Claudio Forti

La politica pro famiglia di Viktor Orban in Ungheria è un esempio per la stanca Europa

ciao

La politica pro famiglia di Viktor Orban in Ungheria è un esempio per la stanca Europa

La Storia della settimana – da ACTUALL, quotidiano spagnolo di informazione on line – Direttore Alfonso Basallo – 6 maggio 2017

Come fai a scommettere sulla famiglia se non credi in essa? Questo è ciò che accade a molti governanti della “stanca e canuta Europa”, come l’ha definita Manuel Serrat.

La situazione personale del legislatore finisce con l’influire sulle leggi. Già lo sappiamo: come può essere cattiva la schiavitù se ho la piantagione di cotone piena di negretti? Come sarà brutta l’eutanasia se staccherò la spina al mio vecchio padre, che è da 10 anni in cattive condizioni, e non recupera? … eccetera. La stessa cosa succede nella famiglia. Continua a leggere

Il ritorno di Giuda e Pilato!

marine-le-pen-was-critical-of-macron-s-decision-not-to-use-his-native-tongue-753135

Articolo redatto da François Billot de Lochner

Ogni persona obbiettiva non può che constatare come la Francia sia di fronte a un bivio nel suo cammino nella storia, e che il voto del 7 maggio rappresenta una scommessa per la sua civiltà, fra:

  • l’accelerazione della messa in atto di una Francia multiculturale, profondamente destrutturata e autoritariamente agglomerata a una Unione europea antidemocratica,

Continua a leggere

Rajoy ha mantenuto la politica massonica di Zapatero

La Storia della settimana – da ACTUALL, periodico spagnolo online di informazione. Direttore Antonio Basallo – 29 aprile 2017

Vuoi sapere che cos’è successo quando Rajoy si recò in Messico nel 2008? Si iniziò allora nella massoneria, o lo fece prima? E Hillary Clinton, Rockefeller o Zapatero, sono massoni? Se ti stuzzica la curiosità non puoi fare a meno di leggere il libro “Iglesia i Masoneria” (Chiesa e Massoneria), scritto dallo specialista Alberto Bárcena, professore di storia nella Università San Paolo-CEU. E non perché l’autore voglia soddisfare la morbosità di chi vuol saperne di più su chi porta il grembiule (grembiule dei massoni. Ndt), del grado 33, o non lo indossa più, o voglia fornirti questa chiave cospiratoria e semplicista con cui cerchiamo di interpretare l’origine del male in cui è immerso il mondo. No. Il libro è molto più serio e rigoroso. Con mezzi culturali e religiosi egli studia il confronto tra cristianesimo e massoneria. E ne dà la sua impronta nell’educazione, nella cultura o nelle leggi, imposte da coloro che presumono di essere degli idealisti che si dedicano al perfezionamento personale per far avanzare l’umanità.

Continua a leggere

Una scelta di civiltà.

Articolo redatto da François Billot de Lochner – 28 aprile 2017

Il prossimo 7 maggio i francesi si dovranno pronunciare in maniera semplice sull’avvenire del loro paese, rispondendo alla seguente questione: desiderate che la Francia storica perduri, o preferite che si trasformi in una regione multiculturale, sottomessa a un’Europa centralizzata, in possesso di tutti i poteri? Questa, infatti, è la questione fondamentale.

Emanuel Macron non si nasconde: egli si augura un’apertura completa delle frontiere, senza nessuna restrizione, anche per l’opportunità che ci offre l’immigrazione, che si traduce nella creazione di comunità multiple, autonome, senza alcun passato storico, non essendoci alcuna utilità nel fatto che comunichino fra loro.

Continua a leggere

LR: l’indispensabile suicidio

orient

Articolo redatto da François Billot de Lochner – 25 aprile 2017

I Repubblicani sono diventati una formidabile macchina perdente. La vittoria di Macron ne è una prova supplementare. La vittoria della « destra » ne è stata un’evidenza dall’estate del 2013 al gennaio del 2017. Ora, in soli tre mesi tutto è precipitato col trionfo di Macron!

San Pietro, dopo aver rinnegato per tre volte Cristo, ha atteso qualche ora in angoscia, ma i Repubblicani non hanno avuto la delicatezza di attendere: hanno semplicemente tradito i loro elettori pochi minuti dopo le ore 20.00 di domenica sera. Un tradimento massiccio, implacabile, definitivo, quasi unanime. Sì, bisogna votare per il peggiore dei candidati: il futuro Gran Maestro della definitiva decostruzione della Francia. Continua a leggere

Actuall intervista una cristiana fuggita dai gulag coreani: “Potevamo parlare di Dio solo nelle latrine”.

index

La tremenda storia di Hue Woo, cristiana nordcoreana di 75 anni, non ha niente da invidiare ad altre tragiche storie di prigionieri nelle carceri comuniste, come quella del capitano Teodoro Palacios in Russia – resa immortale da Torcuato Luca de Tena in Embajador en el infierno (Ambasciatore all’inferno) -; o quella di Solzhenitsyn nei gulag sovietici da lui narrata nel suo Una giornata di Ivan Denisovich.
Questa storia ha però una dimensione più trascendente, perché la signora Woo non è stata in dieci carceri per aver criticato la “monarchia” marxista dei Kim, che regna sulla Corea del Nord dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ma per il semplice fatto di essere cristiana evangelica. Continua a leggere

Gioco sporco dei trans / Sportive femmine, fatte passare per tali, e inserite nelle discipline sportive femminili, che in realtà sono dei maschi.

trans

La Storia della settimana da ACTUALL, periodico spagnolo online di informazione. Direttore Alfonso Basallo – 1 aprile 2017

Non mi stanco mai di leggere Julián Marias, il mio filosofo preferito, non solo perché è profondo, ma anche per la sua chiarezza. Immagino sappiate che la chiarezza è la cortesia del filosofo, così come diceva Ortega. La sua è un’idea di grande attualità: “Il totalitarismo non consiste in sfilate, bandiere, stivali di mezza misura e saluti alla romana o con il pugno alzato. Quella è la parte folcloristica. Il totalitarismo diventa una realtà “quando lo Stato invade la vita privata e i costumi sociali e nulla rimane ai margini del potere pubblico”.

Ma tutto ciò può diventare un fatto inquietante se il totalitarismo diventa compatibile con una formale democrazia. Perché, che senso ha il fatto che ci siano i partiti politici, Continua a leggere

Sorprendente inchiesta di una contro Tv spagnola: “Che cosa mi diresti se ti dicessi che sono alta un metro e novanta?”

cattura

Da Actuall, quotidiano spagnolo di informazione online – 27 marzo 2017 – di Ana Fuentes

Alla presentatrice di questo video (che trovi in lingua originale nel sottostante link. Ndt), nessuno degli intervistati ha detto nulla, dal momento che ammettono che lei, in realtà, è un uomo. Tutto perfetto. Lo stesso quando dice che no, in realtà è una bambina di 7 anni che vuole iscriversi alle elementari. Tutto apposto.

A due giorni dalla approvazione nella Comunità Valenziana di una nuova legge di identità e di espressione di genere, in cui è inclusa l’ideologia di genere, alcuni studenti sono usciti sulle strade di Valencia per fare alcune domande ai concittadini. Continua a leggere

Uscire dall’euro?

Articolo redatto da François Billot de Lochner – 17 marzo 2017

La questione dell’euro è diventata un dogma, e restarvi è una indiscutibile santa evidenza. Il volerne uscire è parificato a una aberrazione, a una deficienza mentale in cui si vedono delle tendenze fasciste. Le élite politico-mediatiche in questo modo chiudono tutte le porte a ogni discussione al riguardo. A eccezione di Marine Le Pen, tutti i leader dei grandi partiti politici mostrano la loro determinazione senza incrinature. L’euro e una acquisizione definitiva. Però … Continua a leggere

News dalla rete