L’aumento dei boschi segna la fine del catastrofismo ecologista

Un tempo si credeva che fosse la destra, più o meno estrema, a criticare l’industrializzazione, la modernità e l’urbanizzazione, le quali avevano sottratto l’uomo dal bel “Piccolo mondo antico” (Fogazzaro).

La Bibbia di certe frange della destra italiana ed europea era “Rivolta contro il mondo moderno” del barone filosofo Julius Evola, costantemente ristampato dalle Mediterranee e ormai tradotto in tutti gli idiomi d’Europa.

Così, per alcuni intellettuali di sinistra, il “declinismo”, l’idea cioè che ci sia un declino morale, sociale e culturale da uno o più secoli, sarebbe indice di conservatorismo, di tradizionalismo e quasi quasi di neofascismo.

Da quando però Greta Thunberg e gli altri profeti di sventura hanno preso il sopravvento sulla scena mediatica mondiale, il catastrofismo, la paura del futuro e il pessimismo cosmico sono tornati là dove essi debbono albergare: a sinistra! Sebbene ci sia oggi una palese contraddizione tra il progressismo storico avito, e l’ecologismo estremista, che vede solo male nella tecnologia e nella scienza. E che predica la fine delle specie – inclusa quella umana – e la morte dell’innocente pianeta causata da uomini cattivi (specie quelli del nord, industrializzati, tecnologici, che vanno sulla luna, che prendono l’aereo…).

Per fortuna che il nostro valente Franco Battaglia e una schiera indomita di scienziati e tecnici dell’ambiente dicano che la realtà sia molto diversa dall’incubo descritto dai “terroristi psicologici”. Allarmarsi per migliorare si può e si deve, ma senza indurre panico, specie nei giovani e nei bambini (“se il mare è sporco la colpa è tua, se il ghiacciaio si scioglie è colpa dei tuoi avi, se il deserto avanza è colpa dei ricchi che hanno 2 macchine”).

Ebbene, il Ministero per le politiche agricole e forestali, in un recente comunicato stampa, ci informa che, grazie a politiche lungimiranti, “La superficie boschiva nazionale è aumentata in 10 anni di circa 587.000 ettari”. Facendo raggiungere il manto boschivo del belpaese a 11 milioni di ettari, il che è “pari al 36,7% del territorio nazionale”.

Non stiamo quindi annegando nel catrame, nell’asfalto o nella sabbia, tranquilli. Si veda in tal senso, Thomas Pedretti, Con la scusa del clima. Oltre l’ambientalismo mainstream: per un futuro consapevole, Passaggio al bosco, 2019.

Ovviamente, scrivono gli esperti del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura) e dell’Infc (Inventario nazionale delle foreste), oltre all’aspetto bucolico, romantico ed estetico, boschi e foreste “svolgono un ruolo essenziale nel garantire gli equilibri naturali e ambientali globali e, contemporaneamente, nel contribuire al soddisfacimento dei bisogni del genere umano”. Non solo si può evitare di ridurre il verde, ma esso può essere aumentato nel mondo, nonostante cellulari, 5G, aeroporti e navi da crociera.

Si rassicurino dunque ecologisti e allarmisti climatici. Grazie al lavoro dei (cattivissimi) esseri umani e alle politiche messe in campo da alcuni anni – e non dell’ecosistema in sé –  si è registrato un “incremento di 290 milioni di tonnellate di CO2 stoccata e quindi sottratta all’atmosfera”. La quale secondo la narrazione sarebbe la causa prima del global warming. In pratica più boschi è uguale a meno inquinamento ambientale e meno riscaldamento della terra.

Facciamo quindi dormire sereni i nostri bambini. Avranno da lottare per un futuro migliore, a livello economico, lavorativo, democratico, eccetera. Ma nulla è perduto fino a quando esisterà un essere umano, delle menti pensanti e un ideale di bene e di prosperità che sia puro come un lago alpino. Senza angoscia e (strumentali) timori da fine del mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…