I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

di Frodo.

Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione.

Si potrebbe segnalare come i tre partiti coinvolti nel caso, e cioè Lega, MoVimento 5 Stelle ed Italia Viva, siano tutti e tre frutto di questa fase politica. Quella in cui le federazioni  e le sezioni hanno chiuso i battenti, mentre gli esponenti politici si avvicinano ai movimenti dopo che i leader hanno acquisito dei consensi e non il contrario. Potremmo segnalarlo, ma sarebbe quantomeno inutile ai fini del ragionamento. Il Parlamento, “pesca delle occasioni”, è stato di fatto esautorato dal suo compito durante la crisi pandemica, con i Dpcm, le mancate convocazioni e tutto il cucuzzaro. Eppure, invece di notare come la democrazia italiana stia entrando in una crisi potenzialmente irreversibile a causa di uno “stato di emergenza” che il governo giallorosso sembra voler prolungare ad libitum, ci si occupa di cinque parlamentari che hanno richiesto un bonus. Per carità: i cinque sono protagonisti di un gesto poco rispettoso. Ma oseremmo dire che esistono problemi più grossi di cui vale la pena occuparsi.

La disamina interessa dunque pure le priorità mediatiche: scandalizzarsi per quelle cinque richieste, che ripetiamo sono da stigmatizzare, può solleticare gli animi del popolo rancoroso, ma non pone gli accenti dove dovrebbero essere, e cioè sul complessivo processo di svilimento che ha colpito le istituzioni parlamentari della nostra Repubblica. Il problema – dicevamo – non è che cinque parlamentari abbiano richiesto un bonus, ma che tutto il Parlamento non sia stato preso in considerazione, nel momento in cui Conte ed i suoi si affrettavano a prendere decisioni che, con la medesima fretta, sarebbero potute anche passare da un dibattito parlamentare. Non serve la politologia per comprendere che ci troviamo dinanzi a due problemi di natura diversa e di portata altrettanto differente. La crisi della democrazia non fa evidentemente notizia, mentre l’opportunismo di alcuni sì. Prendiamo atto anche di questo.

Se poi chi ha uno stipendio da parlamentare è legittimato a richiedere il bonus, beh, allora il disguido non è presente solo nello spirito opportunistico dei nostri cinque bonuscratici, ma anche nella penna di chi ha disposto la normativa in quel senso. Ma anche di questo – dei pasticci fatti attorno a questa storia dei bonus, con bisognosi rimasti all’asciutto e meno bisognosi destinatari di sostegno magari anche indesiderato, se ne parla poco. Manca, in questa vicenda, anche l’epica della ruberia tipica della politica delle dottrine ideologiche: qui non c’è il “sistema” di Tangentopoli, ma solo qualcuno che magari ci ha provato. Non si tratta neppure di ladri. E mentre la nazione si interroga su tutto questo, lo “stato d’emergenza” prosegue imperterrito nella sua marcia. Le monetine, in questo giro di giostra, le tirano i bonuscratici. E dal Raphael sta uscendo trafilata la democrazia.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Amy Coney Barrett: l’originalismo, la separazione dei poteri e i limiti all’arbitrio interpretativo dei giudici

      di Bilbo Baggings. Cos’è l’originalismo testualista, corrente interpretativa, di cui è esponente la giudice Amy Coney Barrett, appena indicata da Trump alla Corte Suprema, in sostituzione dell’icona liberal Ruth Bather Ginsbug? Leggi il seguito…

    • Se la Chiesa diventa ancella dell’ONU

      di Stefano Fontana. Covid, globalismo e sovranismo, vaccini, clima: nel suo Messaggio alle Nazioni Unite per il 75esimo della fondazione, papa Francesco affronta temi attuali ma adeguandosi al sentire dominante, senza alcun rilievo originale ispirato alla Dottrina sociale della Chiesa. Leggi il seguito…

    • Il peccato originale della Barrett? Essere cattolica senza essere “adulta”

      di Eugenia Roccella. Per i democratici americani e per i media di casa nostra Amy Coney Barrett, la candidata proposta da Trump, non è adatta a diventare giudice della Corte Suprema americana, perché cattolica. “Il dogma vive dentro di lei”, disse con tono apocalittico una senatrice democratica, Dianne Feinstein, e tutti oggi citano quella frase, sottolineando come la Barrett sia contraria all’aborto a causa della sua fede. Leggi il seguito…

    • Super ex: Roma vaticana assomiglia a una corte pagana…

      di Marco Tosatti. Bergoglio ha governato 7 anni con il pugno di ferro verso i nemici (i cattolici fedeli al I comandamento, quelli convinti che “non uccidere l’innocente” sia ancora valido ecc…) e lasciando briglia sciolta ai presunti “amici”. Ora però accade che i suoi presunti amici, ora che il Capo non è più onnipotente, ma declinante, siano non solo ingombranti, ma anche divisi tra loro: le spartizioni non sono mai facili, tra briganti, e i regolamenti di conti, le vendette,  prima o poi arrivano Leggi il seguito…