Legalizzare l’eutanasia aumenta il numero di richieste di morte

Un’altra tesi dei promotori della cultura ”pro-death” è stata confutata. Poco tempo fa uno studio aveva mostrato che l’aborto illegale non è associato ad un aumento di mortalità materna, al contrario di quanto sostiene la più grande leggenda nera creata dai favorevoli all’uccisione dell’essere umano nella prima fase della sua esistenza. Chi promuove l’eutanasia/suicidio assistito invece, sostiene che liberalizzare tali pratiche non favorisca cambiamenti sociali, ovvero non induca un maggior numero di cittadini a suicidarsi (seppur in modo “dolce”, come abilmente recita lo slogan pro-eutanasia).

In realtà basterebbe il solo uso del buon senso per respingere queste affermazioni (si veda lo stesso ragionamento a favore della legalizzazione delle droghe leggere e pesanti), ma è opportuno segnalare i recenti risultati forniti dalla rivista medica britannica “Lancet” sulla situazione olandese: da quando, a fine 2001, è stata autorizzata la pratica dell’eutanasia, le morti eutanasiche sono aumentate del 73%. In particolare dal 2003 al 2010, il numero di eutanasizzati è passato dai 1.815 casi iniziali ai 3.136 morti del 2010, registrando un’accelerazione del 35% negli ultimi due anni.

In Olanda, uno dei fronti più avanzati dei “pro-death” essendo una società ex protestante e largamente secolarizzata, l’eutanasia non è riservata solo agli anziani o malati terminali, ma viene contemplata anche per soggetti sani. In una recente comunicazione la Royal Dutch Medical Association (Knmg) ha ricordato ai medici associati che le richieste vanno accolte anche per pazienti affetti da malattie mentali, demenza, psicosi suicide, ma anche semplicemente tedio per la vita e anche in caso di solitudine.

Secondo il cosiddetto “Protocollo di Groningen”, un accordo stipulato fra associazione dei pediatri e governo, l’eutanasia può essere praticata anche sui minori, e perfino sui neonati, se gravemente ammalati. Dato che il bambino non può acconsentire alla propria morte, sono i genitori a dare il consenso per lui o, in mancanza di essi, il tutore legale: una forma di eutanasia involontaria che è applicata solitamente, come “soluzione compassionevole” (sic!), alle disabilità gravi.

Ricordiamo che l’eutanasia è fortemente osteggiata dalle principali associazioni mediche, come più volte segnalato, ed è vietata in tutto il mondo all’infuori che nel Benelux (Belgio, Olanda, Lussemburgo), mentre in Svizzera e in tre dei 50 stati Usa (Washington, Oregon e Montana) è permesso solo il suicidio assistito.

Fonte: http://www.uccronline.it/2012/08/14/legalizzare-eutanasia-aumenta-il-numero-di-richieste-di-morte/

Print Friendly, PDF & Email
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo.

Autore: Libertà e Persona

La nostra redazione si avvale della collaborazione di studiosi attenti alla promozione di un pensiero libero e rispettoso della persona umana, grazie ad uno sguardo vigile sulle dinamiche del presente e disponibile al confronto. Nel tempo “Libertà e Persona” ha acquisito, articolo dopo articolo, un significativo pubblico di lettori e ha coinvolto docenti, esperti, ricercatori che a vario titolo danno il proprio contributo alla nostra rivista online. Gli articoli firmati "Libertà e Persona" sono a cura dei redattori.

Un commento su “Legalizzare l’eutanasia aumenta il numero di richieste di morte”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *