Bioetica

7 aprile, a Roma

pro-vita

Alcuni autorevoli vaticanisti, come l’italiano Marco Tosatti e l’inglese Edward Pentin, hanno annunciato che il 7 aprile, a Roma, si svolgerà un grande convegno intitolato “Chiesa, dove vai?”, per interrogarsi appunto sui grandi dibattiti che lacerano la Chiesa di oggi. Continua a leggere

Massimo Gandolfini, la genesi di una leadership

index

Nel suo libro intervista con Stefano Lorenzetto (direttore editoriale del quotidiano La Verità), sul Family day, Massimo Gandolfini, con grande eleganza, riconosce meriti a tutti gli altri membri del Comitato.

Per questo non traspare affatto il motivo per cui Gandolfini è diventato il portavoce del Family day stesso, il volto più capace di rappresentare milioni di persone.

Sembra quasi, a chi non conosca i fatti, che ciò sia accaduto per caso. Come se Gandolfini fosse un altro Renzi, pescato chissà da chi e chissà dove.

Le cose non stanno così. Gandolfini era, tra i membri del Comitato, il più anziano, non tanto quanto ad età, ma quanto ad impegno. Continua a leggere

La scienza sperimentale e l’utero in affitto

images-1

Si sente spesso dire che “le ricerche scientifiche non dimostrano che esista alcun problema per un bambino a crescere senza padre o senza madre, con due maschi o due femmine...”. Così, tirando il ballo la parola “scienza”, si vorrebbe confinare nel territorio dell’irrazionalità coloro secondo i quali padre e madre sono necessari al benessere psico-fisico di ogni creatura.

Ma queste ricerche “scientifiche”, sono davvero tali?

In verità la ricerca psicologica non è mai scientifica in senso pieno perché si applica non ad un oggetto semplice (un sasso, una piuma), ma ad un soggetto complesso, una persona, che è anima, corpo; perché ciò che viene indagato, la felicità, il benessere psichico, è escluso a priori dall’indagine scientifica di tipo galileiano, in quanto né misurabile né quantificabile. Infatti mentre di un oggetto possiamo dire quanto pesa e quale sarà il suo comportamento in una determinata circostanza, non potremo mai fare lo stesso per una persona umana, dotata di libertà. Continua a leggere

BIOTESTAMENTO: I PROSSIMI CHARLIE E ALFIE SARANNO ITALIANI?

 index

Il 12 dicembre un comunicato di Giuristi per la Vita e di Medici per la Vita con ha dato notizia della loro adesione all’appello lanciato dal Comitato “Italia per la Vita” e del presidio organizzato per il giorno dopo davanti a Palazzo Madama, dove veniva discusso il disegno di legge sulla “Dichiarazione anticipata di trattamento”, che “sotto le mentite spoglie di biotestamento o DAT introduce l’eutanasia m Italia”.

Nel comunicato medici e giuristi, precisando di essere contrari al cosiddetto accanimento terapeutico, condannato anche dalla Chiesa, sostengono che il disegno di legge mira “a capovolgere il principio cardine dell’indisponibilità della vita e costringere anche i medici a trasformarsi in ciechi strumenti di morte”. Vi è – sostengono – un percorso segnato da provvedimenti, come la legge sulle unioni civili e le linee-guida per il gender nelle scuole, frutto di mera ideologia politica e non rispondenti al “vero bene comune”, adottati in questi ultimi anni (“fra i più oscuri della storia della nostra Repubblica”), che ora “PD e Cinque Stelle con altri elementi al seguito vogliono chiudere, introducendo una sorta di “omicidio di Stato” con la legge eutanasica”, che “di fatto introduce l’eutanasia omissiva mediante l’interruzione dell’alimentazione Continua a leggere

Biotestamento: Giovanardi (IDEA), con legge quanti casi Englaro?


Biotestamento:
Giovanardi, con legge quanti casi Englaro? (ANSA) – ROMA, 12 DIC – “Con questa legge quanti casi Eluana Englaro avremo e quanti minori potranno essere lasciati morire negando loro idratazione e alimentazione, sulla base di una decisione di un magistrato in caso di contrasto tra il rappresentante legale di un minore e i medici, come previsto dall’ art. 3, 5° comma del disegno di legge già approvato dalla Camera?”. Lo ha chiesto nel suo intervento in Aula al Senato il senatore Carlo Giovanardi di Idea Popolo e libertà. “Quanti casi Charlie Gard – ha incalzato Giovanardi – avremo nelle benemerite istituzioni italiane, come il Cottolengo, dove vengono amorevolmente assistiti bambini le cui patologie secondo alcuni non consentono loro una vita dignitosa? Dalla maggioranza – ha concluso Giovanardi – non è ancora arrivata nessuna risposta a questi inquietanti interrogativi”. DEZ-COM 12-DIC-17 13:47 NNN

Respinto l’emendamento Quagliariello sul biotestamento

gaetano

Gaetano Quagliariello, insieme ad altri senatori e deputati di Idea e, soprattutto, della Lega, è stato protagonista della battaglia contro il ddl Cirinnà (che forse non sarebbe mai passato se Renzi non avesse imposto la fiducia), e dello stop al ddl Scalfarotto. In passato, insieme a Roccella, Giovanardi, Sacconi ed altri, spinse Berlusconi a fermare la sentenza contro Eluana Englaro, ma fu stoppato dal presidente della Repubblica Napolitano.

In questi giorni Quagliariello è in prima linea, con altri colleghi del centro-destra, per fermare l’introduzione dell’eutanasia. Continua a leggere

Le ragioni dell’Humanae vitae alla luce di san Giovanni Paolo II

humanae-vitae-osservatore-romano 

Pubblichiamo il testo integrale della relazione tenuta da Marina Bicchiega al convegno “Le meraviglie della fecondità umana: prevenzione e cura dell’infertilità” organizzato il 29 settembre 2017 dal Movimento per la Vita di Casale Monferrato. L’intervento affronta le sei obiezioni tipiche rivolte all’enciclica Humanae vitae. Riflette sul dibattito tra contraccezione e metodi naturali analizzando gli aspetti scientifici, teologici e pastorali con uno sguardo sul panorama mondiale. Gli altri relatori del convegno, introdotti da Margherita Borsalino Garrone, erano padre Giorgio Carbone O.P., Raffaella Pingitore, Loredana Sferruzza e Cinzia Ponte. A margine del convegno si è tenuta la 17esima replica del recital acustico “Dal cielo alla terra”, una serata di nuova evangelizzazione sull’amore coniugale ideata da Davide Zanelli.

di Marina Bicchiega

Buon pomeriggio a tutti. Premetto che per me è un onore sedere a questa cattedra a fianco di illustri relatori e di un maestro come padre Giorgio Carbone. Nella mia relazione illustrerò quali sono le obiezioni tipiche incontrate dall’Humanae vitae in questi primi cinquant’anni. Per ogni obiezione cercherò di spiegare perché quest’enciclica profetica ha avuto ragione, e come queste ragioni sono state portate alla luce dall’insegnamento di san Giovanni Paolo II. Ho classificato sei obiezioni. Vengono da lontano e vanno dal piano scientifico-filosofico a quello teologico-pastorale. Ne scorrerò rapidamente alcune per soffermarmi su due delle obiezioni che ritengo più centrali nel dibattito di questi ultimi anni.

Continua a leggere

News dalla rete
  • Gandolfini: “Renzi faccia tosta, chiede voto ai cattolici dopo offensiva senza precedenti a vita, famiglia e libertà educativa

    renzi-il-bomba di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Ci vuole la faccia foderata di piombo di Renzi per fare un appello al voto cattolico, dopo una legislatura che ha visto un’offensiva senza precedenti all’antropologia umana e alla libertà di pensiero. Basta ricordare due fiducie sulle unioni civili, private delle adozioni solo grazie al Family Day, e il voto sul bio-testamento senza libertà di coscienza. A questo si aggiungono le proposte di legge per la legalizzazione delle droghe, il ddl sull’omofobia che colpisce i reati di opinione, i tentativi di introdurre l’ideologia gender nella riforma della scuola e il divorzio lampo. Leggi il seguito… 

  • Il tour di Emma fa tappa nella Basilica dei napoletani

    bonino_basilica_napoli di Pietro Gargiulo. Speriamo che questo incubo ilare dal quale con difficoltà ci siamo risvegliati segni la fine di questa allucinazione collettiva per la quale, attraverso l’uso di “parole talismano” (accoglienza, autodeterminazione, ecc.) i veri nemici del popolo si accreditano e vengono accreditati come salvatori della patria Leggi il seguito… 

  • Breve storia di sette anni infami

    politica-italiana di Marcello Veneziani. Nel pieno di una deprimente schermaglia elettorale, guardiamoci indietro per capire come siamo arrivati a questo punto. Ricostruiamo la storia degli ultimi sette anni. In principio fu la fine di Berlusconi. Messo fuori gioco da un mezzo golpe interno e internazionale, nel nome di una parola magica chiamata spread, cominciò per l’Italia il settennato più assurdo della nostra pur anomala storia. Leggi il seguito… 

  • Salvini conquista Reggio Calabria

    odeon_reggio-calabria di Nino Spirlì. Non poteva essere certo quello sparuto plotoncino di “contestatori fotocopia” – con in mano i soliti cartelli (stavolta anche di pessimo gusto) scritti fottendosene dell’ortografia, della sintassi e del buongusto –  a scoraggiare l’onda possente di sostenitori di Matteo Salvini, della Lega e del CentroDestra che si è letteralmente impossessata del Teatro Odeon di Reggio Calabria, la sera di San Valentino. Leggi il seguito…