Politica

Lo Stato laico non esiste

costituzione-della-repubblica-italiana-586x300

Il problema dello Stato laico è onnipresente, e benché di norma in penombra nei dibattiti da salotto tv, resta in un certo senso insuperabile. Dietro alle derive dell’islam politico terroristico, che ormai ha insanguinato metà delle storiche nazioni dell’Europa (ex) cristiana, come Spagna Francia Germania Russia e Scandinavia, c’è evidentemente il problema dell’accoglienza di persone di diversa religione, e dell’armonizzazione tra islamismo e tradizione cristiana.

Continua a leggere

Rischi e abusi nei Paesi che hanno legalizzato l’eutanasia e/o il suicidio assistito

 

Negli Stati dove l’eutanasia e/o il suicidio assistito sono stati introdotti, non si è assistito unicamente all’innescarsi del meccanismo del piano inclinato, mediante il quale i confini per l’accesso alle pratiche eutanasiche si sono nel tempo progressivamente ampliati, ma si sono verificate anche altre pericolose conseguenze. L’aspetto che immediatamente salta agli occhi è l’aumento incredibile del numero di persone che, negli anni seguenti all’introduzione, sono state sottoposte a tali pratiche. Un fatto, questo, che sconfessa appieno quanto propagandano dagli alfieri della morte autodeterminata, secondo i quali la legalizzazione dell’eutanasia e del suicidio assistito non condurrebbe a derive sociali, ad incoraggiare cioè un numero più alto di malati e sofferenti a domandare la morte anticipata. Continua a leggere

Riflessioni dopo le amministrative di Verona

salva

Qualche riflessione, all’indomani delle elezioni amministrative 2017, si impone sia per coloro che ne sono stati i protagonisti, ma anche per coloro che, pur al di fuori, hanno sostenuto il centro destra. Noi, del Comitato Difendiamo i Nostri figli di Verona, siamo tra questi ultimi, tra coloro che, dopo una attenta valutazione dei programmi ed una personale conoscenza dei politici candidati, hanno deciso che il centro destra, per come si presentava a Verona, non era il meno peggio, ma la scelta migliore da fare.

I risultati elettorali sono stati soddisfacenti: tre dei candidati sostenuti sono passati in consiglio comunale. Continua a leggere

Mentire con classe: Lili Gruber

Pinocchio1La giornalista patinata Lili Gruber, sulla non meno patinata rivista settimanale del Corriere della Sera, C7 uscita in edicola il 29 giugno u.s. (pagina 13), mente e vista la sua conoscenza dei fatti, lo fa sapendo di mentire.

Un lettore, tal Tommaso Procopio, le scrive giustamente preoccupato per l’invasione migratoria in atto, forse la più grande invasione della storia umana universale, certamente la più spaventosa migrazione dell’Europa nella storia moderna, da Colombo in qua. Scrive il lettore, che “Con la politica dei salvataggi stiamo invitando in Italia l’intera Africa!”. Una verità ormai così banale e autoevidente, che pure il punto esclamativo pare superfluo.

Continua a leggere

Gli attacchi di Tosi al vescovo di Verona, mons. Zenti; le dichiarazioni di Grigolini

cat

L’ex sindaco di Verona Flavio Tosi, specialista nel salto della quaglia (ha cambiato partiti e posizioni etiche come pochi altri), non ha preso bene la sconfitta della compagna, Patrizia Bisinella. Lo ha subito fatto capire, attaccando il nuovo sindaco, Federico Sboarina, in passato suo assessore allo sport, e il vescovo di Verona, Zenti.  Perchè? Sentiamo le parole di Tosi riportate da L’arena: Continua a leggere

Renzo Puccetti deposita in Senato un documento sulle DAT

Il professor Renzo Puccetti, nostro collaboratore, ha depositato alla Commissione Sanità in Senato un interessante e documentatissimo documento in merito alle DAT, Disposizioni Anticipate di trattamento.

Di particolare significato, oltre la elevata volatilità delle DAT e la mancanza d’informazione ad esse sottesa, l’impressionante incremento di mortalità in chi redige varie forme di dat, in particolare il dnr (Do Not Resuscitate), la forma più semplice e diffusa.

Un sussidio da leggere e diffondere. Continua a leggere

A Verona un candidato per i valori

sboarinaComitato Difendiamo i Nostri Figli per
Verona

Siamo arrivati al BALLOTTAGGIO!

Carissimi amici, siamo arrivati ad un appuntamento molto importante che ancora una volta ci vedrà protagonisti attivi per la nostra città: il ballottaggio tra Patrizia Bisinella e Federico Sboarina.

Innanzitutto è importantissimo andare a votare. E’ poi fondamentale votare Sboarina, che non è soltanto “il meno peggio”, ma colui che convintamente crede nei nostri valori. Nel caso in cui vincesse, Continua a leggere

L’onda macronista: uno scherzo

News letter dal sito francese Liberté Politique, diretto da François Billot de Lochner – 14/6/2017

Cari amici,

Vi presento una videointervista in cui François Billot de Lochner spiega la sua posizione a riguardo dei risultati del primo turno delle elezioni legislative francesi.

Un cordiale saluto.

La delegata generale Sophie d’Auber

Contenuto dell’intervista

Come giudica questa specie di marea macronista?

Senta, dal mio punto di vista non c’è nessuna marea montante macronista. E io sono del tutto stupefatto nel vedere come gli analisti politici parlino di marea macronista. Nei fatti i candidati di Macron hanno ottenuto il 13% dei voti, il che, guardando questo risultato dal punto divista storico è un risultato estremamente debole. Dunque non c’è alcuna marea macronista. Ci sono invece 24milioni di francesi che si sono astenuti. Quella è la marea montante! Non è a quella dei candidati di Macron che dobbiamo guardare, ma agli astenuti che dimostrano un immenso smarrimento del popolo francese in rapporto al sistema politico mediatico, che evidentemente non funziona più. Continua a leggere

News dalla rete
  • Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

    matera-tavola-rotonda di Alessandro Santini. Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l'opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Leggi il seguito… 

  • “Avvenire”, ormai è solo ideologia

    avvenire-ius-soli di Stefano Fontana. Lo "strano" caso di Avvenire e della legge sullo IUS SOLI spinta dal quotidiano con ogni mezzo. Ma perché ad Avvenire non hanno fatto una copertina simile quando il Parlamento ha approvato la legge Cirinnà che di principi assoluti della morale naturale e della Dottrina sociale della Chiesa ne negava almeno un centinaio? E perché non ha fatto lo stesso quando è stata staccata la spina del ventilatore al piccolo CharlieGard? Oppure ogni anno, nella ricorrenza dell’approvazione della legge 194 sull’aborto legale? Leggi il seguito… 

  • Perché mai San Francesco avrebbe dovuto camminare alla cieca?

    the_parable_of_the_blind di Silvio Brachetta. Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”. Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco». Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano… Leggi il seguito… 

  • Don Carlo Caffarra, incatenato alla verità come a una roccia

    di Stanislaw Grygiel - Il Foglio, 17 Settembre 2017 “So che le batoste che si prende sono destinate a me”, disse un giorno Giovanni Paolo II.Un’amicizia durata quarant’anni. Leggi il seguito…