Gli Stati Uniti hanno un budget militare di più di 700 miliardi. Per quale motivo?

 billot

Etats-Unis : plus de 700 milliards de budget militaire, pour quoi faire ?

Video-editoriale di François Billot de Lochner – Direttore del sito online di Liberté politique – 2 marzo 2018

(All’inizio del video scorrono immagini minacciose di armamenti e di aerei militari in volo. Ndt).

Il budget militare degli Stati Uniti per il 2018 si dovrebbe avvicinare ai 700 miliardi di dollari. 700 miliardi di dollari, il che equivale, pressappoco al PIL dei Paesi Bassi e della Svizzera, o dell’Arabia Saudita.

Di un’altra dimensione è il budget militare della Francia, che ammonta a 50 miliardi di dollari, da cui vediamo che, rispetto agli Stati Uniti, il budget militare della Francia è quello di un nano.

Il budget militare della Russia nel 2018 sarà intorno ai  70miliardi di dollari. Dieci volte minore di quello degli Stati Uniti. Ma il mondo occidentale è persuaso che il solo pericolo per il mondo è la Russia di Putin, a causa del suo budget militare.

È davvero disastroso che ci si sbagli a tal punto, quando si vede quanto sia squilibrato il confronto tra la Russia e gli Stati Uniti, avendo questi ultimi un budget militare davvero schiacciante. Ciò che più inquieta è l’aumento che è stato previsto. Il budget dello scorso anno era nell’ordine dei 630 miliardi di dollari. Si è passati perciò brutalmente ai 700 miliardi di dollari: il 10% in più dell’anno precedente.

A questo punto possiamo porci la domanda: che cosa vogliono davvero gli Stati Uniti, aumentando a questo punto il loro budget militare? Questo è il vero problema, perché non  ci sono apparentemente sul piano internazionale pericoli immediati. Certo, c’è una guerra contro Daesh, ma questo non giustifica un budget di tale grandezza. È davvero il caso di tenere a mente queste cifre, ed è necessario fare una riflessione e che sappiamo documentarci, cercando i motivi di questo straordinario aumento delle spese militari negli USA.

Che cosa vogliono fare gli Stati Uniti nei prossimi mesi e anni, in termini di difesa e a riguardo di una eventuale guerra che intendono preparare? Per il momento non sappiamo assolutamente nulla. Ma noi abbiamo il diritto di essere molto inquieti per tale aumento della spesa militare di una potenza che, essendo la più grande del mondo, ha già una superiorità schiacciante.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Etats-Unis-plus-de-700-milliards-de-budget-militaire-pour-quoi-faire

Traduzione di Claudio Forti

Selezionare i file

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Caro Salvini, ci dispiace, ma sull’aborto si sbaglia

      di Benedetta Frigerio. Le parole del leader leghista sull'aborto come contraccezione hanno scatenato l'ira della Sinistra sebbene siano deboli: se la donna, come sostiene, ha diritto di scegliere, non si vede perché in alcuni casi non possa farlo. Non si comprende il perché di questa ambiguità ma se il problema è l'elettorato basta guardare a Trump. Se si vuole difendere la fede del Paese non si può farlo senza la ragione e la verità. Come ricorda la Madonna, che lui ama citare. Leggi il seguito…

    • Come l’Arizona sfida la dittatura del politicamente corretto nei college

      di Eugenio Capozzi. In Arizona il deputato repubblicano Anthony Kern ha appena presentato un progetto di legge che istituirebbe, in ogni università dello Stato, un “Office of public policy events” con il compito di assicurare il pluralismo e la libera espressione di opinioni differenti negli eventi di rilevanza politica organizzati dall’ateneo. Leggi il seguito…

    • Ecco quali guai ha il mondo per le politiche antinatalità

      di Ettore Gotti Tedeschi. Mattarella ha ricordato il problema della denatalità, ma cosa sarebbe successo se l’Occidente non avesse deciso di frenare le nascite? Non ci sarebbe stato bisogno di compensarle con iperconsumismo (sempre più a debito), deindustrializzazione e delocalizzazioni. La crisi del 2007 si sarebbe evitata. Non si sarebbe sacrificato il risparmio delle famiglie, ci sarebbero meno sprechi, il tema ambientale non sarebbe divenuto l’urgenza, ecc. Magari ci sarebbero altri problemi: ma non questi. Leggi il seguito…

    • San Valentino, Giovanardi: “Crollo demografico e martellante propaganda Lgbt”

      di Carlo Giovanardi. La risposta al crollo demografico del mondo Lgbt è la rivendicazione di ricorrere all’utero in affitto e alle pratiche di fecondazione eterologa per far fronte a questo drammatico scenario. Davanti a questa deriva antropologica, confermata in Emilia-Romagna da una nuova Giunta che così a sinistra non era mai stata, c’è da domandarsi per quali motivi non solo non si levi una sola voce da parte delle Gerarchie cattoliche ma come sia stato mai possibile che tantissime parrocchie si siano mobilitate per agevolarla anziché contrastarla Leggi il seguito…