Libertà e Persona

Riposare nel cuore di Dio

cop-lembo-di-vita-buona-web

Clicca per info

Di fronte alla confusione dei tempi che viviamo dove attingere olio, dove ristorarsi per tornare a portare luce e non essere sopraffatti dalle tenebre che sembrano avere la meglio? Il cuore di Dio, negli insegnnamenti di antichi padri certosini, è la fonte cui attingere e in cui riposare. Si tratta forse di un luogo cui possono accedere solo pochi eletti  consacrati? O forse è a disposizione di ogni persona che con animo sicero cerchi Dio? Dove si compie la Salvezza? Qual è la fonte della nostra felicità? Da sempre queste domande hanno attraversato le comunità monastiche che hanno trovato la risposta nella devozione al Sacro Cuore di Gesù, una pratica di preghiera che unisce l’adorazione alla riparazione, in una spiritualità allo stesso tempo semplice e profondissima.

Lo sguardo rivolto a Colui che Continua a leggere

Cosa c’è dietro l’attacco al cardinal Burke

img_0476
Esce in questi giorni un libro a firma di un giornalista gay di sinistra che ha il solo scopo di gettare fumo negli occhi e confondere le acque, dopo la denuncia chiara e circostanziata di mons. Viganò. Un libro ideologico, senza note, documenti, spesso senza fondamento, che mira, tra le altre cose, a screditare proprio uno dei più fieri avversari della decadenza vaticana e della lobby gay, il nemico numero 1 del circolo di cardinali che gravitano attorno al predatore seriale McCarrick: il cardinal Leo Burke. Di seguito una interessante analisi:

Se c’è qualcuno a cui non sta simpatico il cardinal Raymond Leo Burke, questo qualcuno risiede, con buone probabilità, a sinistra. È questo ad avere scatenato il finimondo per la Certosa di Trisulti, quella di cui il Dignatis Humanae Institute si è garantito la gestione a fronte di un canone annuo. Continua a leggere

Fermiamo l’eutanasia! Appello di Roccella

eugenia

Dalla pagina facebook di Eugenia Roccella:

Per tutti gli amici che vivono a Roma: martedì ci vediamo alla Biblioteca del Senato, piazza della Minerva 38, ore 17.30, per l’incontro sul caso Englaro. Con Mantovano, Quagliariello e Gasparri presenterò il mio libro, “Eluana non deve morire“, che ripercorre tutte le tappe della battaglia politica di dieci anni fa, ma voglio chiarire che non stiamo facendo una rievocazione storica, o semplicemente ricordando un anniversario. Si tratta di ricominciare la nostra battaglia contro la china di morte che sta prendendo la civiltà occidentale e il nostro paese.

Nell’incontro di martedì vogliamo ricordare e spiegare cosa è successo allora, e quali sono state le conseguenze, a partire dalla pessima legge sul cosiddetto testamento biologico, che io ho definito, nell’aula della Camera, “la via italiana all’eutanasia”. C’è stato un coro sdegnato di “ma cosa dici, ma quale eutanasia!“, però la Corte Costituzionale, con la sentenza su Dj Fabo, mi ha dato pienamente ragione, e ha sostanzialmente detto che, dato che si può scegliere di morire con la sospensione dell’idratazione e della nutrizione, e con la sedazione per non soffrire, non si capisce perché non si possa ricorrere anche ad altre modalità più veloci e semplici. Continua a leggere

Il cardinal Gerhard Ludwig Müller all’attacco

cattura

Il Manifesto della Fede redatto dal cardinal Gerhard Ludwig Müller è un’altra bomba nel cuore della Chiesa.

Si tratta infatti di un controcanto rispetto all’insegnamento di Bergoglio, che non nasce dalla testa e dalla volontà di un cardinale “qualsiasi”: come Caffarra e Meisner, Müller era ed è un intimo di Benedetto XVI. E non è un mistero per nessuno che i due si continuano a vedere…

Ecco il manifesto:

«Non sia turbato il vostro cuore!»(Gv 14,1)

Dinanzi a una sempre più diffusa confusione nell’insegnamento della fede, molti vescovi, sacerdoti, religiosi e laici della Chiesa cattolica mi hanno invitato a dare pubblica testimonianza verso la Verità della rivelazione. È compito proprio dei pastori guidare gli uomini loro affidati sulla via della salvezza, e ciò può avvenire solamente se tale via è conosciutae se loro per primi la percorrono. A proposito ammoniva l’Apostolo: «A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto»(1Cor 15,3). Oggi molti cristiani non conoscono più nemmeno i fondamenti della fede, con un pericolo crescente di non trovare più il cammino che porta alla vita eterna. Tuttavia, compito proprio della Chiesa rimane quello di condurre gli uomini verso Gesù Cristo, luce delle genti (vedi LG 1). In questa situazione, ci si chiede come trovare il giusto orientamento. Secondo Giovanni Paolo II, il Catechismo della Chiesa Cattolica rappresenta una «norma sicura per l’insegnamento della fede» (Fidei Depositum IV). Esso è stato scritto allo scopo di rafforzare i fratelli e le sorelle nella fede, una fede messa duramente alla prova dalla «dittatura del relativismo»[1]. Continua a leggere

«LA MENTE PROGRESSISTA È TROPPO CHIUSA»

ricolfi
Il presidente della Fondazione David Hume, uomo di sinistrra, Luca Ricolfi, spiega «l’incomprensione di fondo» che si è creata sul problema migratorio e che permette a Salvini di guadagnare voti su voti:«La gente non ne può più dei sottili distinguo delle forze più responsabili. Può dispiacere a qualcuno (a me dispiace, ad esempio), ma lo capisco: la realtà è che la linea umanitaria delle opposizioni viene percepita come una resa al ricatto dei naufragi. Continua a leggere

Müller: «I veri nemici del Papa sono i cortigiani»

cattura

«Parlare di abusi sui minori da parte di sacerdoti ignorando che oltre l’80% sono atti omosessuali significa non voler risolvere la questione», «il problema più grave della Chiesa oggi è la tendenza al compromesso con il mondo, la rinuncia a proclamare la verità tutta intera». Parla in modo pacato il cardinale Gerhard Müller, cerca sempre le parole giuste in italiano, ma i suoi giudizi arrivano chiari e netti. A dispetto della sua figura imponente, ha modi molto bonari; e malgrado abbia una più che solida formazione teologica (cura tra l’altro l’opera omnia del cardinale Joseph Ratzinger-Benedetto XVI) ha la capacità di essere molto chiaro. Mi accoglie molto cordialmente nel suo appartamento a due passi dalla Basilica di San Pietro, che ha mantenuto anche dopo aver ricevuto il benservito da papa Francesco, il quale in un modo un po’ brutale nel luglio 2017 non gli ha rinnovato l’incarico di prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede. Ma in questo anno i suoi interventi, a fronte della confusione crescente che c’è nella Chiesa, hanno sempre avuto il timbro del “custode dell’ortodossia”, una sorta di Prefetto “ombra” dell’ex sant’Uffizio. Continua a leggere

Ci scrive un amico italiano dalla Russia

Il 22 gennaio a Mosca il responsabile delle truppe missilistiche Mihail Matveevic ha tenuto una conferenza in cui ha spiegato dettagliatamente ai giornalisti le caratteristiche dei missili russi, e in particolare di quello messo sotto accusa dal Pentagono e dalla NATO, cioè il 9M729, che violerebbe l’accordo sugli Euromissili del 1987 per la sua asserita lunga gittata. Contestualmente alla conferenza, i presenti hanno potuto osservare, fotografare e filmare nello stesso capannone i missili esposti ad altezza d’uomo e parzialmente smontati.
Un’occasione ghiotta per giornalisti e appassionati d’armamenti.

Continua a leggere

bollettino-dsc-4-2018_front-cover-500x467-jpg-pagespeed-ic-cgc5md0viz

Il Cattolicesimo nella storia. In uscita il nuovo numero de “il Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa”.

SOMMARIO

Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa – 4 / 2018

IL CATTOLICESIMO NELLA STORIA
CONDANNA DELL’USURA, FUEROS E OBSEQUIUM PAUPERUM

Anno XIV (2018), numero 4, OTTOBRE – DICEMBRE

Editoriale, pagina 115

S.E. Mons. Giampaolo Crepaldi, AVER FEDE NELLA CAPACITA’ DELLA FEDE

Focus 1, pagina 117

Roberto Caria, IL GIUDIZIO DELLA CHIESA SULL’USURA E LA DIFESA DEI POVERI Continua a leggere

A cinquantanni dal primo Natale sulla luna

1968:  The lunar orbital plan profile for the manned Apollo 8 shuttle - its proposed trajectory around the moon to assess potential landing sites for future Apollo missions.  (Photo by MPI/Getty Images)

di Mirko Erspan

La vigilia di Natale di quest’anno è ricorso il 50° anniversario di Apollo 8, una delle missioni chiave del programma spaziale americano fortemente voluto da John F. Kennedy, tappa propedeutica allo sbarco sulla luna che sarebbe avvenuto sette mesi più tardi.

Quei primi goffi passi di un essere umano sul suolo del nostro satellite il 20 luglio 1969 hanno celebrato forse uno dei momenti più alti dell’intelletto umano nel campo scientifico. Ma cosa ha spinto l’uomo a investire così tante risorse per raggiungere il nostro satellite, in una sfida così difficile e rischiosa ma che fin dalla notte dei tempi, ha suscitato un’attrazione e un fascino così irresistibile cullano il sogno di poterla un giorno toccare?

Continua a leggere

News dalla rete
  • Oltre la violenza, per sfide che possiamo vincere

    mons-negri di Luigi Negri. C‘è una peste che si diffonde quasi inarrestabilmente nella struttura della nostra vita personale e sociale: la violenza. La violenza che lentamente trova e poi distrugge i sacri vincoli di gratuità, di dedizione e di fedeltà su cui è fondata la famiglia, che adesso, sprezzantemente, la mentalità dominante, il potere dominante si permette di definire una posizione da “sfigati”. Leggi il seguito… 

  • Lo spacco d’Italia

    lega-m5s di Marcello Veneziani. È davvero curiosa e senza precedenti la situazione politica in cui ci troviamo: ci sono due forze che si radicalizzano ogni giorno di più agli antipodi ma governano insieme; e nel mezzo, al centro, ci sono le opposizioni. Non penso che ci siano uguali nel mondo e nella nostra storia. Leggi il seguito… 

  • Pro family, non serve identificarsi con un partito

    world-congress-family-verona di Stefano Fontana. I politici che a Verona ci metteranno la faccia prenderanno posizione e con il movimento pro family stabiliranno un rapporto concreto. Tuttavia il movimento nel suo complesso non potrà identificarsi con nessuno di essi in particolare, né con singoli uomini politici né con singoli partiti. Valorizzerà la loro presenza e la loro apertura, ma manterrà anche le distanze. Ciò soprattutto per tre motivi Leggi il seguito… 

  • Il card. Sarah: “La Chiesa, che dovrebbe essere un luogo di luce, è diventata un covo di tenebre”

    libro-card-sarah di Michele M. Ippolito. E’ in uscita in Francia il nuovo libro del cardinale Robert Sarah dal titolo “Le soir approche et déjà le jour baisse”, scritto con Nicolas Diat per le edizioni Fayard. Nel libro il cardinale Sarah apre la sua anima per affrontare la terribile crisi che la Chiesa soffre e scrive: “non voglio intorpidirvi con parole rassicuranti e ingannevoli. Non sto cercando il successo o la popolarità. Questo libro è il grido della mia anima! È un grido d’amore per Dio e per i miei fratelli”. Sul blog Dominus Est sono  comparse le prime anticipazioni del contenuto di qualche pagina del libro. Leggi il seguito…