Mattarella chi tutela?

index

Qualche riflessione a caldo dopo la giornata di ieri. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, esponente del Partito Democratico ed eletto al colle da una fu maggioranza parlamentare che oggi non arriva al 25% e nei sondaggi è ancora più in basso, personaggio di cui Mario Adinolfi, da proverbiale grande stratega politico, aveva tessuto le lodi cattoliche e democratiche, ha deciso il naufragio del governo Lega-5 stelle mettendo il veto al professor Savona.

La colpa? Essere favorevole all’uscita dall’Euro. Capito? Non la famiglia naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna come da articolo 29 della Costituzione, non la vita umana come bene indisponibile sono i capisaldi intangibili di Mattarella, ma l’Euro, una moneta che agli italiani è stata imposta senza che sulla sua adozione essi si siano mai espressi e di cui non è possibile nemmeno ipotizzare l’abbandono.

In una precedente nota il rifiuto di Savona era stato giustificato dalla necessità di preservare l’indipendenza del presidente del consiglio incaricato, ma quando questi si è presentato al Colle portando nella casella del ministero dell’economia il docente di economia inciso da Mattarella, il velo sulle vere ragioni per cui Mattarella non lo voleva è caduto. Savona non l’ha accettato “per tutelare i risparmi degli Italiani”, si è giustificato. Ma da quando in qua il presidente della repubblica è tutore dei risparmi degli italiani? Quando di notte Giuliano Amato pelava i soldi dai conti correnti degli Italiani la presidenza della Repubblica cosa tutelava?

Quando Prodi c’impose la tassa per entrare nell’Euro? Quando negli anni veniva montata una macchina fiscale oppressiva, vessatoria ed asfissiante si raccoglievano le margherite? Quando coi governi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni il debito pubblico cresceva di 400 miliardi di euro, Mattarella ai soldi degli Italiani chiamati prima o poi a ripianarlo non pensava? E quando nominava ministro la Fedeli, all’istruzione degli Italiani non ci pensava? Ora Mattarella a formare il governo ha chiamato quel Cottarelli tecnico fiduciario del PD, uomo del Fondo Monetario Internazionale che non ha alcuna probabilità di ottenere la fiducia, ma è gradito a Mattarella e al PD per le nomine da fare da qui alle prossime elezioni. Fatemi capire, a Salvini come leader del centrodestra Mattarella non ha dato l’incarico perché non aveva la maggioranza in parlamento, a Conte che la maggioranza ce l’aveva, Mattarella l’ha stoppato sul ministro dell’economia, ma a Cottarelli che la maggioranza in parlamento non ce l’ha nemmeno se arruola cento deputati del Bundestag, l’incarico viene dato.

Allora non è il godere di una maggioranza parlamentare il criterio che muove Mattarella, ma il fatto che la composizione del governo piaccia al presidente della Repubblica e all’eurocrazia. La CEI è subito corsa in aiuto del re traballante, ma si capisce, chi altro può assecondarli nellinvasione immigrazionista e nel suo indotto se non un governo il cui azionista sia quel PD da cui sono garantiti e di cui sono sodali? In tutto questo Berlusconi dovrà decidere se continuare a fare il reggi coda della barca PD-Mattarella-Merckel, terrorizzata che un competitor talentuoso come l’Italia possa liberarsi della palla al piede di austerità, immigrati e regole cervellotiche europee, costringendo la Lega ad accordarsi coi 5 stelle, oppure rinsavire, capire che la sua occasione di essere promotore della liberazione dal cattocomunismo l’ha avuta e l’ha sprecata, capire che può ritagliarsi un ruolo sullo scacchiere internazionale quale mediatore dell’avvicinamento tra Putin e Trump, ma non può certo mettersi di traverso al vento sovranista che soffia impetuoso in Europa, perché il suo Tajani qua in Italia non se lo fila nessuno.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Politically correct, “è colpa nostra” come catechismo

      capozzi-libro-politically-correct di Aurelio Porfiri. Il politically correct è come un "catechismo civile", una somma di "precetti", di divieti, di censure in cui si compendia la retorica di un'ideologia ben precisa: quello che possiamo chiamare neo-progressismo, ideologia dell'Altro. È entrato nelle nostre vite “con una martellante opera di propaganda, di estensione e profondità ‘orwelliane’, che pretende di eliminare dai prodotti culturali, dalla dialettica politica, dai comportamenti pubblici e privati, dai luoghi della formazione, ogni termine o concetto che possano essere considerati ‘discriminatori’, ‘offensivi’, per imporre un'idea di ‘rispetto’ che in effetti coincide con un totale indifferentismo, nel quale la ‘verità’ politica è decisa volta a volta dalle élite che ‘dettano la linea’ alle società”. Intervista a Capozzi, autore del libro "Politicamente corretto. Storia di un'ideologia". Leggi il seguito… 

    • Il Papa spinge Verona: famiglia naturale insostituibile

      bergoglio-a-loreto di Nico Spuntoni. «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali». Le parole del Papa ieri a Loreto corrispondono perfettamente allo spirito del Congresso mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Verona nel fine settimana e che è oggetto di violentissime polemiche e accuse di oscurantismo, a cui si è accodata anche una parte del mondo cattolico. Leggi il seguito… 

    • Altro che famiglia

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Se la precedente Legislatura ha assestato colpi non da poco alle disposizioni sul matrimonio e sulla famiglia, con le leggi sul divorzio breve, sul divorzio facile, sulle unioni civili, con conseguente affievolimento normativo del legame sociale fondamentale, in questa Legislatura – in controtendenza rispetto alla ricomparsa dello Stato in alcuni settori dell’economia – si va verso la privatizzazione del rapporto coniugale: gli accordi prematrimoniali riducono il matrimonio a un contratto come tanti altri che, come per la somministrazione di un servizio, disciplina le modalità di conclusione prima ancora di iniziare, in un’ottica mercantilistica consacrata in clausole negoziali. Leggi il seguito… 

    • Congresso delle famiglie a Verona. Il test della libertà democratica nel Paese. Dove è la Chiesa?

      world-congress-family-verona di Marco Tosatti. Il Congresso Mondiale delle Famiglie in programma a Verona è un test importante, e tutto fa pensare che sia la Chiesa che il regime politico mediatico che si definisce progressista lo abbiano già fallito. Ma è un test importante per il Paese, perché è la cartina di tornasole della democrazia, che a parole la sinistra e i suoi giornali – i maggiori – dicono di apprezzare e difendere. In realtà l’unica democrazia che nei fatti difendono è la loro; e a chiunque si differenzi dal pensiero unico di cui sono servi felici impongono la mordacchia. Il Congresso è una cartina di tornasole della libertà di pensiero in questo Paese; Leggi il seguito…