Ai gay tutto è lecito?

postQuella sopra è una pubblicità a pagamento: utero in affitto per italiani. Vi si spiega che se sei gay, puoi anadare in California, affittare il corpo di una donna, e poi produrti un bambino “senza la necessità di passare attraverso l’adozione“.

Ora: 1) l’utero in affitto in Italia è reato (ma di fatto ormai è permesso, basta porre tutti davanti al fatto compiuto)

2) Una coppia naturale, maschio e femmina, che non hanno figli, devono ricorrere all’adozione e seguire l’iter stabilito per legge. Due gay non solo possono violare la legge, utilizzando una donna come un contenitore (basta farlo in un altro paese), ma possono anche bypassare un’altra legge italiana, quella che regola l’adozione, infischiandosene dei test psicologici, delle trafile burocratiche ecc. che devono essere invece compiute da una padre e una madre adottivi.

Ne deriva che non solo si nega oggi ad un bambino il diritto di avere un padre e una madre, ma si favorisce di fatto che ciò accada, permettendo la violazione di ben due leggi dello Stato!

Così dare ad un bambino orfano un padre e una madre (adozione), è oggi più difficile che produrre un bambino a cui negare, dopo averlo “chiamato” alla vita, la madre stessa.

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Catalogna, le false libertà che si incontrano

      anna-gabriel di Andrea Zambrano. I partiti che più sostengono la secessione della Catalogna dalla Spagna sono proprio quelli che più stanno spingendo verso la rivoluzione antropologica. La cosa dovrebbe forse far venire qualche dubbio ai tanti indipendentisti cattolici che speravano di poter avere più libertà una volta staccatisi dalla Corona. Ma si tratta di un concetto di libertà che punta diritto al totalitarismo delle idee e dei diritti Leggi il seguito… 

    • Dossier sullo scontro tra Chiesa polacca e Bergoglio

        chiesa Leggi il seguito… 

    • Weinstein e quel velo di ipocrisia liberal che si squarcia

      clinton-weinstein di Nicola Porro. Il caso di Harvey Weinstein è emerso proprio quando la rete di protezione «intellettuale» del produttore di Hollywood è venuta meno. Weinstein non era uno qualunque del giro cinematografaro. Era un grande finanziatore del Partito Democratico, era l’uomo che non mancava mai alle cene di fundraising di Hillary Clinton. Leggi il seguito… 

    • AL, i vescovi polacchi stoppano le fughe in avanti

      polish-bishops-plenary-assembly-june-6-7-2017 di Marco Tosatti. La Conferenza Episcopale polacca si è riunita nei giorni scorsi a Lublino per discutere e redigere un documento relativo alle linee guida con cui leggere l’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Alla riunione era presente anche il nunzio Salvatore Pennacchio, da poco più di un anno rappresentante del Pontefice presso la Chiesa polacca. Si ignora quando il documento stilato dai vescovi polacchi sarà pubblicato; ma siamo in grado di anticipare alcuni punti Leggi il seguito…