INSEGNANTI DI RELIGIONE verso il “MAGIS”

La vigna

Già pubblicato in Agorà IRC n. 11 Novembre 2021, L’IRC nella scuola che cambia, Insegnamento della religione cattolica verso il Magis, di Marcello Giuliano, 4. (QUI ). Pubblicato qui con alcune integrazioni.

Nel convegno di formazione per gli Insegnanti di religione Cattolica, tenutosi a Bergamo il 30 e 31 Agosto 2021 (Istituto Suore Orsoline di Somasca), introdotto da Don Manuel Belli, docente al Seminario di Bergamo, si è riflettuto sui “valori” partendo dallo studio sociologico del 2020: F. Biolcati – G. Rovati – P. Segatti, Come cambiano gli italiani. Valori e atteggiamenti dagli anni Ottanta a oggi, Il Mulino, Bologna 2021. Si evidenziavano mutazioni nelle convinzioni etiche degli italiani, negli

Continua a leggere

Novavax, quello che siappiamo

A richiesta, cerco di fornire alcune informazioni sul vaccino di NOVAVAX il cui nome commerciale è Nuvaxovid in formula di domanda e risposta.
Questo, in sintesi, è quello che si sa e che non si sa ancora, al meglio delle mie conoscenze.
Cosa contiene?
La fiala contiene la glicoproteina spike del SARS-Cov-2 insieme ad un adiuvante, cioè un potenziatore della reazione immunitaria, chiamato Matrice-M.
Come è stata ottenuta la glicoproteina spike?

Continua a leggere

Vaccini e cellule fetali da aborto

Di seguito alcuni chiarimenti riguardo alla fake news secondo cui i vaccini Pfizer e Moderna conterrebbero cellule fetali:

“La linea cellulare in questione, impiegata negli attuali vaccini, è la HEK293 che proviene da un aborto volontario o spontaneo (il tipo di aborto non è certo ndr.) avvenuto nel 1973. I discendenti generazionali di questa linea cellulare originale vengono capillarmente utilizzati nella ricerca farmaceutica, toccando tutto, da Tylenol e Sudafed ad antibiotici e farmaci chemioterapici. La santità della vita umana dal concepimento alla morte naturale è un assoluto nell’insegnamento morale cattolico, e quindi tutti i cattolici devono adottare misure ragionevoli per evitare la cooperazione con il male dell’aborto e dovrebbero incoraggiare mezzi alternativi di sperimentazione e sviluppo del farmaco. Ciò detto, la questione circa la moralità della ricezione dei vaccini Pfizer o Moderna COVID-19 nel contesto di una pandemia è stata costantemente descritta, da teologi ortodossi di eccellente reputazione, come un esempio di cooperazione materiale passiva e come tale, è una decisione moralmente lecita… Le e-mail confermano ciò che è noto da oltre un anno: il vaccino Pfizer COVID-19 non contiene cellule fetali.

Continua a leggere

Il Matrimonio e la Sacra Famiglia nelle parole del Venerabile Vescovo Fulton J. Sheen

“Fondamento della vita coniugale è l’affetto dei cuori

Ci sono poi dei matrimoni nei quali non c’è unione carnale, perché la carne è già sazia e intorpidita. Certi coniugi abbandonano la passione soltanto perché questa li ha abbandonati. Ma vi sono anche matrimoni nei quali dopo l’unione carnale i coniugi offrono scambievolmente a Dio il sacrificio

Continua a leggere

Storia del giornalismo: l’uso delle immagini per falsificare i fatti

Tra gli ultimi per l’uso della stampa a fini culturali, gli inglesi furono i primi a comprendere la forza di questo nuovo strumento nella lotta politica. Sarebbero poi stati i primi a lanciare giornali quotidiani (nel Settecento), e, una volta “divenuti” americani, i primi a capire la potenza ideologica del cinema prima e poi dei social per mantenere, oltre al dominio economico, anche quello mediatico, culturale e politico.

Pensate al cinema di Hollywood: quante volte ha affiancato le decisioni politiche dei governi Usa con film, magari pseudo storici, capaci di suggerire furbescamente idee politiche collegabili al presente? Pensate ora al fatto che i social più forti del mondo, da Facebook a Twitter, sono in mani americane, cioè anglofone.

Continua a leggere

Renzo Puccetti su eutanasia e diritto

lv

Il quotidiano La verità ha ospitato un dibattito su eutanasia e fine vita. Riportiamo qui l’articolo uscito tempo orsono, ma sempre attuale,, a firma Renzo Puccetti, in risposta ad un articolo, pro eutanasia, di Bruno Tinti.

Sono doppiamente grato al dottor Bruno Tinti, sia per avere voluto considerare il mio intervento precedente, sia per concedermi la possibilità, attraverso le sue ulteriori riflessioni, di svolgere alcune altre considerazioni su quell’aspetto del fine vita costituito da eutanasia e suicidio assistito. Mi dispiace se il mio precedente intervento lo ha costretto a notti insonni, spero che queste mie ulteriori parole non provochino un analogo effetto collaterale. Prima di procedere è necessaria una precisazione. Non è esatto, come afferma Tinti, che suicidio assistito ed eutanasianon abbiano nessuna relazione reciproca. In entrambi i casi si ritiene che la morte sia da preferirsi alla vita.

Continua a leggere

News dalla rete