Arte

23 Settembre primo giorno d’Autunno

Roberto Filippetti

Oggi è il primo giorno d’autunno. Pochi sanno che autunno e autorità – due parole in apparenza lontane – derivano entrambe dal latino “augère” che significa aumentare, far crescere. Si cresce e si diventa grandi andando dietro a maestri autorevoli.

Dopo la prima (vera) e la seconda stagione (estate, da “aestus” è il periodo del calore ardente) e in attesa

Continua a leggere

LE MANI DI DIO

Rembrandt Harmenszoon Van Rijn, Il ritorno del Figliol prodigo, 1668, o/t, 262×206 cm
Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo.

Scrive Henri J.M. Nouwen, nel libro L’ABBRACCIO BENEDICENTE, meditazione sul ritorno del figlio prodigo:

Continua a leggere

“Il padre che perdona”

Giorgio De Chirico, Il figliol prodigo, 1922, Museo del Novecento, Milano

Commento artistico-spirituale al Vangelo della XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C – 11 Settembre 2022

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

Colletta

O Padre,
che in Cristo ci hai rivelato
la tua misericordia senza limiti,
donaci di accogliere la grazia del perdono,
perché la Chiesa si rallegri
insieme agli angeli e ai santi
per ogni peccatore che si converte.

Agli Esami di Stato del 2016, per l’ambito artistico-letterario della prova di Italiano, fu proposto il quadro «Il figliol prodigo» dipinto nel 1922 da Giorgio De Chirico, dal 2010 al Museo del Novecento di Milano.

Continua a leggere

LA MADRE DI DIO NELLA SIMBOLOGIA NUMERICA

Giotto, Natività di Maria, Cappella di Santa Maria della Carità,
detta degli Scrovegni, 1303-1305, Padova

8 settembre, Natività di Maria. A 9 mesi esatti (o meglio a 40 settimane) dall’8 dicembre, giorno in cui venne concepita immacolata nel grembo di Anna. Numeri umanissimi e densamente simbolici: 9 è il

Continua a leggere

La nuova vita dei Conti Secco Suardo di Lurano

A conclusione di questo secondo anno di trasmissioni e interviste di PAIDEIA Web visitiamo una splendida dimora bergamasca, il Castello di Lurano, aprendo la nostra immaginazione a visioni inaspettate e alla conoscenza della nuova vita, che stanno attraversando diverse dimore storiche in tutta Italia con risonanze non solo nazionali,

Continua a leggere

LA MESSA DA REQUIEM DA MOZART A VERDI Cosa cambia per la Fede?

Ecco il video atteso …

I Maestri Gianfranco D’Elia e Chiara Bernasconi. Un pianista concertista ed una cantante e musicologa

Parliamo di musica, delle Messe da Requiem. Un patrimonio che annovera nella storia della Chiesa e dell’arte almeno duemila composizioni. Ci guideranno nella conversazione due specialisti: il pianista e concertista Gianfranco d’Elia e la musicologa e cantante Chiara Bernasconi, in collegamento da Carate Brianza (Monza).

Continua a leggere

Le impudiche menzogne del mondo

Giotto, Isaia, Santa Maria della Carità, detta degli Scrovegni, 1303-1305, Padova

Cos’è la verità?, chiese Pilato, e si lavò le mani del sangue del Giusto, senza con ciò essere giustificato. Non ebbe risposta che il Cristo consegnato, tradito. Cos’è la Verità? si chiede oggi il cristiano disperso nel mondo. Da Isaia, una prima risposta.

Dalla Pagina Facebook di Roberto Filippetti, esperto d’Arte e Letteratura (9 Maggio-22 ore fa)*

Oggi è sant’Isaia. Isaia è un pro-feta: uno che proclama davanti a tutti la verità. È perché va a fondo del reale (oltre che per speciale grazia di Dio) che egli vede avanti. San Girolamo arriva a dire che Isaia fu “non solo profeta, ma anche evangelista e apostolo…

Continua a leggere

LA PASQUA DI FRANCESCO D’ASSISI. Identificazione con Cristo Parola crocifissa

Gentile da Fabriano, Stimmate di San Francesco, 1420 ca., tempera e oro su tavola, cm 87 x 64, Fondazione Magnani-Rocca, Mamiano di Traversetolo

Mercoledì 6 Aprile alle ore 18.00,

“PAIDEIA Web”

presenterà una meditazione su

“La Pasqua di Francesco di Assisi”.

Francesco sapeva bene cosa significasse affrontare una quaresima, visto che viveva annualmente con grande serietà non solo la quaresima precedente la Pasqua, ma anche le altre quattro, come ben pochi sanno, con duecento giorni di rigidissimo digiuno:

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra Newsletter

Diventa socio
Cookie e Privacy Policy