Il culto della Pachamama

Sangue, animali sacrificati, preghiere alla Madre Terra e riti sincretici fra cristianesimo e paganesimo. In Bolivia ha avuto luogo il millenario rituale della Wilancha, con cui i minatori locali cercano di ingraziarsi la dea Pachamama, ossia la Madre Terra, e El Tío, una sorta di figura demoniaca, per chiedere che le miniere non si esauriscano. Un rituale antico ed estremamente violento,che si è ripetuto all’alba di questo sabato, nella maggior parte delle miniere private e statali situate nell’area andina. Come riporta il quotidiano sudamericano El Universo, una delle cerimonie più importanti si è svolta nella miniera d’argento di San José, alla periferia della città andina di Oruro, nella parte orientale della Bolivia. La cerimonia si è svolta in questo modo. I minatori hanno allestito una lunga fila di tavoli con incenso, erbe e radici che hanno poi cosparso di alcol e birra, mentre sei lama sono stati tenuti fuori dalla miniera per essere sacrificati.

I sacrifici con il sangue dei lama nascono da un’ancestrale convinzione secondo cui la Pachamama abbia bisogno di sangue per essere benevola con la popolazione, elargendo i suoi doni nelle miniere.  La cerimonia si svolge in varie fasi e con diversi gruppi. Un gruppo di musica folk ha dato il via alla cerimonia con canzoni tradizionali  fiumi di birra. Nella cerimonia principale, un minatore sgozza il lama e con il sangue riempie una piccola pentola di terracotta. Il minatore prende poi il coltello e apre il petto dell’animale per tirar fuori il suo cuore. I minatori si spalmano il sangue dell’animale appena ucciso sui volti. All’interno della miniera, circa 200 lavoratori assistono a un altro rituale, in cui uno “sciamano” o sacerdote Aymara esegue il rituale della gratitudine e brucia la tavola, in modo che l’odore di incenso invada il luogo. In questo luogo poco illuminato e con scarsità d’ossigeno, i minatori respirano il fumo delle tavole e alcuni chiedono perdono a Dio per gli errori commessi. Il rituale diventa dunque sincretico, dove si mescolano usanze pagane e la richiesta a Dio di perdonare il popolo per i peccati. Nel frattempo, un altro minatore trasporta il cuore del lama sul carrello e raggiunge le profondità della miniera, fino a 300 o 400 metri di profondità, dove i minatori credono che ci possa essere una grande vena inesplorata. Scende nelle viscere della miniera con il cuore e ritorna solo a rituale avvenuto. Solo in questo modo la Pachamamam sarà soddisfatta.

Durante la cerimonia, è richiesta anche la protezione de El Tío. Questa figura che assomiglia molto al demonio cristiano, è il guardiano della ricchezza.I minatori locali credono che questa figura diabolica si trovi all’interno della stessa miniera e che sia lui a consentirne lo sfruttamento. L’idolo è di color rame, viene raffigurato coperto di stelle filanti, con corna e orecchie appuntite. La sua figura è particolarmente interessante. Non è solo un demonio, ma ha anche un vestiario tipico dei minatori locali, e lo si vede con stivali di gomma ai piedi, proprio come quelli dei minatori, con un sigaro in bocca, una bottiglia di qualche bevanda alcolica in una mano e foglie di coca nell’altra. Una figura tipica della tradizione boliviana ma anche di molte civiltà precolombiane, tanto che, come riporta El Universo, viene spesso associato a  Tiw e Wari degli urus, a Supay degli Incas e alla tradizione di Satana portata dai conquistadores spagnoli.

https://it.insideover.com/religioni/bolivia-minatori-sacrificano-lama-ingraziarsi-la-madre-terra.html?fbclid=IwAR0bgPOfPYcBQBptV8TASr6XW5vhumGizNw6WadFP0HK6i5PjFYpZwbXjNY


Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…