Un report inglese racconta cosa accadrebbe se il matrimonio gay fosse riconosciuto

Analisi di un consulente legale della corona: «La libertà di educazione dei genitori passerà in secondo piano, i preti saranno denunciati e gli insegnanti licenziati. O si rinuncerà a vivere o si rinuncerà a sposarsi col rito religioso.

di Benedetta Frigerio

«Le chiese dovranno lavorare per proteggersi dalla possibilità di una tale controversia decidendo di non sposare più nessuno, fino a quando non ci saranno più denunce di discriminazione». Così Aidan O’Neill, alto consulente della Corona ed esperto di diritti umani, ha descritto le conseguenze paradossali dell’annunciata legalizzazione del matrimonio omosessuale.

I PRETI IN TRIBUNALE. A riportare i risultati del rapporto legale, commissionata dalla Coalition for Marriage (Coalizione per il Matrimonio), sulle conseguenze del sovvertimento di un istituto che ha segnato il diritto di tutti i paesi da millenni è il quotidiano inglese Telegraph di ieri (10 settembre, ndr). Si legge «che i genitori contrari all’insegnamento del matrimonio omosessuale non avranno diritto a chiedere l’esonero dei propri figli dalla lezione». Emerge che ogni decisione sulla ridefinizione del matrimonio «avrà conseguenze di enorme portata per le scuole, gli ospedali, il sistema delle adozioni e degli affidamenti e per gli uffici pubblici». Ma l’impatto maggiore sarà probabilmente avvertito «dai vicari e i preti che celebrano il matrimonio religioso e che potranno essere portati in tribunale per essersi rifiutati di amministrarlo».

LESA LA LIBERTA’ DI EDUCAZIONE. La promessa del premier David Cameron di introdurre il cambiamento entro il 2015 ha scatenato la reazione negativa tra alcuni parlamentari e gruppi cristiani. Ma non solo. Anche la Chiesa cattolica è in prima linea. Con una lettera inviata a 500 parrocchie scozzesi, la Chiesa sprona ad «opporsi all’attentato». Il Telegraph riporta anche le parole di Sharon James, una portavoce della Coalition for Marriage, per cui la legge rappresenta un «attacco senza precedenti alla libertà di educazione dei genitori. Questo è un sentiero pericoloso a cui occorre resistere. La ridefinizione del matrimonio schiaccerà brutalmente i diritti di coloro che ritengono che il matrimonio possa essere solo fra un uomo e una donna, anche se la persona è un insegnante, un genitore, una persona affidataria o un celebrante».
O’Neill ha esemplificato immaginando uno scenario in cui a un insegnante sia richiesto di usare un libro titolato King&King, la storia di un principe che sposa un uomo, e di produrre uno spettacolo basato sulla favola: «Ogni rifiuto rappresenterebbe una giustificazione per il licenziamento», a causa dell’impedimento legale per cui il credo religioso non può essere usato dai professori «in modo da chiedere esenzioni lavorative». O’Neill ha anche sottolineato che il diritto dell’obiezione di coscienza non basterà: «Se il matrimonio omosessuale sarà introdotto, la scuola avrà il diritto di rifiutare la richiesta dei genitori, per il fatto che promuovere l’uguaglianza è diventato un dovere legale a qualsiasi costo».

DISOBBEDIENZA CIVILE. Nel report si spiega che ogni promessa del Governo di proteggere le Chiese o chiunque si opponga al matrimonio gay sarà inutile: «I ministri potranno essere denunciati per discriminazione». Per questo, secondo O’Neill, l’unica via d’uscita per far valere la libertà religiosa e di coscienza sarebbe quella assurda del non sposare più nessuno. Ma questo potrebbe comunque violare la libertà religiosa, di culto e di coscienza dei ministri religiosi e di un uomo e una donna che chiedano di ricevere il sacramento. Perciò, se la legge dovesse passare, l’unica azione che non violi la libertà di coscienza resta quella della disobbedienza civile.

Fonte: www.tempi.it

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…