Leggi il seguito… 

    • La famiglia soffre di mononucleosi

      famiglia di Marcello Veneziani. La famiglia mononucleare. Ma che vuol dire? Spiegano seri sociologi, economisti, statistici e antropologi che sta per famiglia con un solo elemento. Ma siete scemi? La famiglia-tipo era di almeno quattro elementi, poi fu coppia, ora uno solo. È come dire: i quattro moschettieri erano tre ma ne ricordo solo due: d’Artagnan… Oppure c’è la famiglia tiraemolla per tutti i gusti: allargata, allungata, trasversale, incrociata, infrociata, a pallini, ecc. Leggi il seguito… 

    • Strasburgo, una riflessione: il terrorismo non è buddista, confuciano o cristiano

      islam di Agostino Nobile. L’ultimo attentato terroristico avvenuto in un mercatino di Natale di Strasburgo, pur sconvolgente, per i governi europei sembra l’ennesimo incidente di percorso. Per i media e i politici progressisti tutti i terroristi hanno un passato costellato di piccoli crimini. Mai una volta li hanno definiti come autentici fedeli della dottrina islamica. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.