Ascoltiamo gli africani

ado

Il Sinodo in corso, ormai alla sua fine, ha visto il confronto di schieramenti del tutto opposti. Da una parte i padri sinodali tedeschi, che in maggioranza, con l’eccezione del cardinal Mueller, hanno indicato come via quella del rinnovamento: della disciplina, del linguaggio, e quindi, in ultima analisi, della dottrina stessa, dal momento che essa, se non è viva e operante, semplicemente non esiste (se non in qualche libro, buono per le librerie antiquarie).
Dall’altra la Chiesa più promettente del mondo, quella africana, così ben raccontata da 12 vescovi neri in un libro appena edito da Cantagalli, Africa. La nuova patria di Cristo (p.238, euro 18,50)
Se si guardasse alle cifre, nude e crude, non ci sarebbero dubbi: i prelati tedeschi da tempo non hanno più

alcun “prodotto” da vendere. Propongono nuove vie, praticano l’aggiornamento da decenni, magnificano le ricette di loro conio, ma le loro chiese, come quelle dei belgi, ugualmente schierati per una radicale renovatio, sono ormai deserte. Pronte per essere cedute ai comuni, alle associazioni di volontariato, o ai mussulmani.
Al contrario, le chiese africane si riempiono sempre di più, ad una velocità inaudita. Se consideriamo che nei primi trecentocinquant’anni dopo Cristo i seguaci del Nazzareno non avevano superato il 7-8% della popolazione dell’Impero romano, capiamo bene cosa significhi il fatto che i cristiani africani sono già duecento milioni in poco più di 150 anni di evangelizzazione: si tratta di una crescita vertiginosa!
Senza contare il fatto che mentre l’Africa nel 2050 conterà un quarto della popolazione mondiale e “avrà il tasso di crescita del cristianesimo più elevato, se sono confermate le tendenze attuali”, la Germania sarà un paese non solo con pochissimi cattolici, ma anche con pochissimi tedeschi, visto l’alto tasso di disgregazione familiare e di solitudine e il basso tasso di figli che la caratterizza.

Ebbene, il segreto degli africani, poi tanto segreto non è: al libero esame tedesco, di protestante memoria, preferiscono la fedeltà, pari pari, al Vangelo e al Magistero, anche quando essa impone una visione delle cose ben diversa da quella propagandata dal pensiero dominante.
Nel già citato Africa. La nuova patria di Cristo, il cardinal Sarah si chiede ad esempio: “se noi accettiamo alla Sacra Mensa i fedeli divorziati risposati civilmente, perchè allora la rifiuteremmo ai fedeli diventati poligami? Dovremmo anche eliminare l’adulterio dalla lista dei peccati mortali”. Come si vede, qui il linguaggio è molto semplice, del tutto logico, assai lontano dai giri mentali che fanno dire a qualche teologo sofista che si potrebbe considerare la rottura di un matrimonio come la morte di un coniuge; o da quelli per cui tutto sommato, aggiustando e annacquando un po’ le dure parole di Cristo con dosi massicce di indefinita “misericordia”, si può ben riuscire nella quadratura del cerchio (cioè nel mantenere, a parole, la dottrina dell’indissolubilità, permettendo nel contempo, con bollino ufficiale, la totale solubilità, e cioè, in Occidente, la poligamia diacronica).

 

africa nova patria

La cifra del pensiero dei padri africani, ridotta in soldoni, è semplice: il loro sguardo non è mai, anzitutto, sociologico o ideologico. Esso si basa sul fatto che, come scrive mons. Bartèlemy Adoukonou, segretario del Pontificio Consiglio per la Cultura, i cristiani non possono pensarsi e pensare il proprio rapporto con il mondo senza mettere Dio al primo posto.
La Chiesa, scrive mons. Adoukonou, deve parlare chiaro in un mondo minacciato dall’ “islamismo radicale e di conquista” e da “una certa civiltà occidentale secolarizzata, edonista, servilmente gaudente e consumista“, perchè come cristiani “abbiamo il dovere di smarcarci da questa civiltà post-moderna, non per paura nè per ripiegamento su noi stessi, ma per fedeltà alla nostra identità profonda cristiana e africana. Non vogliamo, per la preoccupazione di attirare la gente, metterci in situazione di compromesso di valori con l’illusione di aprirci al mondo”. Del resto, non era Gesù a dire, molto schiettamente: “Volete andarvene anche voi?“.
L’Europa di oggi, prosegue mons. Adoukonou, impietoso verso i giri di parole e le confusioni linguistiche e concettuali dell’Instrumnentum laboris, non è soltanto “la culla dell’ateismo radicale della post modernità“, ma paradossalmente anche “di una forma non meno radicale di islamismo”: “sono infatti giovani cittadini europei che vanno a centinaia ad arruolarsi nei gruppi jihdisti in Siria, in Iraq, in Afghanistan e in altri paesi. Questi giovani non vanno certamente perchè sono semplicemente poveri e senza lavoro, ma soprattutto perchè la società consumista occidentale non presenta più a loro dei valori veri. Tutto è banale e a buon mercato”.

Per i padri africani è dovere della Chiesa cattolica additare con chiarezza alle nuove generazioni la bellezza del matrimonio cristiano, contro l’ideologia liquida e la teoria del gender, e, nel contempo, curare le ferite. Ma la cura ha bisogno di una diagnosi corretta, che per gli africani coinsiste nel riconoscere che le “ferite” vanno lette non come fanno alcuni ecclesistici occidentali, ma come “risultanti dall’esclusione di Dio e dalla determinazione a creare un nuovo tipo di uomo”, secondo la visione atea dell’esistenza. Solo così si edifica una nuova civiltà, segnata dall’amore cristiano, e si può fare davvero, nel contempo, una “accoglienza pastorale delle famiglie ferite” (tema analizzato, quest’ultimo, dall’arcivescovo di Douala in Camerun).

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…