Gandolfini: L’Europa si piega ancora alla cultura gender, grave la bocciatura della risoluzione dei Conservatori

di Associazione Family Day – DNF.

“L’Europa ha perso un’altra occasione per difendere i diritti dei bambini e riconoscere i principi del bene comune, privi di derive ideologiche. Ieri infatti il Parlamento di Strasburgo ha bocciato la risoluzione presentata dal gruppo dei Conservatori e Riformisti e messa a punto da Fratelli d’Italia in occasione del 30.mo anniversario della Convezione dei Diritti dell’Infanzia. Un testo che sosteneva la vita fin dal concepimento e la famiglia naturale, con misure per conciliare vita-lavoro; che condannava la pratica dell’utero in affitto, respingeva la teoria gender ed esortava alla lotta contro la pedopornografia online”, così Massimo Gandolfini, leader del Family Day.

“Popolari, socialisti, verdi e comunisti hanno invece approvato un testo intriso di ideologia, in cui, accanto all’indicazione di obiettivi naturalmente condivisibili, viene promosso l’accesso ad informazioni esaustive sul sesso e salute riproduttiva (leggasi contraccezione – “d’emergenza” e non – e accesso all’IVG) in tutte le scuole; in cui si parla di minori LGBTI – dando per scontato che i bambini possano scegliere di essere trans o intersessuali – di orientamento sessuale e identità di genere slegata dal sesso biologico, rappresentando così un minore ipersessualizzato e con un’identità liquida”, prosegue il leader del Family Day.

Se da una parte siamo lieti che un grande blocco sociale sia stato contaminato dai nostri valori, dall’altra dobbiamo constatare con grande dolore che parte del movimento dei Popolari europei abbia ormai abbracciato una deriva contro l’umano, rinnegando quei principi antropologici della cultura politica cristiana su cui si è fondata tutta la civiltà occidentale. In questa cornice è dunque doveroso ricordare che i primi diritti di un bambino – da cui discendono tutti gli altri – sono quelli alla vita, ad essere amato dalla mamma e dal papà e a non essere oggetto di mercimonio”, conclude Gandolfini.

Roma, 27 novembre 2019

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’italo-comunismo nacque cent’anni fa e non è morto

      di Marcello Veneziani. Cosa è vivo oggi del comunismo? La sua mentalità. La sinistra dem, liberal e radical ha ereditato dal Pci la presunzione di diversità e superiorità; la pretesa di giudicare il mondo senza essere giudicati; il razzismo etico, forma aberrante di suprematismo; l’egemonia della casta, l’Intellettuale Collettivo che decreta i valori e i disvalori della società. L’ideologia si è fatta etica e biopolitica. PC è ora la sigla di Politically Correct. Quel codice, derivato dal comunismo e dal giacobinismo, trasformò la sinistra in partito delle classi agiate, del potere global e degli apparati, degli intellettuali e dei magistrati Leggi il seguito…

    • L’allarme di Müller: il Papato corre un grave pericolo

      di Riccardo Cascioli. Grazie anche al potere dei media si è creata ormai una notevole confusione nella Chiesa riguardo al significato del Papato. Da una parte la rinuncia di Benedetto XVI ha dato l'idea dell'esistenza di "due Papi", cosa che non è assolutamente concepibile. E dall'altra papa Francesco, tra relativizzazioni del ruolo e "cambi di paradigma", rischia di predicare «una fratellanza umana senza Gesù Cristo» e intavolare un dialogo con l'islam all'insegna del relativismo religioso. Necessario ritrovare il carattere Cristocentrico del Papato. Il cardinale Gerhard L. Müller pubblica un intervento sul vero significato del Papato. Leggi il seguito…

    • Rieccoli Caino D’Alema e Abele Veltroni

      di Marcello Veneziani. Rieccoli. Caino e Abele, Romolo e Remo, i fratelli coltelli della sinistra. A cent’anni esatti dalla nascita in Italia del Partito comunista riemergono dal passato due figure chiave della sinistra: Massimo D’Alema e Walter Veltroni. Di D’Alema si narra che sotto la sua attività vinicola, sia ancora aleggiante sul governo in carica, con tre ministri di sua fiducia (Gualtieri, Speranza e Amendola), un suo uomo come super-commissario al Malessere generale (Arcuri), e lui stesso nel ruolo di consigliere occulto di Giuseppe Conte. Leggi il seguito…

    • Soccorso CEI a Conte, così si diventa Chiesa di Stato

      di Stefano Fontana. Il dichiarato appoggio della Chiesa italiana ai tentativi del presidente del Consiglio Conte di perpetuare il suo governo va contro la ragione politica e contro le esigenze della fede cattolica nei confronti della politica. Significa anche sostenere che questo governo - fortemente anti-cattolico nelle sue politiche - ha fatto bene le cose e continuerà a farle bene. Giudizio assurdo, viste le mancanze, l'incapacità e il radicalismo anti-vita e anti-famiglia dimostrati dall'esecutivo. Leggi il seguito…