Lorenza Perfori

I diritti si fondano sul diritto

di Giovanni Formicola.

Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon

Con un articolo introduttivo di Don Samuele Cecotti [leggi qui] abbiamo lanciato la proposta di una riflessione a partire dalle conclusioni della Commissione Glendon sui veri diritti umani.

Il diritto, secondo la lezione di Paolo Grossi, preesiste alla legge positiva – che tutt’al più lo riflette, lo recepisce, lo esplicita, lo «mette in chiaro», lo munisce di sanzione in caso di trasgressione –, allo stesso modo in cui la società precede quello che i moderni chiamano Stato. Prima, infatti, vi sono gli uomini, le famiglie, i gruppi, e la loro fitta trama di relazioni – tra loro e con la realtà materiale (anzitutto il suolo sul quale vivono, che ne costituisce patria e territorio), ma anche con la Divinità –, che istituiscono appunto una società. Continua a leggere

Il voto disgiunto e la tempesta perfetta

di Marcello Veneziani.

Se domenica la tempesta sarà perfetta, la sinistra perderà le regionali con l’aiuto dei grillini e i grillini perderanno il referendum con l’aiuto della sinistra. Nel frattempo è andato in scena il solito copione: le inchieste giudiziarie sulla Lega, l’ombra della Russia che riciccia in vista del voto, i fascisti che ammazzano i migranti o si travestono da migranti per ammazzare i preti, il Conte Ventosa che si para le chiappe dicendo che qualunque sarà l’esito del voto lui resta lì attaccato al trono. Continua a leggere

Dietrich Bonhoeffer e la cancellazione della DSC

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

Come è noto, la teologia protestante ha influito moltissimo su quella cattolica in tutta la seconda metà del secolo scorso. Tale influenza ha creato non poche difficoltà alla Dottrina sociale della Chiesa che ha bisogno della “continuità” tra natura e sopra-natura che il luteranesimo invece nega. Si può sostenere che tutte le principali forme di negazione della possibilità stessa della Dottrina sociale della Chiesa da parte dei teologi cattolici risentano in fondo di questa influenza protestante. Continua a leggere

L’insegnamento della Dottrina sociale della Chiesa sul razzismo: una risposta al BLM

di Marco Begato.

Cosa insegna la Dottrina Sociale della Chiesa circa il razzismo? Pochi cenni tratti dalla DSC per avere idea della risposta che dovremmo dare al BLM (Black Lives Matter).

L’uguaglianza tra gli esseri umani è fondata sul Mistero e sulla Rivelazione di Gesù, Egli ha abbattuto gli elementi di divisione e ha reso infondati e falsi i tentati soprusi. Continua a leggere

Inequità e disuguaglianze: attenti! Lo dice la Rerum Novarum

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

In molti insegnamenti sociali della Chiesa di oggi si parla con insistenza di equità e uguaglianza. Papa Francesco adopera con molta frequenza questi due termini. L’equità e l’uguaglianza però sono concetti non sempre chiari e possono addirittura condurre a interventi correttivi contrari alla giustizia Continua a leggere

In Toscana Susanna Ceccardi vede il traguardo, Pd al capolinea?

di Renato Tamburrini.

Roberto D’Alimonte sull’Huffington post ha descritto le elezioni regionali toscane come una linea Maginot per il PD. In effetti uno dopo l’altro i sondaggi autorizzano a pensare non solo che l’evento esplosivo possa accadere davvero, ma che sia addirittura probabile. È vero che i sondaggi, stando a una formidabile battuta attribuita a Simon Peres, sono come i profumi: li devi sì annusare, ma mai bere. Fatto sta che l’odore è buonissimo e il rischio che il 22 settembre la Toscana rossa si svegli cambiata di segno è molto alto. Anche il clima di entusiasmo cauto che si respira attorno agli eventi del centrodestra lo lascerebbe presagire. Continua a leggere

Card. Ruini “cattolici senza coraggio in politica”/ “Cei sbaglia a non fare cultura”

di Niccolò Magnani.

Manca un “Camillo Ruini alla chiesa e alla politica italiana? Probabilmente, ma potrebbe non essere solo quello il “problema” secondo il Cardinale per anni protagonista dei rapporti stretti tra Cei e Governi: in una lunga intervista del settimanale Tempi (pubblicata oggi su La Verità) avvenuta al ciclo d’incontri “Il potere della libertà” organizzato dall’associazione culturale Esserci e Centro francescano Rosetum (16-19 settembre), l’ex n.1 della Conferenza Episcopale Italiana confessa tutta l’amarezza per una Chiesa che oggi fatica a dialogare con il mondo politico. Continua a leggere

Quelli che la carità è meglio senza la verità

di Stefano Fontana.

Tanti commenti sull’uccisione a Como di don Roberto Malgesini tradiscono una moda cattolica di esaltare una carità generica, vissuta solo come presenza accanto all’altro. Vedi le dichiarazioni del direttore della Caritas di Como e l’editoriale di Avvenire. Ben altro dice la Caritas in Veritate di Benedetto XVI. Continua a leggere

Ue, le manovre di abortisti e Lgbt contro la libertà religiosa

di Luca Volonté.

Sono abortisti e pro-Lgbt a bloccare la nomina del nuovo Inviato speciale per la libertà religiosa nel mondo e a porre il veto sul bravo Jan Figel che ha svolto l’incarico sino allo scorso anno. Il documento in esclusiva che pubblichiamo, una lettera del 14 settembre, getta nuove ombre tetre sulla complice ostilità verso la libertà religiosa che alberga in Europa e sulla violenza anticristiana degli abortisti europei. Le colpe di Figel? Aver promosso la libertà religiosa, anziché aborto e “diritti” Lgbt. Siamo alla follia pura. Continua a leggere

L’allarme fascismo, le Sardine, la giustizia ad orologeria: ecco le armi di una sinistra senza idee

di Corrado Ocone.

Ad una settimana dalle elezioni regionali, le prospettive per i partiti della maggioranza, e quindi per il governo, sono pessime. Tranne la Campania, nessuna regione delle sette che vanno al voto sembra sicura. Nemmeno la “rossa” Toscana che potrebbe essere espugnata dalla leghista Ceccardi, con tutto quanto ne deriverebbe anche a livello simbolico. Come fare per provare ad invertire, almeno in parte, la situazione? Quale “arma segreta” tirare fuori? Escluse le buone idee, perché quelle sono scomparse a sinistra da un pezzo, l’unica speranza è riposta in un combinato disposto di “armi” classiche e sperimentate (anche se non sempre con il successo sperato). La più tradizionale è senza dubbio l’uscita a gamba tesa della magistratura Continua a leggere

News dalla rete
  • Karl Barth e la politica sudicia e malvagia

    Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel blog precedente ho ripreso alcune idee di Dietrich Bonhoeffer per mostrare come la teologia protestante non possa ammettere la Dottrina sociale della Chiesa e come abbia influito su questo punto anche sulla teologia cattolica. Era infatti inevitabile che la teologia cattolica, nel tentativo di intercettare i principi della modernità, si dovesse uniformare, più o meno, ai presupposti protestanti. Nel blog di oggi possiamo fare lo stesso esempio ma applicato a Karl Barth, considerato di gran lunga il più grande teologo luterano della storia recente. Con accentuazioni diverse da Bonhoeffer, anche Barth separa tra loro la vita pubblica e la fede, l’impegno politico e il cristianesimo. Leggi il seguito…

  • La priorità dei diritti sui doveri. In margine ad un libro di Stefano Fontana

    di Silvio Brachetta. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon. Stefano Fontana nel suo libro Per una politica dei doveri, dopo il fallimento della stagione dei diritti (Cantagalli, Siena 2006) presenta il principio della Dottrina sociale della Chiesa e della teologia morale in genere secondo cui c’è una priorità dei doveri sui diritti. Anche a seguito della “questione sociale” moderna, il magistero petrino, tra il XIX e il XX secolo, è tornato spesso sul rapporto tra diritti e doveri, rilevando «l’incongruenza grave di diritti senza precedenti doveri»[1]. Leggi il seguito…

  • Il Papa individua un altro nemico: silurato il cardinale Becciu

    di Nico Spuntoni. "Dimissionato" da Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi e privato dei diritti connessi al Cardinalato. Questa è il duro provvedimento preso da papa Francesco nei confronti del cardinale Angelo Becciu. Il motivo non è stato spiegato ma si dà per scontato che riguardi lo scandalo legato all'acquisto di un palazzo a Londra, che ha già fatto cadere non poche teste eccellenti. Leggi il seguito…

  • M5S nel caos. Per i grillini conta solo la poltrona

    di Ruben Razzante. Di Maio punta sull’accordo organico con il Pd, Di Battista parla di sconfitta storica e invoca gli stati generali, Fico cerca di mediare e Grillo getta benzina sul fuoco. Ma se lui e il ministro degli Esteri cantano vittoria per il “sì” al referendum, perché il Movimento non accelera sulla legge elettorale così da rendere subito operativo il risparmio per il taglio dei parlamentari? Leggi il seguito…