Le Super-logge svelate dal “fratello” Gioele Magaldi

Avendolo citato, in un articolo passato, torno sul libro di Gioele Magaldi, con maggior attenzione. Atteso e annunciato da anni finalmente è uscito a novembre 2014 il libro di Gioele Magaldi (classe 1971), Massoni. Società a responsabilità illimitata. La scoperta delle Ur-Lodges, Chiarelettere, Milano. Laureato in filosofia, appassionato di alchimia, già membro di un gruppo di magia gnostica e sessuale, a 26 anni Gioele Magaldi entra nel Grande Oriente d’Italia (GOI) grazie ai massoni cabalisti Giuseppe Abramo e Ivan Mosca. A 34 anni Gioele è il più giovane maestro venerabile, a capo della

loggia “Monte Sion” all’Oriente di Roma. Riveste il 30° grado Cavaliere Kadosh, neo-templare, del Rito Scozzese antico accettato.
Gioele e altri “fratelli” del GOI entrano in contrasto con il loro Gran Maestro Gustavo Raffi (ora emerito). Nel 2010 Magaldi e altri massoni danno vita al Grande Oriente Democratico, un movimento massonico libertario e progressista in apparenza opposto alla Massoneria “reazionaria” e “conservatrice” in Italia e all’estero. Espulso dal GOI, Magaldi resta massone e seguace di Giordano Bruno.
Questo volume di 656 pagine è il primo di una trilogia (gli altri due inediti) che svela il Potere massonico mondiale gestito da Super-Logge sovranazionali denominate “Ur-Lodges”, di gran lunga superiori alle ordinarie Logge e Grandi Logge. Lo scontro e l’alleanza tra “Ur-Lodges” progressiste “democratiche” e “Ur-Lodges” conservatrici neoaristocratiche tecnocratiche avrebbe avuto un ruolo assai influente nella storia europea dal secolo XIX a oggi. In nome della democrazia, libertà e progresso Magaldi è membro di una “super-loggia” progressista (la “Thomas Paine”) e combatte a modo suo le super-logge di “destra”.
Magaldi fa nomi eccellenti di super-massoni: Obama, Merkel, Putin, Draghi, Napolitano, Hollande, persino il capo dell’Isis Abu Bakr Al-Baghdadi…

Magaldi non cita nessuna prova concreta di questa “Ur-Lodges’ story” ma ci rassicura che i documenti sono conservati negli archivi delle Super-logge… Baciati dalla fortuna, Gioele e altri Super-iniziati hanno esaminato così tanto materiale da preparare la trilogia per un totale di 1350 cartelle… I documenti sarebbero depositati presso studi notarili e legali di Londra, Parigi, New York…
Certo, Magaldi non è un semplice apprendista massone come il famigerato imbroglione Leo Taxil, ma è un Cavaliere Kadosh 30°, perciò maggiormente degno di fiducia. Eppure, ci dicono ragione e intuito, non possiamo accogliere come oro colato tutto ciò che scrive.
Tanto per fare un esempio: Magaldi dice che San Giovanni XXIII è il primo papa massone iniziato nientemeno che a due “Ur-lodges” (mica una!) e San Giovanni Paolo II il papa “para-massone”… Respingiamo decisamente queste frottole.
Qualche sospetto fondato lo può destare invece il caso del Card. Carlo Maria Martini, salutato ed elogiato da Magaldi come un “fratello”. Appartenenza a parte, è certa l’affinità e la sintonia tra l’agenda martiniana (vedi “Conversazioni notturne da Gerusalemme”) e le istanze progressiste di massonerie tradizionalmente “laiche” come il Grande Oriente d’Italia.
Peccato che fratel Gioele se la prende solo, o per lo più, con i super-massoni di “destra”. Davvero sono più pericolosi di quelli di “sinistra”? Peccato che Magaldi non ci dica se ci sono “Iniziati” anche tra “Repubblica” e “Corriere della sera”…

In ogni caso il libro di Magaldi ha il merito di focalizzare l’attenzione su punti incontrovertibili. A prescindere dai nomi e dal titolo generico di “Ur-lodge”, possiamo tranquillamente ammettere l’esistenza in Europa e nel mondo di gruppi o centri di influenza e/o di potere, sovranazionali e sovrareligiosi, con tendenze socio-politiche neoconservatrici o progressiste, gruppi o centri in sintonia con ideali e strutture della massoneria quando non anche penetrati dallo stesso mondo massonico. Gruppi, o “Ur-lodges”, uniti nell’ostilità alla Fede e all’Etica cristiana.
Sorvoliamo sulle responsabilità massoniche in fatti, guerre, rivoluzioni, scandali, descritti da Magaldi. Lo spazio non basterebbe.
Magaldi ha ragione nel dire che a livelli superiori (iniziatici e massonici) possono incontrarsi, allearsi, fraternizzare, personaggi apparentemente nemici nel mondo politico o profano…
Magaldi ha ragione nel ribadire che la P2 era una loggia regolare, che Licio Gelli e la sua P2 avevano l’Italia in mano (militari, servizi segreti, ecc.) e Gelli non ha mai sconfessato i suoi giovanili trascorsi fascisti.
Dinanzi all’apologia di “Gelli e P2” fatta da uno studioso italiano, Magaldi ci informa invece che Gelli ha avuto condanne definitive:
– «per calunnia aggravata dalla finalità di terrorismo per il depistaggio delle indagini sulla strage di Bologna del 2 agosto 1980»;
– «per procacciamento di notizie riguardanti segreti di Stato»;
– «per calunnia nei confronti dei magistrati Turone, Viola e Colombo»;
– «per coinvolgimento nella bancarotta fraudolenta del Banco ambrosiano».

Siamo convinti che Magaldi abbia ragione anche quando parla di legame indissolubile tra il mondo dei servizi segreti e il mondo latomistico.
Magaldi e i suoi collaboratori avevano ragione quando sin dal 2011 invitavano gli Italiani a non fidarsi troppo dei governi Monti e Letta, a non applaudirli come salvatori dell’economia.

L’ultimo capitolo di Massoni raccoglie presunti colloqui tra anonimi massoni di “Ur-Lodges” tra cui l’immancabile Gioele. Progressisti e neoconservatori uniti fraternamente in quel colloquio… Unione degli opposti di alchemica memoria? L’alchimia piace anche a Gioele, ci ha scritto un libro (Alchimia, Mimesis edizioni, 2010) segnalato dalla rivista del GOI, Hiram 2/2010.
Lasciamo perdere se quei 3 o 4 iniziati di “Ur-lodges” a colloquio siano reali o una fiction del nostro Gioele. In massoneria anche le leggende sono importanti come la leggenda di Hiram.
Da quei colloqui emergono dati interessanti, ad esempio:
– Prima dell’iniziazione massonica Gioele ha fatto parte, senza rimpianto, di un gruppo di «magia gnostico-sessuale». Ne fa ancora parte?
– Come Giordano Bruno anche Magaldi ha una concezione panteista e ciclica della vita umana e del cosmo.
– Iniziati di “destra” o di “sinistra”, superuomini con delirio di onnipotenza, possono arrivare a distruggere le loro stesse opere… costruire e distruggere, distruggere e ricostruire…
Come liberi muratori in concorrenza (o “Emulation”?) con Dio?

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Salviamo la Natura ma a partire dagli uomini

      greta di Marcello Veneziani. In piena Settimana Santa è arrivata in Italia Greta, ed è stata accolta da papi e presidenti come la madonna protettrice del Pianeta. Greta non lo sa, eppure c’è una minaccia peggiore sul nostro futuro che non riguarda l’ambiente, non proviene dall’inquinamento e dal riscaldamento globale: è in pericolo l’umanità prima che il pianeta. Più che le piante, il clima e i mari, è la natura umana che rischia di essere cancellata nel giro di pochi anni dalla tecnoscienza e dai suoi miraggi. E non c’è nessuna Greta, nessuna mobilitazione planetaria e mediatica che denunci lo snaturamento dell’uomo. Leggi il seguito… 

    • Sessantotto e pedofilia, Benedetto XVI ha ragione

      don-fortunato-di-noto di Fortunato Di Noto. L’analisi di Benedetto XVI sulle cause della pedofilia è magistrale, perché è il relativismo che ha permesso di dire che in fondo “l’amore” tra adulti e bambini è una cosa positiva. La crisi di fede ha causato l’abbassamento morale. E poi c’è il fenomeno dei club omosessuali costituitisi nei seminari dagli anni ’60. Il papa emerito indica, in comunione con papa Francesco, la strada da percorrere in futuro, senza dimenticare chi siamo. Leggi il seguito… 

    • Gli appunti di Benedetto XVI “correggono” Amoris laetitia

      bergoglio di Stefano Fontana. Riproponendo l'enciclica di San Giovanni Paolo II "Veritatis Splendor" come argine al "collasso" della morale cattolica, Benedetto XVI in realtà entra in contrasto con quanto descritto dall'esortazione apostolica "Amoris Laetitia". Leggi il seguito… 

    • La Chiesa brucia nell’odio

      notre-dame-incendio di Marcello Veneziani. Mai come nel nostro tempo la cristianità è sotto attacco. C’è un diffuso, militante, odio verso la cristianità, di matrice soprattutto islamica. C’è poi un diffuso, sordido, disprezzo della cristianità da parte dell’Occidente laicista, di derivazione massonico-illuminista, che ispira l’Unione europea. E c’è un rigetto, una rimozione, un’indifferenza nei confronti della cristianità da parte degli stessi abitatori del nostro tempo, magari battezzati nel segno di Cristo Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.