Alessandro Gnocchi

La crisi di fede c’è, ma finirà

La Bella Addormentata – Perché dopo il Vaticano II la Chiesa è entrata in crisi. Perché si risveglierà. E’ questo il titolo dell’ultimo libro della premiata ditta Gnocchi e Palmaro: un agile saggio edito da Vallecchi (settembre 2011), che tenta di fornire una spiegazione del perché la Chiesa, oggi, si trovi in una situazione di difficoltà che è sotto gli occhi di tutti.
Solo per fare qualche esempio: vescovi che non obbediscono al Papa; preti che girano con vestiti di marca e con cellulari all’ultima moda; chiese in cui il Santissimo è nascosto in qualche nicchia laterale; Messe dove il prete ricopre il ruolo di attore-protagonista; la disarmante incoscienza dei fedeli rispetto l’importanza di sacramenti quali la confessione e la comunione (per non parlare del matrimonio! Ormai celebrato in chiesa solo perché la location è di gran lunga esteticamente migliore rispetto ad un ufficio del Comune)… e via di questo passo.

Come mai siamo arrivati a questo punto?
Nel rispondere, Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro si appoggiano in particolare ai pregevoli lavori di Gherardini, De Mattei e padre Serafino Maria Lanzetta, i quali negli ultimi anni si sono impegnati nello studiare il Concilio Vaticano II nei suoi preparativi, nel suo svolgimento e, soprattutto, nella sue conseguenze.
Di capitolo in capitolo, La Bella Addormentata analizza vari aspetti delle assise conciliari: il clima culturale in cui si svolse; il ruolo determinante giocato dai mezzi di comunicazione di massa; l’apertura della Chiesa al mondo; l’attacco al latino e all’autorità stessa del Papa; la crisi liturgica che è derivata dall’oscuramento della Croce; la creazione di una vera e propria neolingua postconciliare, fondata sull’ambiguità; eccetera.

L’intera indagine di Gnocchi e Palmaro è svolta facendo affidamento sui documenti conciliari stessi e non mira a distruggere o criticare per il puro gusto di farlo, anzi. Leggendo il libro si coglie infatti molto bene come i due autori siano mossi esclusivamente da un profondo amore per la Chiesa. Una Chiesa che è oggigiorno innegabilmente in difficoltà e che ha bisogno di risollevarsi; ma per fare questo necessita di persone che ribadiscano la Verità, che è una sola da duemila anni a questa parte.

La Chiesa è addormentata, ma si risveglierà: dobbiamo solo amarla.

News dalla rete
  • La Chiesa che accetta il Green pass è protestante

    di Stefano Fontana. Uno degli effetti del grande reset connesso con la gestione del Covid è la rivoluzione della Chiesa cattolica e nella Chiesa cattolica. La pandemia condurrà la secolarizzazione alle sue estreme conseguenze: la protestantizzazione. Durante i secoli, le Chiese nazionali potevano sottrarsi alle imposizioni degli Stati appellandosi al potere del Papa. Ma il Papa stesso si è sottomesso alla logica della politica.  Leggi il seguito…

  • Cos’è la “Teologia del Popolo”?

    di Carlos Daniel Lasa. Papa Francesco, quando si esprime, trova nella “Teologia del Popolo” a sua principale fonte di ispirazione. Per questo mi sembra importante, in queste brevi righe, esporre a grandi linee in cosa consista queste teologia. Leggi il seguito…

  • Bassetti scivola sulla Provvidenza: la scambia per Draghi

    di Stefano Fontana. Il presidente della Cei Bassetti elogia Draghi e lo associa alla Provvidenza.Si era sbagliato Pio XI su Mussolini e ora si sbaglia il cardinale su Draghi. Perché piegare la Provvidenza a queste miserie da corridoio del palazzo? È una visione hegeliana per cui Dio confermerebbe con la sua Provvidenza colui che di fatto si impone sugli avversari.  Leggi il seguito…

  • L’Agghiacciante inadeguatezza di chi avrebbe in mano le nostre vite

    di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, non voglio commentare le parole di Sergio Mattarella perché si commentano da sole. E d’altronde non c’era da attendersi altro, da qualcuno che sta facendo di tutto per de-nobilitare il suo ruolo, la Costituzione e avvelenare democrazia e clima politico. Ma quello che mi sembra interessante notare è che sta emergendo con sempre maggiore chiarezza l’inadeguatezza del Presidente del Consiglio a svolgere il suo compito. Leggi il seguito…