Libertà e Persona

“Per te, Luce, diventiamo luce”

Pier Paolo Calzolari, «Senza titolo», 1970
Fossombrone, Fondazione Pier Paolo Calzolari

Commento artistico-spirituale al Vangelo della V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A – 05 Febbraio 2023

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

Colletta

O Dio, che fai risplendere la tua gloria
nelle opere di giustizia e di carità,
dona alla tua Chiesa di essere
luce del mondo e sale della terra,
per testimoniare con la vita
la potenza di Cristo crocifisso e risorto
.

«Non credo esista una contemplazione statica: né da contemplante né da contemplato. Se tu guardi un muro, che è il contemplato e tu sei il contemplante, nel rapporto interattivo tra te e il contemplato c’è un

Continua a leggere

TRADIZIONI POPOLARI E RELIGIOSE DI UNA CITTÀ DEL VAL DI NOTO. La Scala (4).

Festa di San Giacomo Apostolo, Caltagirone
Fonte Tourismsicilia

C’era una volta un tempo in cui la memoria era l’anima dei popoli. Il desiderio di raccogliere e raccontare il piccolo universo calatino è germogliato da quell’ anima ed ha avuto un tempo molto lungo per maturare nel mio cuore. Ha avuto inizio ispirato dai miei nonni ed è cresciuto accudito con tenerezza

Continua a leggere

La crisi dell’Occidente

di Marco Tosatti

I vertici dell’Europa odierna hanno costruito un tempio neopagano dedicato alla dea Europa, laicista e capitalista. E le antiche basiliche cristiane, le chiese bizantine e preromaniche, le cattedrali romaniche, gotiche, rinascimentali e barocche? Semplicemente non esistono, come non esistono, per i sacerdoti che venerano la dea Europa, secoli di Cristianesimo.

Continua a leggere

IN UN OSPEDALE DI VENEZIA LA TERAPIA DELLA BELLEZZA NON PIACE ALLA SINISTRA

Dal Blog di Alfredo Tràdigo, Giornalista, Scrittore, Poeta (QUI)

Chi ha paura di un’icona della Santa Famiglia esposta nel reparto di ginecologia dell’ospedale civile dei Santi Giovanni e Paolo a Venezia? Chi ha paura di quel fondo oro, che ricorda l’antica pittura italiana su tavola del Due Trecento (Guariento, Giotto, Duccio per intenderci) e che, attraverso quell’oro, riempie di luce l’immagine di Maria e Giuseppe che coccolano il Bambino?

A chi fa paura un’immagine così innocente e pura, così affettuosa? A guardarla bene, l’anima respira,

Continua a leggere

LE ANTICHE FONTI DELLA FEDE

Parigi, Robert Estienne, 1544Fonte Wikipedia

Da dove deriva la nostra fede?

La fede cristiana deriva da un gruppo di persone che sigillano anfore e corrono a cavallo. Una di queste fu Eusebio da Cesarea, vescovo della Palestina tra il 265 e il 340, che per 25 anni ha raccolto antichi manoscritti, lettere, testimonianze, attraversando da un luogo all’altro le terre del primo cristianesimo.

Benché Eusebio sia stato a lungo considerato un vescovo ‘cortigiano’ dell’Imperatore, non si può negare

Continua a leggere

“Dio ha un progetto su ogni persona”

Massimo Pulini, La chiamata di Pietro e Andrea,
Lezionario per le celebrazioni dei Santi – C.E.I. 2009

Antifona

Beata la vergine che,
rinunciando a se stessa e prendendo la croce,
ha imitato il Signore,
sposo delle vergini e principe dei martiri
.

Commento artistico-spirituale al Vangelo della III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A – 22 Gennaio 2023

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

L’evangelista Matteo narra che Gesù, dopo essere stato battezzato dal Battista, e aver superato le tentazioni nel deserto, cambia paese e poi chiama i primi discepoli, lungo il mare di Galilea (4,12-23): «Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali».

Continua a leggere

“Che cosa cerchi?”

Maestro della Pala di San Giovanni, San Giovanni Battista indica Cristo come Agnello di Dio, 1500-1510
Museo d’arte – Filadelfia

Colletta

O Padre,
che per mezzo di Cristo,
Agnello pasquale e luce delle genti,
chiami tutti gli uomini
a formare il popolo della nuova alleanza,
conferma in noi la grazia del Battesimo,
perché con la forza del tuo Spirito
proclamiamo il lieto annuncio del Vangelo.

Commento artistico-spirituale al Vangelo della II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A 15 Gennaio 2023

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

La scena dipinta tra il 1500 e il 1510 dal Maestro della Pala di San Giovanni (forse Hugo Jacobsz) nell’opera «San Giovanni Battista che indica Cristo come l’Agnello di Dio», ora al Museo d’arte di Filadelfia, narra il brano di Vangelo secondo Giovanni (1,29-34). Sulla sinistra, attorniato dai suoi discepoli, Giovanni Battista «vedendo

Continua a leggere

“Vincere pure il cielo oscuro”

Anonimo bizantino, Battesimo di Cristo, Sec. XII, Palermo, Cappella Palatina

Colletta

Dio onnipotente ed eterno,
che dopo il battesimo nel fiume Giordano
proclamasti il Cristo tuo amato Figlio
mentre discendeva su di lui lo Spirito Santo,
concedi ai tuoi figli di adozione,
rinati dall’acqua e dallo Spirito,
di vivere sempre nel tuo amore.

Commento artistico-spirituale al Vangelo nella Festa nella Domenica del Battesimo del Signore – Anno A – 8 Gennaio 2023

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

Il brano evangelico secondo Matteo (3,13-17) ci invita a raggiungere il Precursore, che sta battezzando presso il Giordano. Pure «Gesù dalla Galilea venne per farsi battezzare da lui», trovando l’opposizione del profeta: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma, dopo la risposta di Gesù – «Lascia fare per

Continua a leggere

Le rivelazioni di Gaenswein: Benedetto cercò subito di “correggere” Francesco su aborto e omosessualità/gender

I quotidiani nazionali hanno messo in luce il dolore di Benedetto in occasione dei provvedimenti di Francesco sulla “messa in latino”, provvedimenti volti evidentemente ad annullare quelli presi, negli anni precedenti, da Benedetto stesso.

Ma la lettura del libro di Gaenswein svela pubblicamente tanti altri retroscena. In particolare, come racconta Lorenzo Bertocchi su La Verità del 6 gennaio, il primo “scontro” ci fu già all’indomani dell’intervista di Francesco ad Eugenio Scalfari, cioè ad inizio pontificato.

Riportiamo un brano dell’articolo di Bertocchi, in cui si cita letteralmente quanto scritto dal segretario di Benedetto:

Continua a leggere

“Un viaggio che cambia la vita”

«Arca dei Re Magi», Reliquiario nel Duomo di Colonia

Colletta

O Dio, che in questo giorno,
con la guida della stella,
hai rivelato alle genti il tuo Figlio unigenito,
conduci benigno anche noi,
che già ti abbiamo conosciuto per la fede,
a contemplare la bellezza della tua gloria.

Commento artistico-spirituale al Vangelo nella DOMENICA DELLA SOLENNITÀ DELL’ EPIFANIA DEL SIGNORE – MESSA DEL GIORNO – 6 Gennaio 2022

Di don Tarcisio Tironi, Direttore M.A.C.S. (Museo di Arte e Cultura Sacra) di Romano di Lombardia-Bg

Lo stemma della città di Colonia, si distingue per due simboli: nella parte inferiore, su fondo bianco, undici moscature in nero, interpretate come fiammelle o lacrime, richiamano il martirio di sant’Orsola e delle dieci vergini compagne e, nella banda alta di fondo rosso, tre corone dorate ricordano dal 1288 la presenza nel Duomo

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra Newsletter

Diventa socio
Cookie e Privacy Policy