BXVI parla ancora. Agli anglicani rientrati con Roma

anglicanorum coetibusBenedetto XVI torna a parlare pubblicamente. Dopo i tre messaggi di cui si è data notizia nei giorni scorsi, il Papa emerito ha di nuovo preso carta e penna, questa volta per scrivere all’Ordinariato di Nostra Signora di Walsingham, la comunità anglicana londinese rientrata in piena comunione con Roma dopo la pubblicazione della Costituzione apostolica Anglicanorum coetibus, firmata proprio da Benedetto XVI il 4 novembre 2009, cinque anni fa.

Il messaggio di Ratzinger è la risposta alla lettera di ringraziamento inviata lo scorso settembre da Nicolas Ollivant (presidente del gruppo Amici dell’Ordinariato di Nostra Signora di Walsingham), che esprimeva riconoscenza per il dono di questa nuova realtà. Benedetto XVI si è detto felice per l’importante ruolo che l’Ordinariato svolge nella Chiesa universale.

E così, nel quinto anniversario della sua pubblicazione, l’Anglicanorum coetibus merita di essere celebrata, poiché ha ben realizzato il vero e sano ecumenismo. Da decenni, infatti, si pensa che la finalità del movimento ecumenico sia il dialogo per il dialogo, oppure la diffusione della bislacca teoria secondo cui la Chiesa Cattolica si trovi sullo stesso piano delle altre comunità cristiane e che quindi non ci sarebbe alcun bisogno di aderire ad essa. I Pontefici e la Congregazione per la Dottrina della Fede, però, hanno sempre cercato di porre un argine a simili derive.

In questo, il ruolo di Benedetto XVI è stato decisivo. Contro i tentativi di creare una federazione di Chiese cristiane in cui ognuna mantenga la propria identità e il proprio credo, Papa Ratzinger ha risposto con l’Anglicanorum coetibus. La Costituzione apostolica è rivolta a tutti quegli anglicani che, stanchi degli sbandamenti della loro gerarchia, aperta a tutte le storture della modernità (sacerdozio femminile, legittimazione dell’omosessualità, etc.), hanno espresso il desiderio di tornare al Cattolicesimo. Non si tratta, si badi bene, di un ritorno alla Chiesa di Roma di singoli individui, ma di interi gruppi. Così afferma la Costituzione nel suo incipit: «In questi ultimi tempi lo Spirito Santo ha spinto gruppi anglicani a chiedere più volte e insistentemente di essere ricevuti, anche corporativamente, nella piena comunione cattolica e questa Sede Apostolica ha benevolmente accolto la loro richiesta» (corsivo mio). E, dopo aver ricordato che «l’unica Chiesa di Cristo infatti, che nel Simbolo professiamo una, santa, cattolica e apostolica, “sussiste nella Chiesa Cattolica governata dal successore di Pietro, e dai Vescovi in comunione con lui”», il documento pontificio ripete che suo scopo è provvedere «ad una normativa generale che regoli l’istituzione e la vita di Ordinariati Personali per quei fedeli anglicani che desiderano entrare corporativamente in piena comunione con la Chiesa Cattolica» (corsivo mio). Si parla quindi senza problemi di un rientro nella piena comunione cattolica.

Torna perciò in auge il tradizionale “ecumenismo di ritorno”, così come avvenuto nei secoli con molti cristiani di rito orientale, cui la Santa Sede ha concesso sempre larga autonomia e rispetto per le proprie tradizioni, fermo restando, ovviamente, il riconoscimento del primato petrino  e quel che ne deriva (basti pensare all’enciclica di Leone XIII Orientalium dignitas, del 1894, in cui il grande Pontefice condannava la latinizzazione forzata degli orientali). Ebbene, la Anglicanorum coetibus,nelle sue norme, coniuga sapientemente il rispetto di alcune tradizioni anglicane con la piena adesione alla Chiesa di Roma e alla fede cattolica. In questa sede non si può esaminare l’intero testo, ma basta leggerlo per rendersi conto di tutto ciò. Rileviamo solo che il Catechismo è definito «espressione autentica della fede cattolica professata dai membri dell’Ordinariato».

Un documento, quindi, da ricordare, nell’ottica di quell’ermeneutica della continuità purtroppo ancora disattesa nella pratica pastorale di tutti i giorni. E spesso anche dottrinalmente.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…