Chiesa

“La verità è ciò che arde”

Paul Klee, Morte e fuoco, olio e tempera su tela, 1940

Commento artistico-spirituale al Vangelo della XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C – 13 Agosto 2022

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

Colletta

O Dio, che nella croce del tuo Figlio
riveli i segreti dei cuori,
donaci occhi puri,
perché, tenendo lo sguardo fisso su Gesù,
corriamo con perseveranza incontro a lui, nostra salvezza.
Egli è Dio, e vive e regna con te.

Ai discepoli che l’accompagnano verso Gerusalemme, Gesù spiega il perché del suo avvento: «Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!» (Luca 12,49-53).

Continua a leggere

Castità prematrimoniale: perchè?

I tempi dell’affettività

Nella vita affettiva la Chiesa propone una chiara scansione dei tempi. Può essere interessante comprenderla.

Prima di unirsi con una donna o con un uomo, insegna la Chiesa, è bene vivere due tappe: fidanzamento prima (meglio se non troppo presto, e non troppo lungo), e matrimonio, poi.

Un ordine cronologico che è anche logico. E che comporta la famosa e vituperata castità prematrimoniale, cioè un tempo di discernimento in cui ragazzo e ragazza, consapevoli ognuno della propria preziosità ed unicità, cercano di comprendere se stessi e la persona che hanno di fronte, prima di affidarsi completamente e donare tutto se stessi.

Per evitare di buttarsi via; di fare il passo più lungo della gamba; di mettere il carro davanti ai buoi: in altre parole di condividere il proprio corpo, la totalità di se stessi, con una persona a cui magari, solo un anno dopo non si affiderebbe non si dice la vita, ma neppure la propria auto o la propria casa. Il cosiddetto “divieto” di rapporti carnali prima del matrimonio nasce dunque da qui: si conosce, per quanto possibile, una persona, si sperimenta la possibilità di un accordo profondo, e, conoscendola, si impara piano piano ad amarla. Non si dà amore vero, infatti, prima della conoscenza. Così come non si dà profonda conoscenza, senza amore vero.

Perché la Chiesa chiede ai fidanzati di non avere rapporti carnali prima del matrimonio?

Continua a leggere

È possibile una lettura cristiana della cronaca e della storia?

Pin on Bestiary

Dai suoi albori, Radio Maria propone ogni mattina, alle ore 9.00, la trasmissione condotta da Padre Livio Fanzaga dal titolo Lettura cristiana della cronaca e della storia. Un esempio personale di lettura teologica degli eventi nel mondo alla luce della rivelazione, ovvero, una lettura ‘profetica’ del combattimento spirituale tra Dio e il regno

Continua a leggere

Reinhard Heydrich, gerarca nazista, la Chiesa, l’eutanasia

copj170.asp

Reinhard Tristan Eugen Heydrich (1904-1942) è stato il gerarca nazista più importante nella pianificazione ed attuazione dello sterminio degli ebrei. Ebbe un ruolo di I piano nelle SS.

Il suo pensiero sulla Chiesa è raccontato da Callum MacDonald, professore di storia moderna presso l’università di Warwick, in Operazione Anthropoid. L’attentato a R.Heydrich, il boia di Praga (Giunti, Milano, 2015; cliccare sui testi)):

Continua a leggere

Santo e musicista

Tu scendi dalle stelle o re del cielo e vieni in una grotta al freddo e al gelo”: inizia così la più celebre canzone popolare di Natale, e può venir voglia di conoscere chi sia l’autore e quale sia stata la sua vita. Alfonso Maria de Liguori, questo il nome di colui che la ideò, nasce a Napoli nel 1696, da famiglia nobile e ricca. Dati i natali, la sua vita sembrerebbe già scritta: lo aspettano onori, ricchezze, potere. Suo padre nutre grandi ambizioni per il figlio, e lui ha doti non ordinarie. Studia musica, ama dipingere,si iscrive, a 12 anni, presso l’Università di Napoli, per divenire avvocato.

Continua a leggere

Josè Carballo e i FI

Di seguito un interessante articolo sui Francescani dell’Immacolata e mons. José Rodríguez Carballo:

8 anni fa la Congregazione dei Francescani dell’Immacolata finiva nel mirino della Santa Sede, ma in tutti questi anni non è ancora stato chiarito il perché. Sullo sfondo il ruolo e i misteri che aleggiano su uno degli accusatori principali della famiglia religiosa, che firmò il decreto di commissariamento: il vescovo José Rodríguez Carballo, che guidò i Frati minori quando vennero travolti da uno scandalo finanziario su cui non si è mai più saputo nulla. 

Per articolo:

https://lanuovabq.it/it/gli-8-anni-di-calvario-dei-francescani-dellimmacolata

Crollo della Chiesa tedesca

La Chiesa cattolica e il cristianesimo in Germania hanno una storia lunga, complessa, a tratti difficile, ma colma di monaci, di cattedrali, di monumenti. E soprattutto di santi e di santità. Da san Bonifacio (675-754), apostolo della nazione, sino a Robert Schuman (1866-1963), di cui papa Francesco ha appena riconosciuto le “virtù eroiche”. Passando per Alberto Magno, il maestro di Tommaso d’Aquino, Pietro Canisio, o nel Novecento Edith Stein, Karl Laisner e Clemens Von Galen, detto il “leone di Münster”.

Ovviamente, dopo la rivoluzione di Martin Lutero (1483-1546), la cristianità tedesca è sempre stata divisa e i cattolici sono divenuti minoranza. Ma una minoranza autorevole, che nei secoli ha recuperato parecchio terreno, mantenendo nel cattolicesimo una parte importante del popolo tedesco, come la Baviera.

Da decenni però la Chiesa germanica soffre di una crisi dottrinale, morale, religiosa, che si configura non più come una “crisi di crescita” o una contingenza storica. Ma come una crisi di fondo, che sembra precedere la scomparsa o la riduzione dei cattolici a una delle tante chiesuole della famiglia protestante.

Continua a leggere

I filosofi atei lo dicono senza complessi: o il cristianesimo resuscita o con esso cadrà anche questa civiltà.

Da Religionenlibertad – Quotidiano spagnolo online – 12 luglio 2021

Fonte: https://www.religionenlibertad.com/polemicas/511549331/filosofos-ateos-cristianismo-resucita-caera-civilizacion.html

Niall Ferguson si confessa ateo, ma considera la fede cristiana essenziale perché la nostra civiltà possa reggere.

L’evidente declino sociale e culturale del cristianesimo desta preoccupazione non solo tra i cristiani, ma anche tra alcuni illustri pensatori atei, preoccupati per il suo impatto sulla scomparsa della morale e sul danno alla stessa convivenza sociale.

Jonathon Van Maren ha parlato di questo tema con alcuni dei grandi rappresentanti dell’agnosticismo e dell’ateismo in ambito anglosassone, e le conclusioni coincidono: se il cristianesimo scompare dalla civiltà occidentale, non sopravvivrà a lungo. Il suo pensiero è espresso in un articolo pubblicato da Convivium:

Continua a leggere

Vescovi, vigilanti

Pavia, città splendida, ricca di chiese, di arte, di storia…dove sono sepolti Severino Boezio e sant’Agostino. Apprendo che il “padre della patria” è il santo Vescovo Epifanio, la cui esistenza si colloca in un momento cruciale, il passaggio dall’età antica al medioevo.

Continua a leggere

Arte bellezza e catechesi nel Natale, icona del Verbo preesistente, e l’Opera di Timothy Verdon

Come i pastori

Maestro dell’Annuncio ai pastori (Juan Do ?), Adorazione dei pastori, 1630 1640 ca.

 

All’inizio del nuovo anno, potrebbe essere bello proporsi di guardare con occhi diversi le immagini che ogni momento scorrono innanzi. Posare lo sguardo, sostare, per coglierne l’anima, la visione profonda che riservano Continua a leggere

Iscriviti alla nostra Newsletter

Diventa socio
Cookie e Privacy Policy