Caius

Critica a Galeazzi: disinformazione, calunnia e diffamazione?

SanPietroDopo il discutibile articolo pubblicato sulla Stampa (del 16.10.2016) contro i cosiddetti tradizionalisti anti Francesco (che sarebbero altresì degli adoratori di Putin!) e le polemiche nel frattempo intervenute, Pierluigi Mele ha intervistato Giacomo Galeazzi, coautore con Andrea Tornelli di quel dossier. L’intervista è uscita il 18 ottobre su rainews.it.

In un discorso del 22.3.2014 Papa Francesco disse così ai giornalisti presenti: “La disinformazione è dire metà delle cose, quelle che sono per me più convenienti, e non dire l’altra metà (…). Da questi tre peccati per favore fuggite: disinformazione, calunnia e diffamazione”.

Continua a leggere

La scuola paritaria vantaggio per lo Stato

La sinistra ideologica, si sa, ha sempre bisogno di nemici. La violenza, scriveva Marx, che fondò la sua visione del mondo sulla “lotta di classe”, è la levatrice della storia. E la violenza si esercita contro un Nemico.

L’odio unisce, apparentemente e momentaneamente, ben più dei progetti, delle idee, delle riforme.  Il nemico può essere di volta in volta lo “Stato borghese”, la “famiglia borghese”, la Chiesa…

Periodocamente, la scuola non statale (che esiste da prima di quella statale) Continua a leggere

Come essere cinesi e antiabortisti

di Laura Gotti Tedeschi

“Una vita che comincia non può mai essere un errore”. È questo il messaggio che una giovanissima ragazza cinese ha voluto esprimere attraverso una sua opera d’arte esposta a Londra. Può l’arte contemporanea, spesso utilizzata come mezzo di provocazione, creare consapevolezza nelle persone sul rispetto dovuto alla vita nel grembo materno? Questa è la sfida che Qiwen Ke, una studentessa Continua a leggere

Le famiglie “arcobaleno” scrivono a Papa Francesco

Giuseppina La Delfa, fondatrice dell’associazione Famiglie Arcobaleno, ha scritto sull’Huffington Post di Lucia Annunziata una lettera aperta al Papa. Il signor Bergoglio, così viene chiamato il Santo Padre dalla docente universitaria, ha osato ribadire il diritto di ogni bambino a crescere in una famiglia con un papà e una mamma. Ed ecco quindi l’accusa mica tanto velata di ignoranza, Continua a leggere

Angelica, mamma a 16 anni

di Gianluca Zappa

Ci stanno preparando un mondo nuovo che, per le masse condizionate dal quotidiano lavaggio del cervello, sembra essere niente male: è il famoso “mondo diverso fatto di sesso” della canzone. Si lavora un po’, tanto per non annoiarsi, poi via a fare sport o palestra tutti i giorni e, nel tempo libero dal tempo libero, sesso a volontà con tutti, indifferentemente, senza più preoccupazioni d’ogni sorta.
A questo ci stanno abituando, a questo stanno Continua a leggere

Abbandonata durante l’aborto? Una bufala!

di Redazione

Una vicenda drammatica utilizzata strumentalmente. È l’amara verità che emerge dalle verifiche compiute dalla Asl Roma B sul presunto caso di abbandono in corsia durante un aborto, denunciato da una donna nel corso di una conferenza stampa indetta dall’Associazione radicale Luca Coscioni. Continua a leggere

Testart, il padre della fecondazione assistita: l’utopia dei figli perfetti!

di Daniele Zappalà

Biologo specializzato nella riproduzione umana e animale, già direttore di ricerca del noto laboratorio transalpino Inserm, nonché ex presidente della Commissione francese per lo sviluppo sostenibile, «ateo e di sinistra», Jacques Testart divenne celebre nel 1982 come padre scientifico del primo «bambino in provetta» d’Oltralpe. Continua a leggere

I martiri dell’indissolubilità del matrimonio

di Cristiana de Magistris

Anche l’indissolubilità del matrimonio ha i suoi martiri, che la santa Chiesa di Dio celebra ogni anno col fasto dovuto ai suoi figli più illustri. Il 22 giugno, nel martirologio romano si legge: “Santi Giovanni Fisher, vescovo, e Tommaso Moro, martiri, che, essendosi opposti al re Enrico VIII nella controversia sul suo divorzio e Continua a leggere

News dalla rete
  • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

    appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

  • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

    salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

  • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

    bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

  • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

    al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…