La classe moralmente superiore è sempre innocente

 sup

Da ACTUALL quotidiano spagnolo di informazione online – 30 gennaio 2019

Nella foto Juán Carlos Monedero, fondatore di Podemos, in un atto di omaggio a Hugo Chávez.

Possiamo immaginare qualcuno che dica che “il nazional-socialismo è quanto di più contrario a Hitler, perché questo, benché si facesse chiamare nazional-socialista, in realtà non lo era? Ma questo in realtà è ciò che affermano gli appartenenti alla sinistra a riguardo di Maduro, dicendo che “non era socialista e che non lo è mai stato.

Di Pedro Fernández Barbadillo.

Il vantaggio principale di unirsi alla tribù della sinistra o a uno dei suoi clan, dal gay che entra nel partito dei Ciudadanos perché chiede che vengano legalizzati gli uteri in affitto, o il comunista pensionato della Seat di Barcellona, che beve Veterano alla salute di Julio Anguita, non fa che ricevere una patente di innocenza tanto forte da poter resistere a qualsiasi attacco, compresa la realtà (che lo smentisce), in questa perdita che oggi arreca tanto disgusto alla “gente di ordine e progresso”.

Quando accadono avvenimenti che arrecano loro molestia, che frenano le loro misure o che smentiscono le loro opinioni, la prima reazione della sinistra consiste nell’occultare con un mare di parole, che danno il capogiro. Vi do un solo esempio, dato che non ho tanta voglia di cercare in internet, visto che mi salgono gli zuccheri tanto da intasare il mio computer e le arterie. (Nell’originale viene inserito un video in cui un uomo di sinistra si autocelebra. Ndt).

Quando accadono questi fatti, come una depressione economica, una serie di sconfitte elettorali o qualche incarcerazione per corruzione, persistono nell’utilizzo della formula raccomandata dal manuale dell’impero “progressista”, che consiste nel riconoscerlo, aggiungendo però che non sono molto da rimproverare, dato che le intenzioni con cui gli amici di sinistra hanno operato, era buona: ridurre la povertà, ripartire la ricchezza, salvare le balene…

Tutta la sinistra spagnola ha la pretesa di dire di non aver alcuna colpa dello sprofondamento del Venezuela, già dagli anni Settanta”.

E se tutto si trasforma in un disastro, non si fa altro che negare la sua stessa esistenza. Già Zapatero, negando la crisi economica, riuscì a vincere le elezioni con il più alto numero di voti mai ricevuti da un presidente del Governo.

Ora che il Venezuela, questo modello di democrazia, sviluppo, presa del potere e anti-imperialismo, affoga nel sangue e nella polvere, si deve negare che la sinistra abbia avuto relazioni con la Repubblica caraibica. Ma in Venezuela, già dagli anni Settanta e Ottanta, ci andavano i socialisti del PSOE per ricevere consigli e petroldollari del “adeco” (socialdemocratica), Carlos Andrés Pérez, amico intimo di Felipe González; a partire dal 2000, coloro che hanno viaggiato sono stati i rappresentanti di Podemos, per poter abbracciare Hugo Chávez e Nicolás Maduro.

Negli anni 50 del XX secolo, sotto la dittatura di Pérez Himénez, un dollaro veniva cambiato con meno di 4 bolivar, il Venezuela aveva il quarto Pil per abitante più alto del mondo. Attualmente il Venezuela è al primo posto nel mondo solo per quanto riguarda l’inflazione e il tasso di omicidi. Nessuno, a meno che non sia un settario, potrà pensare che qualche responsabilità non l’abbiano i diversi governi di sinistra nell’aver fatto colare a picco il transatlantico. Ma i compagni di sinistra assicurano che non è così.

Fra qualche anno l’impero progressista ci dirà che Maduro era un agente della CIA o un nazionalista che ha rovinato un grande esperimento progressista”.

Qualche giorno fa Pedro Sámchez del PSOE ha detto ai suoi alleati di Podemos, di Izquierda Unida, (Unione di Sinistra) e del PCE, “che la sinistra non ha nulla a che vedere con Maduro”, fino ad affermare chela sinistra è tutto l’opposto del piccolo tiranno venezuelano. E un socialista ci assicura che “siamo di fronte a un giudizio così poco obiettivo, come potrebbe essere uno che darebbe del “rompi” a un tifoso del Real Madrid per un rigore tirato nella porta della sua squadra, durante una partita con il Barça.

Maduro controlla l’educazione, impone l’ideologia di genere, il linguaggio paritario, perseguita i cattolici, concede sussidi ai suoi addetti, chiude mezzi di comunicazione dissidenti, saccheggia lo stato in favore suo e del suo partito, che certamente si chiama socialista, ma che non è di sinistra, benché applichi quasi tutte le misure che vengono utilizzate dalle sinistre nelle comunità spagnole da loro governate.

Perlomeno il nuovo Harry Potter dell’estrema sinistra, Iñigo Errejón, non e stato tanto cinico. Due mesi dopo aver assicurato che in Venezuela “la gente prendeva tre pasti al giorno”, ora riconosce che ci sono state manifestazioni del passato di questo disgraziato paese che ora non condivide. Non è che lui abbia mentito o lo abbiano ingannato, è che ha cambiato opinione dopo aver parlato con più persone. Un intellettuale a tutto tondo.

Errejón confessa che non gli avrebbero mentito o lo abbiano ingannato a riguardo del chavismo, ma che ha cambiato opinione dopo aver ascoltato molta gente”.

Per quale motivo sono tanto buoni, tanto onorevoli, tanto sensibili, tanto stupendi da non meritarceli? Ricordo che quando ci fu il colpo di stato di settori del PCUS, il KGB e l’Esercito Rosso contro Mikail Gorbachov, nell’agosto del 1991, la Televisione Spagnola di Felipe González, il giornale El Pais, la SER e gli abituali “utili idioti” di destra facevano pirolette verbali per non definire comunisti i golpisti. Perché, per l’Impero Progressista, i cafoni della politica non possono essere che fascisti o militanti fascisti, mentre ora sono definiti populisti fascisti.

Alla fine, è l’epiteto che è stato elaborato per definire coloro che si sollevarono contro Gorbachov, fu di ultraconservatori. E cioè, i capi dell’Esercito Rosso e del KGB superavano i grandi duchi Romanov e i generali bianchi nel loro essere reazionari e traditori del proletariato.

Se chi ruba non può essere di sinistra, allora non può essere che di destra o di centro. Tanto, nella sinistra non c’è mai nulla di malvagio”.

Il comunista Alberto Garzón, quello che è andato in luna di miele in Nuova Zelanda come qualsiasi operaio di Léganes o cameriero di Benidorm, ha affermato: “Per me una persona che ruba, che estorce e utilizza i fondi pubblici per il suo interesse privato, non può essere di sinistra”. Ti togli dal novero dei ladroni, mentre lo attribuisci all’avversario, perché se non è di sinistra, sarà di destra o del centro, o del “trio” reazionario.

Quando sarà passato qualche anno dalla caduta di Maduro, ci faranno sapere che era al soldo della CIA e che aveva una collezione di fumetti di Roberto Alcázar. Per fortuna, il metallo dell’armatura della classe moralmente superiore ha ricevuto tanti colpi ed è stato tante volte provato, da convertirsi in semplice foglio di latta rotto, che lascia intravedere le vergogne.

Fonte: https://www.actuall.com/criterio/democracia/la-clase-moralmente-superior-siempre-es-inocente/

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.