Bergoglio e la Chiesa “in uscita”: in edicola, con Repubblica

di Davide Mercurio.

Va bene che ormai ci siamo abituati a tutto, ma anche nell’era della “Chiesa in uscita” certe cose fanno un certo effetto. Soprattutto se l’uscita annunciata riguarda il nuovo libro del Papa, che dal primo dicembre – oltre che da parte della casa editrice Piemme (gruppo Mondadori) – sarà in vendita in edicola in allegato a “Repubblica”.

“Ritorniamo a sognare”, il titolo del volume di cui il quotidiano di largo Fochetti anticipa stamattina un ampio stralcio. E, pur legandosi strettamente all’attualità del tema Covid, non seguirà evidentemente la medesima sorte del “Perché guariremo” dato alle stampe e poi bloccato dal ministro della Salute Roberto Speranza.
Il libro di un Pontefice edito da Mondadori e distribuito da “Repubblica” è una sorta di nemesi storica. E ci dice quanto le cose siano cambiate tanto nella Chiesa quanto a “Repubblica”, la cui ex proprietà col gruppo editoriale di casa Berlusconi ha incrociato le lame in una guerra ultradecennale.
E’ evidente che la “Repubblica” di oggi, tanto per gli editori quanto per la linea editoriale impressa dal nuovo direttore, non è più la “Repubblica” di una volta. E, soprattutto, fa il suo mestiere e avendo la possibilità di mettere a segno un colpo ha fatto bene a coglierla. E’ altrettanto evidente, però, che anche il Papato non è più quello di una volta. Ma di questo ce n’eravamo accorti, e tutto sommato la distribuzione di un libro appare persino poca cosa rispetto alle modifiche dei fondamenti dottrinari attraverso le chiacchierate con Eugenio Scalfari.
E a proposito di quest’ultimo, pare che per rimediare allo smacco l’”Osservatore Romano” e “Avvenire” si preparino per tutta risposta a mandare in edicola in anteprima esclusiva la nuova fatica letteraria del Fondatore: “Io e il libro di Francesco, il libro di Francesco e io”. Con tutto questo ben di Dio da leggere, il lockdown ci spaventa di meno.

fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La presunzione “statuale” dei giganti del web e la “lotta all’odio” come resistenza delle élite in declino

      di Antonio Pilati. La libertà d’espressione, un architrave delle democrazie consolidate, è sotto minaccia in molti Stati occidentali: l’insidia è doppia e proviene da due diverse fonti, una tecnica, l’altra sociale. Quella tecnica riguarda le piattaforme, ovvero gli ambienti immateriali che con i loro costrutti operativi – app, motori di ricerca, cluster – potenziano e trasformano la vita collettiva mentre la sganciano dall’interazione fisica. Quella sociale deriva da una capillare e articolata ideologia che sempre più coinvolge l’opinione pubblica. Leggi il seguito…

    • Disonora il padre e la madre

      di Marcello Veneziani. Genitore 1 a genitore 2, passo e chiudo la famiglia. Non è una comunicazione in codice della Volante ma è il nuovo codice della famiglia, già adottato in mezza Europa e ora negli Stati Uniti e ripristinato in questi giorni da noi da questo governo (come annunciato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, sulla carta d’identità dei minori tornerà la dicitura “genitore 1 e genitore 2”); noi che siamo provinciali e ci adeguiamo sempre “all’estero”, come dicono gli idioti, ma in differita. La cancel culture non cancella solo i grandi del passato, ma anche la madre e il padre. La famiglia finisce in coda, prendi il numeretto e ti metti in fila. Magari sarà previsto anche un genitore 3, 4, e così via o i genitori decimali, dopo la virgola. Non importa il sesso e l’effettivo rapporto col minore, basta avere i numeri. Leggi il seguito…

    • L’etica in soccorso del medico che non vuole vaccinarsi

      di Tommaso Scandroglio. Sempre più medici non vogliono farsi vaccinare e sconsigliano il vaccino anti- Covid ai propri pazienti. E le associazioni di categoria minacciano perfino l'espulsione dall'Ordine. Ma l'etica è dalla loro parte. E anche la legge.  Leggi il seguito…

    • Trump ri-impicciato (forse). Vincono i neocon

      Il percorso per eliminare Trump dalla scena politica del prossimo futuro prosegue, ma non è così facile come ritenevano all’inizio i democratici e potrebbe anche finire sugli scogli. Se è vero che diversi repubblicani si sono detti favorevoli all’impeachement, non è ancora stata raggiunta la massa critica necessaria a far passare la legge, che necessita i tre quarti dei voti del Congresso. E il tempo scarseggia, dato che la procedura deve passare entro il 20 gennaio, data dell’insediamento di Joe Biden. Leggi il seguito…