AL, i vescovi polacchi stoppano le fughe in avanti

polish-bishops-plenary-assembly-june-6-7-2017

di Marco Tosatti.

La Conferenza Episcopale polacca si è riunita nei giorni scorsi a Lublino per discutere e redigere un documento relativo alle linee guida con cui leggere l’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Alla riunione era presente anche il nunzio Salvatore Pennacchio, da poco più di un anno rappresentante del Pontefice presso la Chiesa polacca. Si ignora quando il documento stilato dai vescovi polacchi sarà pubblicato; ma siamo in grado di anticipare alcuni punti, sia pure sommariamente, che però sono centrali, e indicativi della lettura che l’episcopato ha dato dell’esortazione. Una lettura che è in linea piena con la “Familiaris Consortio” di Giovanni Paolo II. E’ evidente che nel momento in cui le linee guida approvate a Lublino saranno rese pubbliche, si evidenzierà ancora di più la confusione creata da Amoris Laetitia, e soprattutto dalle sue interpretazioni “aperturiste”. E diventerà sempre più chiaro quanto sia imbarazzante e foriero di nuova confusione il silenzio ostinato del Pontefice a fronte delle richieste di chiarificazione.

Secondo indiscrezioni di ottima fonte, possiamo dire che i vescovi polacchi rifiutano la possibilità di accesso alla comunione alle coppie che vivono “more uxorio“, cioè senza essere unite dal Sacramento del matrimonio. E’ evidente che lo stesso accade per le coppie che convivono. Naturalmente questa decisione riguarda anche le coppie dei divorziati risposati, in cui per la Chiesa sia ancora valida la prima unione. Essi non possono accedere alla Comunione sacramentale, e neanche alla comunione spirituale finché si trovino in una situazione esistenziale che contrasta apertamente con l’eucarestia; che rappresenta legame sponsale del Signore con la sua Chiesa fedele, un legame indissolubile e fecondo.

I vescovi sottolineano con forza però che la Chiesa non intende rifiutare né tantomeno discriminare persone. Ad esse vanno offerti e presentati tutti i possibili mezzi di salvezza (Parola, ritiri, formazione, adorazione, partecipazione alle messe. La loro situazione pubblica però impedisce che possano ricevere l’Eucarestia. E viene mantenuto per loro il divieto di diventare padrini e madrine al battesimo; così come non possono nei casi in cui questo è concesso ai laici, neanche distribuire la comunione. E non possono nemmeno insegnare la dottrina, cioè il catechismo.

Ai sacerdoti viene chiesto di esercitare una pastorale di accompagnamento di queste coppie e famiglie, aiutandoli a risolvere gli impedimenti oggettivi della loro situazione tramite la preghiera, penitenza e speranza.

Il documento legge Amoris Laetitia nel contesto dell’insegnamento secolare della Chiesa, e del Magistero più recente. In questo senso è stata data molta attenzione e importanza alle impostazioni stabilite da “Familiaris consortio” di San Giovanni Paolo II; al decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede del 1994 e a quanto insegnato ed esposto dal Catechismo della Chiesa Cattolica.

Una nota finale: l’Università Cattolica di Lublino, “Giovanni Paolo II” dopo la plenaria dei vescovi ha annunciato il conferimento di una laurea honoris causa al cardinal Gerhard Mueller per la sua opera di “timone di retta dottrina”.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gandolfini: “Renzi faccia tosta, chiede voto ai cattolici dopo offensiva senza precedenti a vita, famiglia e libertà educativa

      renzi-il-bomba di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Ci vuole la faccia foderata di piombo di Renzi per fare un appello al voto cattolico, dopo una legislatura che ha visto un’offensiva senza precedenti all’antropologia umana e alla libertà di pensiero. Basta ricordare due fiducie sulle unioni civili, private delle adozioni solo grazie al Family Day, e il voto sul bio-testamento senza libertà di coscienza. A questo si aggiungono le proposte di legge per la legalizzazione delle droghe, il ddl sull’omofobia che colpisce i reati di opinione, i tentativi di introdurre l’ideologia gender nella riforma della scuola e il divorzio lampo. Leggi il seguito… 

    • Il tour di Emma fa tappa nella Basilica dei napoletani

      bonino_basilica_napoli di Pietro Gargiulo. Speriamo che questo incubo ilare dal quale con difficoltà ci siamo risvegliati segni la fine di questa allucinazione collettiva per la quale, attraverso l’uso di “parole talismano” (accoglienza, autodeterminazione, ecc.) i veri nemici del popolo si accreditano e vengono accreditati come salvatori della patria Leggi il seguito… 

    • Breve storia di sette anni infami

      politica-italiana di Marcello Veneziani. Nel pieno di una deprimente schermaglia elettorale, guardiamoci indietro per capire come siamo arrivati a questo punto. Ricostruiamo la storia degli ultimi sette anni. In principio fu la fine di Berlusconi. Messo fuori gioco da un mezzo golpe interno e internazionale, nel nome di una parola magica chiamata spread, cominciò per l’Italia il settennato più assurdo della nostra pur anomala storia. Leggi il seguito… 

    • Salvini conquista Reggio Calabria

      odeon_reggio-calabria di Nino Spirlì. Non poteva essere certo quello sparuto plotoncino di “contestatori fotocopia” – con in mano i soliti cartelli (stavolta anche di pessimo gusto) scritti fottendosene dell’ortografia, della sintassi e del buongusto –  a scoraggiare l’onda possente di sostenitori di Matteo Salvini, della Lega e del CentroDestra che si è letteralmente impossessata del Teatro Odeon di Reggio Calabria, la sera di San Valentino. Leggi il seguito…