Buttiglione contro Caffarra, con poveri sofismi

Cattura

In un lungo articolo sull’Osservatore Romano, rilanciato da Andrea Tornielli su Vatican Insider, Rocco Buttiglione, il politico cattolico che ha votato per la legge Cirinnà, fa le pulci a chi ha messo in luce la discontinuità di alcuni passi di Amoris laetitia con il magistero precedente.

L’articolo è molto lungo, fa sfoggio di grandi conoscenze, per lo più fumo negli occhi del lettore (applicando verità evidenti al contesto sbagliato) e raggiunge il suo momento di chiarezza in questo passaggio:

Il cammino che il Papa propone ai divorziati risposati, osserva dunque Buttiglione «è esattamente lo stesso che la Chiesa propone a tutti i peccatori: va a confessarti e il tuo confessore, valutate tutte le circostanze, deciderà se darti l’assoluzione e ammetterti all’eucaristia oppure no. Che il penitente viva in una situazione oggettiva di peccato grave è, salvo il caso limite di un matrimonio invalido, sicuro. Che porti la piena responsabilità soggettiva della colpa è invece da vedere. Per questo va a confessarsi»…  “La differenza fra Familiaris consortio e Amoris laetitia è tutta qui. Non c’è dubbio che il divorziato risposato sia oggettivamente in una condizione di peccato grave; Papa Francesco non lo riammette alla comunione ma, come tutti i peccatori, alla confessione. Lì racconterà le eventuali circostanze attenuanti e si sentirà dire se e a che condizioni può ricevere l’assoluzione”.

Se la responsabilità soggettiva dunque, secondo il confessore non c’è, ecco che solo in questo caso è possibile l’assoluzione e l’accesso del divorziato risposato alla Comunione: questo il succo del discorso di Buttiglione.

Che però il catechismo lo ha studiato male.

Anzitutto: per ottenere il perdono, occorre, citando proprio il catechismo di san Pio X chiamato in causa da Buttiglione, “il proposito di non peccare più“. Questo proposito, in Amoris laetitia, non c’è.

In secondo luogo: chi è il confessore per leggere nella soggettività del peccatore? Per comprendere fino a che punto vi siano piena avvertenza e deliberato consenso? Quando mai la Chiesa ha insegnato che il confessore ha la capacità, propria solo di Dio, di entrare sino al fondo del cuore umano? Mai.

Infine: ammettiamo pure che il confessore stabilisca che “la piena responsabilità soggettiva della colpa” non c’è. Nel momento in cui lo stabilisce, non può non dire a colui che si confessa che l’adulterio è condannato da Mosè e da Cristo stesso, che ha detto all’adultera: “va e non peccare più!“.

Nel momento in cui il comandamento di Dio è dal confessore ribadito e ricordato, il penitente non può più trincerarsi dietro il “non sapevo”. Cosa Dio gli chiede, è assai chiaro. C’è un comandamento che lo dice. Al fedele poi i suoi tempi, il suo cammino…

La Chiesa ha il compito di ricordarlo. Non ha il compito di leggere nel suo cuore e di dire: questo adulterio sì, questo no. Questo è scusabile, questo no.

E ancora: questo in Germania si può fare, ma in Italia no. Con Kasper sì, con Caffarra no! Fino al 20016 no, dal 2016 sì.

E’ solo Dio, dunque, che può leggere nel cuore e sa giudicare la colpevolezza soggettiva di un fatto oggettivamente negativo, rispetto a cui la Chiesa ha solo un dovere: ricordare che Cristo ha voluto il matrimonio indissolubile, e che per renderlo solubile ci sono sempre state state mille possibili scuse, più o meno valide.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto in Umbria: si dice “lista civica”, si legge 5 Stelle

      di Ruben Razzante. E’ una vera e propria ipocrisia, un inganno ideologico ideato dalla politica “populista” per conquistare voti senza metterci la faccia, continuando a usare il consenso popolare per gestire il potere. La scommessa del “civismo”, in questa fase storica, sembra sommarsi a quella, purtroppo al momento vincente, del camaleontismo trasformistico. La formazione del Conte bis ha svelato il vero volto del nuovo inedito asse Pd-Cinque Stelle fondato sulla conquista delle leve del comando anche a prezzo della definitiva eclissi di qualsiasi criterio di coerenza culturale e politica. Leggi il seguito…

    • Macron e “Giuseppi”, la nuova coppia, in nome dell’Europa accogliente

      di Anicio Severino. Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”. Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito Leggi il seguito…

    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.