Francesco Agnoli

Greta, un fenomeno spontaneo o costruito ad arte, suo malgrado, dagli “stregoni della notizia”?

greta

Ci sono troppe cose che non tornano nella vicenda Greta.

Lasciamo perdere il tema ambientale, su cui ferve una grande discussione. C’è, comunque la si pensi, nel modo di affrontarlo, un che di apocalittico che disturba e che risulta, a chi abbia un po’ di memoria, ripetitivo.

Da decenni viene ripetuta l’idea che tutto stia per finire: ricordate  la “bomba demografica” che in poco tempo avrebbe spazzato via l’umanità? Se ne parla da cinquant’anni, ma tutte le profezie nefaste si sono rivelate errate. E le previsioni del calendario Maya, quello secondo cui il mondo sarebbe finito nel 2012?  E le profezie apocalittiche, sempre a partire dalla catastrofe ecologica prossima ventura, del politico americano Al Gore (che voleva salvare la Terra da una distruzione imminente, e si guadagnò il Nobel)? Continua a leggere

Tommaso d’Aquino spiegato alla luce dell’attuale cosmologia: l’universo non è l’Infinito

Cosa possono avere da dirsi un filosofo e teologo medievale, come Tommaso d’Aquino (1225-1274), ed un insigne fisico vivente del XXI secolo? Nell’immaginario comune, poco. In verità, moltissimo. Perchè innumerevoli volte accade che le conoscenze scientifiche neghino pregiudizi del passato, ma molto spesso succede anche che uomini di scienza arrivino, dopo innumerevoli studi, in cima a vette già conquistate, secoli prima, dai grandi pensatori.

Il fisico che vorrei far dialogare con il filosofo del Medioevo per eccellenza è Guido Tonelli, professore all’Università di Pisa, uno dei protagonisti della scoperta del bosone di Higgs al Cern di Ginevra.

Tonelli è autore, recentemente, di un libro dal titolo Cercare mondi. Esplorazioni avventurose ai confini dell’universo, nel quale in più occasioni sottolinea quella che gli sembra la più sconvolgente scoperta dell’astrofisica e della cosmologia contemporanee: la precarietà dell’Universo.

Nulla di ciò che ci circonda è eterno

Continua a leggere

Padre Bonello: non svuotiamo la croce di Cristo

L’Argentina di Josè Mario Bergoglio è anche la patria di una Famiglia religiosa, l’Istituto del Verbo Incarnato (IVE), che da diversi anni vive una staordinaria fioritura: crescono le vocazioni religiose maschili e femminili, nascono sempre nuovi gruppi di famiglie, fervono le attività culturali e caritatevoli.

Incontriamo Padre Andrés Bonello, sacerdote argentino dell’Istituto, qualche giorno prima del raduno mondiale che la sua famiglia religiosa terrà a Roma, dal 30 luglio al 3 agosto.

Padre Andrés come è nata la sua vocazione?

Continua a leggere

Il Verbo Incarnato: una famiglia religiosa in festa

Dal 30 luglio  al 3 agosto si è svolto a Roma l’Ive Meeting, cioè il raduno internazionale della famiglia religiosa del Verbo Incarnato. Di origine argentina, il Verbo Incarnato è una comunità con moltissime giovani vocazioni, maschili e femminili, che predilige la missione nei luoghi più difficili, nelle “periferie esistenziali”, materiali e spirituali, dal quartiere Zen di Palermo alla striscia di Gaza, da Betlemme ad Aleppo… La straordinaria capacità di attrazione dei religiosi dell’Ive deriva certamente da uno spirito molto “latino” che sa conciliare allegria, gioco e devozione popolare: il torinese don Bosco con il suo oratorio e il napoletano sant’Alfonso de Liguori, con i suoi canti e la sua teologia morale, chiara ma non rigorista, sono due santi particolarmente stimati e imitati.

Continua a leggere

Un premio immeritato

Lo scrittore Antonio Scurati, vincitore del premio Strega per un libro sul fascismo, saluta con il pugno chiuso, facendo così professione di comunismo.
Siamo alla solita contrapposizione fittizia: chi non è fascista, deve essere comunista!
E’ il modo con cui la sinistra italiana è riuscita per decenni a cancellare gli stermini dei comunisti, persino quelli in Italia (dagli assassinati, a guerra finita, nel triangolo della morte, agli istriani…).

Continua a leggere

La procedura di infrazione non serve più…

PUNTUALITA’: subito dopo le elezioni europee, l’asse franco-tedesco decide di punire l’Italia: aprire procedura di infrazione! Gli italiani capiscano, questa volta, come i greci, che si vota come vogliono Parigi e Berlino.

E’ una questione di conti, o una VENDETTA?

E’ facile da capire (non per quelli di Repubblica, però)…ma ora è chiaro a tutti: il giorno dopo il via libera dell’Italia alla nuova Commissione, la procedura non serve già più. Negli accordi è stato previsto anche questo. Ribadisco: il giorno dopo…

Morale: in Europa non conta la verità, non contano i conti, i dati oggettivi, contano gli amici e i rapporti di forza

L’altro Galilei

Due passi dalla III lettera di Galileo Galilei a Welser: nel primo si parla dell’atto di umiltà da cui nasce il sapere scientifico (non tentar l’essenza: spesso G. ricorderà che “l’intender umano è come nullo, quando bene egli intendesse mille proposizioni, perchè mille rispetto all’infinità è come lo zero“); nel secondo ricorda che occorre solevarsi “all’ultimo scopo delle nostre fatiche, cioè all’amore del divino Artefice“, per “poter apprendere in Lui, fonte di luce e di verità, ogn’altro vero”.

Continua a leggere

VAI DALLE DONNE? NON DIMENTICARTI DELLA FRUSTA!” (F.Nietzsche)

Tante volte si racconta il pensiero dei filosofi prescindendo dalla loro vita personale, ma è un fatto che molte delle frustrazioni e delle idee che si trovano negli scritti di Schopenhauer e Nietzsche sono figlie di personali fallimenti con il sesso femminile. Sia l’uno che l’altro, infatti, lanciano i loro strali -per il vero solo verbali e retorici- verso le donne dopo che hanno sperato, inutilmente, di conquistare il cuore di una di esse; dopo che hanno visto infrangere il loro sogno di un matrimonio e di un amore fedele e duraturo. Si pensi solo al fatto che Zarathustra, il testo più celebre di Nietzsche, nasce dopo che il filosofo è stato respinto da Lou Salomè (personaggio per il vero piuttosto cinico), alla quale si rivolgeva con tenerezza inaudita, scrivendo “mio caro cuore” e considerandola un “angelo che avrebbe addolcito ciò che in me si era indurito attraverso il dolore e la solitudine.. ma non era un angelo” (lettera di Nietzsche all’amico Overbeck).

Continua a leggere

Donne nel Medioevo

Quando si parla di storia e di donne, abbondano i luoghi comuni.

Ho provato, insieme ad un’amica, Maria Cristina Del Poggetto, a metterne in discussione alcuni, raccontando tutta un’altra storia, in La metà del cielo. Breve storia alternativa delle donne (La Vela).

Qui vorrei fare una breve galleria di immagini significative (senza alcuna pretesa di esaustività).

Partiamo dall’immagine in alto: si tratta di Christine de Pizan, scrittrice e copista di professione, che viveva del suo lavoro.

Ebbene, quando parliamo di copisti amanuensi che hanno salvano il patrimonio librario del mondo antico, e trascritto i testi sacri su cui l’Europa ha imparato a leggere e a scrivere (ma anche a stampare, visto che la produzione a stampa vera e propria inizia con la Bibbia di Gutenberg), ricordiamoci che vi erano anche molte copiste donne, monache o laiche.

Si tratta di una realtà storica dimenticata. Falsità sono invece lo ius primae noctis, che non è mai esistito, o le famigerate cinture di castità, come raccontano i testi storici ed ormai anche wikipedia:

Continua a leggere

Intervista a Federica Picchi

fede

Federica Picchi è candidata alle Europee del 26 maggio con Giorgia Meloni, nelle circoscrizioni di centro e nord ovest.

Di seguito alcuni passagi da un’intervista comparsa su La Verità del 19 maggio:

Si dice che la sua candidatura sia stata fortemente voluta, insieme ad altre, da Massimo Gandolfini e dal movimento pro vita e famiglia italiano…

Come nella mia esperienza di piccolo imprenditore, per raggiungere un traguardo di crescita devo perseguire quell’obiettivo da più strade, così come cittadino, la difesa di valori per me sacri come la tutela della vita – dal concepimento alla morte naturale – la tutela della famiglia come centro fondante della società, la tutela della dignità del lavoro e della libertà educativa, deve essere portata avanti da più posizioni.

Qualcosa di lei…

Credo fermamente che la cultura sia la base di crescita di una società sana ed equilibrata, per questo motivo, dopo gli studi economici in Bocconi e alla Georgetown University di Washington DC e vari anni di Banca d’affari a Londra e New York, ho deciso di fondare DOMINUS PRODUCTION, per la diffusione di modelli di virtù umana per i più giovani. Dominus è poi cresciuta, includendo una sezione editoriale per l’approfondimento delle argomentazioni trattate nei film, e un’area discografica in sviluppo. L’attività in DOMINUS mi richiede un grande impegno perché c’e’ sete di storie di umana bellezza e di modelli tra i giovani, ma l’emergenza sociale dovuta ad una politica che sempre più si distacca dai valori sacri e fondanti di ogni democrazia, mi ha spinto ad accettare la proposta di candidatura per Fratelli d’Italia.

Un’altra conversione, dopo il ritorno alla fede?

“Ho trovato la fede e incontrato la bellezza della figura – anche storica – di Cristo a seguito del tumore di mia madre. Questa è stata una conversione vera, per cui ho intrapreso un cammino che durerà tutta la mia vita. La scelta politica non è una conversione, ma è una conseguenza: quando si crede in qualcosa di più grande si devono mettere da parte sicurezze e comodità (anche conquistate con fatica!) per mettersi a servizio di nuovi obiettivi. Mi sento un po’ un soldato (il padre è un militare, ndr), che non può far finta di nulla, che non può stare a guardare la distruzione di valori per cui si spende quotidianamente e che vuole lottare, non contro qualcuno, ma per qualcosa: la nostra bimillenaria civiltà cristiana.

Continua a leggere

News dalla rete
  • Humanae Vitae, la questione sociale

    Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

  • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

    di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

  • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

    di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

  • L’inutile dialogo senza identità né verità

    di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

Eventi

Ancora nessun post.