Amnesty International a favore dell’aborto

di Elisabeth Chamowski – New York, 10 agosto (C. FAM)

Amnesty International, organizzazione per i diritti umani in precedenza neutrale sull’aborto, utilizza ora il problema della mortalità materna per difenderla.

In un nuovo rapporto, che tratta a quanto pare con cura della salute materna, Amnesty sollecita i governi a abrogare le leggi sull’aborto e protezioni per l’obiezione di coscienza per operatori sanitari che possono opporsi. Si richiede inoltre ai sistemi sanitari pubblici di addestrare ed equipaggiare gli operatori sanitari per eseguire aborti.

La campagna di Amnesty dal titolo “La salute materna è un diritto umano” si concentra su quattro paesi: Sierra Leone, Burkina Faso, Perù e Stati Uniti.

L’organizzazione afferma che la mortalità materna diminuisce quando considerata come una questione di “diritti umani”, se i governi coprono le spese delle cure mediche e se si stabilisce il diritto delle donne a “controllare la loro vita sessuale e riproduttiva.”

Il tasso di mortalità materna negli Stati Uniti si trova a solo 20 morti ogni centomila nascite, a fronte di trecento morti ogni centomila nascite in Burkina Faso e il numero di ottocento in Sierra Leone.

Il rapporto di Amnesty afferma che in Sierra Leone, Burkina Faso e in Perù le donne si trovano ad affrontare la morte a causa dell’inadeguatezza delle condizioni mediche e la corruzione.

Ma poi va oltre e SOSTIENE CHE L’ABORTO E’ ANCHE NECESSARIO. Mentre Amnesty dice che gli Stati Uniti hanno il miglior sistema sanitario al mondo, il gruppo raccomanda di espandere i servizi di aborto e di rimuoivere gli ostacoli, anche quelli che descrive come “barriere razziali” e dei costi.

Prevede che i servizi di aborto siano limitati ai nativi americani e a donne che sono nel programma Mediacaid, perchè il Governo sovvenziona aborti solo in casi di stupro, incesto o pericolo per la salute delle donne. Queste donne, tuttavia, possono avere un aborto, ma l’assicurazione federale non coprirlo.

Amnesty non è d’accordo con restizioni di aborto, comprese le clausole di coscienza e le leggi che consentono agli operatori sanitari e le istituzioni di rifiutare di praticarlo quando si oppongono loro le convinzioni religiose e morali.

Altrove, Amnesty ha chiesto piccoli passi per la legalizzazione dell’aborto. Il gruppo ha presentato una relazione al Comitato delle Nazioni Unite per la Convenzione sull’Eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne che “cercano” la legalizzazione dell’aborto in Messico, per le donne che sono incinte a causa di stupro o incesto.

Secondo la sua posizione ufficiale “Amnesty International ritiene che l’accesso restrittivo nei confronti di queste donne alle informazioni e ai servizi di aborto legale e sicuro e verso i loro diritti umani fondamentali possono essere in grave pericolo.”

Quando Amnesty ha cambiato la sua posizione, molti cattolici che la sostennero per molti anni hanno lasciato il gruppo ed un Cardinale del Vaticano ha invitato i cattolici a non più sostenerla.

Nel frattempo, Amnesty è diventata sostenitrice aggressiva di gruppi di diritti unami, affermando anche (erroneamente) che l’aborto sia un diritto umano nel diritto internazionale.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…