Giulia Tanel

Le nuove lettere di Berlicche

copertinaA distanza di settantatré anni dalla pubblicazione de Le lettere di Berlicche per opera di Clive Staples Lewis, si può avvertire un certo bisogno di aggiornare i modi con cui assicurare la dannazione dell’anima delle persone. I tempi sono cambiati: in mezzo ci sono stati una Guerra Mondiale, il Sessantotto, il boom economico, una miriade di conquiste sul piano scientifico, una rivoluzione copernicana sul piano delle relazioni e della comunicazione… e molto altro ancora.

Ed è stato così che Emiliano Fumaneri, noto anche sotto lo pseudonimo Andreas Hofer, ha pensato bene di dare alle stampe – per i tipi di Berica Editrice, nella neonata collana “UOMOVIVO” – Le nuove lettere di Berlicche. Continua a leggere

Animali: compagni dell’uomo, non loro simili

Secondo i dati diffusi dall’Eurispes per il 2011, il 41,7% degli italiani possiede un animale domestico, e tra questi ben il 48,4% è rappresentato da cani, mentre nel 33,4% dei casi si tratta di un gatto.
E’ oramai acclarato che gli animali svolgono molto spesso una funzione positiva, sia sotto il profilo psicologico, che fisico, che sociale. Pensiamo alla Pet-Therapy, o alla compagnia che una bestiolina può fare ad un anziano o ai bambini, o ai cani-guida per i ciechi, e quant’altro.
Fin qui, dunque, nulla di strano. Avere un animale domestico e esserci affezionati è un costume sempre più diffuso e ha i suoi innegabili risvolti positivi.

Come affermava già Aristotele nell’Etica Nicomachea, però, bisogna Continua a leggere

Famiglia – Bonus Bebé? Non lo passa lo Stato, ma la Chiesa

famiglia_bonus-bebe_Staggia-Senese-1124x661Dove non arriva lo Stato, arriva… qualcun altro! Nel caso che stiamo per presentare, arriva la parrocchia di Staggia Senese, paese di circa tremila anime, che dal 2011 ha deciso di donare la ragguardevole somma di 2.000 euro a famiglia per ogni nato, a partire dal terzo.

Le uniche condizioni necessarie per percepire la somma sono: la cittadinanza italiana (ad oggi, nella speranza di poter allargare presto l’iniziativa anche agli stranieri), l’attestazione di essere regolarmente sposati in chiesa e, naturalmente, la residenza a Staggia. Continua a leggere

Contraccezione: chi la finanzia e perché

Warren-Buffett_contraccezione_popolazione_malthusianesimo-1000x661Sabato 1 agosto il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo tanto interessante quanto inconsueto, dal titolo: “Chi finanzia (in segreto) gli anticoncezionali negli Usa? Il ricchissimo Warren Buffett”.
Nel pezzo l’inviato da New York Massimo Gaggi esordisce affermando che “in diversi Stati americani la diffusione dei sistemi anticoncezionali, come l’impianto di diaframmi intrauterini, ha scatenato negli anni polemiche politiche, coi conservatori poco disposti a lasciare spazio a ogni forma di contraccezione e, comunque, contrari all’uso di fondi pubblici in quest’area”.
Gaggi prosegue quindi descrivendo come, in alcuni Stati, vi sia stata “un’organizzazione filantropica anonima” che ha finanziato la diffusione degli anticoncezionali e “un’indagine sull’efficacia di questi interventi di controllo delle nascite”. Continua a leggere

“Ho incontrato Gesù, così mi ha cambiato la vita”

img-_innerArt-_fa2_3Beatrice Fazi, nota agli italiani per aver interpretato il ruolo Melina in Un medico in famiglia, ha recentemente pubblicato Un cuore nuovo – Dal male di vivere alla gioia della fede (Piemme, 2015). In questo libro l’attrice ripercorre in maniera gustosa ed estremamente coinvolgente alcuni aspetti salienti della sua vita, che negli ultimi anni ha subito un fantastico stravolgimento determinato dall’incontro con il Signore. L’abbiamo intervistata, ecco cosa ci ha detto.

Beatrice, da domestica in casa Martini ad apostola di Gesù. Un bel cambiamento… Continua a leggere

Aborto: l’attualità della “lettera” di Oriana Fallaci

Scritte per elaborare il lutto di un aborto, anche se spontaneo, con frequenza è possibile trovare lettere di un “bambino mai nato”, o a lui indirizzate da parte dei genitori. Sicuramente, in tale ambito, emblematico è il libro pubblicato nel 1975, per Rizzoli, dalla giornalista italiana Oriana Fallaci.

Lettera a un bambino mai nato è un libro controverso: per alcuni esso è un manifesto della libera autodeterminazione della donna, mentre per altri è un inno alla vita. Continua a leggere

Aborto: la parola al… bambino mai nato

bambinoParlare di aborto non è mai facile.
Lo si può fare in vari modi: partendo dal dato scientifico, proponendo una testimonianza, sviluppando argomentazioni filosofiche… ma anche dando voce a un bambino abortito, mettendosi nei suoi panni.
Questa operazione è stata compiuta da diversi giornalisti, tra i quali Aldo Maria Valli, che nel 2008 pubblicò su Il Foglio un racconto dal titolo: Parola di un bambino mai nato. Continua a leggere

“Piccoli passi possibili”: l’ultimo libro su Chiara Corbella Petrillo

Il nome di Chiara Corbella Petrillo non è nuovo ai lettori di Notizie ProVita, mentre invece è fresco di stampa il libro che dà voce alle persone che hanno fatto parte della vita di Chiara, seppure in maniera molto differente. Persone che il 15 settembre 2013 ad Assisi hanno portato la propria testimonianza di fronte a circa milleduecento persone e i cui racconti sono stati riuniti in un agile ma densissimo testo dal titolo Piccoli passi possibili – Chiara Corbella Petrillo: la parola ai testimoni. Continua a leggere

News dalla rete
  • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

    di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

  • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

    di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…

  • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

    di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

  • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

    di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…