Il culto della Pachamama

Sangue, animali sacrificati, preghiere alla Madre Terra e riti sincretici fra cristianesimo e paganesimo. In Bolivia ha avuto luogo il millenario rituale della Wilancha, con cui i minatori locali cercano di ingraziarsi la dea Pachamama, ossia la Madre Terra, e El Tío, una sorta di figura demoniaca, per chiedere che le miniere non si esauriscano. Un rituale antico ed estremamente violento,che si è ripetuto all’alba di questo sabato, nella maggior parte delle miniere private e statali situate nell’area andina. Come riporta il quotidiano sudamericano El Universo, una delle cerimonie più importanti si è svolta nella miniera d’argento di San José, alla periferia della città andina di Oruro, nella parte orientale della Bolivia. La cerimonia si è svolta in questo modo. I minatori hanno allestito una lunga fila di tavoli con incenso, erbe e radici che hanno poi cosparso di alcol e birra, mentre sei lama sono stati tenuti fuori dalla miniera per essere sacrificati.

I sacrifici con il sangue dei lama nascono da un’ancestrale convinzione secondo cui la Pachamama abbia bisogno di sangue per essere benevola con la popolazione, elargendo i suoi doni nelle miniere.  La cerimonia si svolge in varie fasi e con diversi gruppi. Un gruppo di musica folk ha dato il via alla cerimonia con canzoni tradizionali  fiumi di birra. Nella cerimonia principale, un minatore sgozza il lama e con il sangue riempie una piccola pentola di terracotta. Il minatore prende poi il coltello e apre il petto dell’animale per tirar fuori il suo cuore. I minatori si spalmano il sangue dell’animale appena ucciso sui volti. All’interno della miniera, circa 200 lavoratori assistono a un altro rituale, in cui uno “sciamano” o sacerdote Aymara esegue il rituale della gratitudine e brucia la tavola, in modo che l’odore di incenso invada il luogo. In questo luogo poco illuminato e con scarsità d’ossigeno, i minatori respirano il fumo delle tavole e alcuni chiedono perdono a Dio per gli errori commessi. Il rituale diventa dunque sincretico, dove si mescolano usanze pagane e la richiesta a Dio di perdonare il popolo per i peccati. Nel frattempo, un altro minatore trasporta il cuore del lama sul carrello e raggiunge le profondità della miniera, fino a 300 o 400 metri di profondità, dove i minatori credono che ci possa essere una grande vena inesplorata. Scende nelle viscere della miniera con il cuore e ritorna solo a rituale avvenuto. Solo in questo modo la Pachamamam sarà soddisfatta.

Durante la cerimonia, è richiesta anche la protezione de El Tío. Questa figura che assomiglia molto al demonio cristiano, è il guardiano della ricchezza.I minatori locali credono che questa figura diabolica si trovi all’interno della stessa miniera e che sia lui a consentirne lo sfruttamento. L’idolo è di color rame, viene raffigurato coperto di stelle filanti, con corna e orecchie appuntite. La sua figura è particolarmente interessante. Non è solo un demonio, ma ha anche un vestiario tipico dei minatori locali, e lo si vede con stivali di gomma ai piedi, proprio come quelli dei minatori, con un sigaro in bocca, una bottiglia di qualche bevanda alcolica in una mano e foglie di coca nell’altra. Una figura tipica della tradizione boliviana ma anche di molte civiltà precolombiane, tanto che, come riporta El Universo, viene spesso associato a  Tiw e Wari degli urus, a Supay degli Incas e alla tradizione di Satana portata dai conquistadores spagnoli.

https://it.insideover.com/religioni/bolivia-minatori-sacrificano-lama-ingraziarsi-la-madre-terra.html?fbclid=IwAR0bgPOfPYcBQBptV8TASr6XW5vhumGizNw6WadFP0HK6i5PjFYpZwbXjNY


Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Dopo elezioni, per i cattolici una strada dal basso

      di Stefano Fontana. Anche dopo le elezioni in Emilia Romagna, molti cattolici-che-intendono-distinguersi-dai-cattolici-democratici si chiedono cosa fare. Bisogna essere realisticamente scettici verso la politica da cui non è mai lecito attendersi troppo rispetto al poco che sa dare. Però non si può nemmeno abbandonarla a se stessa, dato che molti aspetti importanti della vita comunitaria passano ancora da lì, nonostante i limiti dei suoi protagonisti. Per tentare una risposta al “che fare?” bisogna da un lato dare una valutazione della recente vicenda elettorale emiliano-romagnola e dall’altro tornare ai fondamenti. Proviamo a farlo. Leggi il seguito…

    • Il naturalismo politico e la crisi del diritto in Matteo Liberatore

      di Silvio Brachetta. Questo ampio intervento di Silvio Brachetta si aggiunge a quelli di Stefano Fontana [leggi qui]e di Riccardo Zenobi [leggi qui], già pubblicati nel nostro sito. Continua così la nostra riflessione sulle conseguenze, anche attuali, del naturalismo politico. Leggi il seguito…

    • Il Pd è sempre più marginale e localistico, ma la destra ha bisogno di una nuova spinta liberale

      di Eugenio Capozzi. Per interpretare correttamente il significato delle elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria occorre subito sgombrare il campo da due letture assolutamente fuorvianti: dalla tesi, cioè, secondo cui il risultato  emiliano-romagnolo rappresenti una vittoria del Partito democratico, e da quella secondo cui esso sia una sconfitta personale di Salvini. Leggi il seguito…

    • Il Sistema ha retto ma l’Emilia Romagna ormai è “rosa”

      di Giuseppe Leonelli. La grande sfida in Emilia Romagna finisce con una vittoria inequivocabile e personale per Stefano Bonaccini. Perché degli otto punti di distacco che segnano il suo trionfo, con il 51,41%, sulla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (ferma al 43,65%), ben 5 sono dovuti al suo valore aggiunto, dato sia dal voto disgiunto sia dai voti dati direttamente al governatore uscente. Leggi il seguito…