Lorenza Perfori

Guerra al contante, specchio del nuovo statalismo

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

Nel nostro Paese c’è già una forte limitazione all’uso del contante. Non mancano però proposte di ulteriore restrizione e qualcuno vorrebbe addirittura l’eliminazione del contante con la creazione di una moneta elettronica ufficiale. Cominciano ad emergere qua è la le proteste e se finora l’argomento è ancora sotto traccia, è realistico prevedere che nel prossimo futuro diventerà centrale e su di esso maturerà uno scontro di civiltà. Continua a leggere

Per non fermarsi col rosso passano col verde

di Marcello Veneziani.

Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Continua a leggere

Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

di Andrea Zambrano.

Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall’associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell’inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d’area cattolica. Eppure, al di là dell’aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell’operazione accoglienza, certificata dall’impennata nei bilanci sociali della coop fiore all’occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un’inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Continua a leggere

CATTOLICESIMO NELLA STORIA. Famiglia, vita cittadina, solidarietà economica

Viene distribuito in questi giorni agli abbonati il fascicolo 2/2020 del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa”, pubblicazione trimestrale dell’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân sulla Dottrina sociale della Chiesa.

SOMMARIO

Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa – 2/ 2020

CATTOLICESIMO NELLA STORIA. Famiglia, vita cittadina, solidarietà economica.

Anno XVI (2020), numero 2, APRILE – GIUGNO

Editoriale, pagina 35

S.E. Mons. Giampaolo Crepaldi, IL VANGELO SOCIALE FERMENTO DI CIVLTA’

Focus 1, pagina 37

Don Calogero D’Ugo, LA NUOVA VISIONE DELLA FAMIGLIA NEI PRIMI SECOLI CRISTIANI

Zoom 1, pagina 41

Andrea Risi, L’ESPERIENZA DELLE PARTECIPANZE NELLA CAMPAGNA EMILIANA  TRA OTTO E NOVECENTO

Focus 2, pagina 44

Don Daniele de Rosa, “AMATE IL BENE COMUNE”. FRANCESCO DI PAOLA IL SANTO CHE INIZIO’ LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA CATTOLICA

Focus 3, pagina 53

Massimo Viglione, CONFRATERNITE, GILDE, CORPORAZIONI. LA CITTA’ MEDIEVALE A MISURA D’UOMO PERCHE’ CONCEPITA A MISURA DI DIO.

Segnalazioni di DSC, pagina 61

Spoglio internazionale, pagina 63

Attività dell’Osservatorio, pagina 65

Coordinamento nazionale Justitia et Pax per la Dottrina sociale della Chiesa, pagina 67 Continua a leggere

La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

di Corrado Ocone.

Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Continua a leggere

Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

di Stefano Fontana.

Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Continua a leggere

Russiagate: “Barack Obama ha minato lo stato di diritto”

di Roberto Vivaldelli.

L’ex presidente Barack Obama ha avuto un ruolo chiave nell’orchestrare il falso scandalo del Russiagate e nell’alimentare la narrativa della collusione fra la Campagna di Donald Trump e il Cremlino a cavallo fra il 2016 e il 2017. Secondo il New York Post, le recenti rivelazioni nell’ambito della lunga battaglia giudiziaria dell’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael T. Flynn conferma che Obama ha svolto un ruolo centrale in tutta la vicenda. Continua a leggere

I gemelli uccisi e un malessere che riguarda tutti

di Benedetta Frigerio.

Facile parlare di Bressi come di una personalità maniacale che di fronte alla richiesta di separazione dalla moglie si è ribellato uccidendo prima i figli e poi se stesso. Facile ridurre il problema al maschio padrone. La tragedia di Lecco è sintomo di un modo di vivere diffuso dove al centro ci siamo solo noi e i nostri diritti. Dove la felicità coincide con la gratificazione. Per salvarci dalla violenza e dal possesso distruttivo abbiamo bisogno di compredere la convenienza del “sacrificio”. Continua a leggere

I millennials sbagliano obiettivo: non sono gli anziani a bloccare il futuro

di Angelica Stramazzi.

No, non si tratta di una boutade estiva. Dati numerici certificano quanto stiamo per dire. Un rapporto dell’osservatorio Censis-Tendercapital sostiene che 5 giovani su 10 in piena emergenza Coronavirus vogliono tagliare fuori gli anziani nell’accesso alle cure; il 39,2% dei ragazzi afferma che è giusto che i giovani siano curati prima di chi è più avanti con gli anni. Ma non è tutto. Il 35% di chi rappresenta le nuove generazioni ritiene che sia troppo copiosa la spesa pubblica destinata agli anziani. Insomma, un quadro che non lascia ben sperare. E sebbene esistano delle spiegazioni in grado di corroborare questi numeri, resta il fatto che quanto delineato dà vita a scenari macabri e brutali, senza voler esagerare. Continua a leggere

Il reddito universale, la Civiltà Cattolica e la DSC

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

Nel numero in distribuzione la Civiltà Cattolica dedica un lungo articolo alla proposta di una “retribuzione universale” (o reddito universale), in riferimento alla chiara proposta fatta da papa Francesco in questo senso nella sua Lettera ai Movimenti Popolari del 12 aprile scorso. Secondo il padre gesuita autore dell’articolo – Gaël Giraud (nella foto) – la cosa è fattibile e ci sarebbero le risorse per farla. Ci sono però varie teorie su come realizzarla che stanno dividendo i promotori del basic income. Ecco perché egli propone una sua strada che consiste nello “sfruttamento fiscale dei beni comuni”. Continua a leggere

News dalla rete
  • Omofobia, libertà e verità: la lezione di Ruini e Crepaldi

    di Stefano Fontana. Le parole del cardinale Camillo Ruini e dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a proposito della legge Zan cosiddetta contro l’omotransfobia hanno brillato nel mare di silenzio degli altri vescovi e hanno riproposto con vivacità il modo di ragionare messo a punto da Benedetto XVI. Ambedue gli interventi hanno infatti una chiara impostazione ratzingeriana. Leggi il seguito…

  • I bambini abortiti sono martiri? L’ipotesi si fa strada

    di Ermes Dovico. «Desideriamo sollecitare la Chiesa ad aprire un processo canonico per il riconoscimento del martirio dei bambini uccisi dall’aborto», perché «crediamo che questi bambini abbiano un ruolo importante nell’economia della salvezza». Parla alla Bussola Giovanni Antonucci, fondatore dell’Associazione per la postulazione della causa dei bimbi non nati martiri, fatta da laici e sacerdoti. Alla sua base un’ipotesi teologica che non appare in contrasto con il Magistero. Due i punti principali: il primato della grazia e l’odium fidei rinvenibile nell’ideologia del relativismo. Leggi il seguito…

  • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

    di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

  • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

    di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…