Mario Palamaro

La crisi di fede c’è, ma finirà

La Bella Addormentata – Perché dopo il Vaticano II la Chiesa è entrata in crisi. Perché si risveglierà. E’ questo il titolo dell’ultimo libro della premiata ditta Gnocchi e Palmaro: un agile saggio edito da Vallecchi (settembre 2011), che tenta di fornire una spiegazione del perché la Chiesa, oggi, si trovi in una situazione di difficoltà che è sotto gli occhi di tutti.
Solo per fare qualche esempio: vescovi che non obbediscono al Papa; preti che girano con vestiti di marca e con cellulari all’ultima moda; chiese in cui il Santissimo è nascosto in qualche nicchia laterale; Messe dove il prete ricopre il ruolo di attore-protagonista; la disarmante incoscienza dei fedeli rispetto l’importanza di sacramenti quali la confessione e la comunione (per non parlare del matrimonio! Ormai celebrato in chiesa solo perché la location è di gran lunga esteticamente migliore rispetto ad un ufficio del Comune)… e via di questo passo.

Come mai siamo arrivati a questo punto?
Nel rispondere, Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro si appoggiano in particolare ai pregevoli lavori di Gherardini, De Mattei e padre Serafino Maria Lanzetta, i quali negli ultimi anni si sono impegnati nello studiare il Concilio Vaticano II nei suoi preparativi, nel suo svolgimento e, soprattutto, nella sue conseguenze.
Di capitolo in capitolo, La Bella Addormentata analizza vari aspetti delle assise conciliari: il clima culturale in cui si svolse; il ruolo determinante giocato dai mezzi di comunicazione di massa; l’apertura della Chiesa al mondo; l’attacco al latino e all’autorità stessa del Papa; la crisi liturgica che è derivata dall’oscuramento della Croce; la creazione di una vera e propria neolingua postconciliare, fondata sull’ambiguità; eccetera.

L’intera indagine di Gnocchi e Palmaro è svolta facendo affidamento sui documenti conciliari stessi e non mira a distruggere o criticare per il puro gusto di farlo, anzi. Leggendo il libro si coglie infatti molto bene come i due autori siano mossi esclusivamente da un profondo amore per la Chiesa. Una Chiesa che è oggigiorno innegabilmente in difficoltà e che ha bisogno di risollevarsi; ma per fare questo necessita di persone che ribadiscano la Verità, che è una sola da duemila anni a questa parte.

La Chiesa è addormentata, ma si risveglierà: dobbiamo solo amarla.

News dalla rete
  • La riserva indiana dei non garantiti

    di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

  • Sanità, vaccini e finalismo della natura

    Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

  • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

    di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

  • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

    di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…