L’Ungheria resiste

di Varga Judit, ministro ungherese

Nuovo giorno, un’altra risoluzione politica completamente priva di fondamento dal Parlamento Europeo!

📌

Sembra che non si stiano espandendo, fa ancora male al PE che l’Ungheria non consente alcuna propaganda sessuale negli istituti di istruzione pubblica, scuole e asili per legge. Gli dà fastidio che resistiamo alla pratica della pressione e alla lobby LGBTQ.

❗️

Crescere i figli è compito del solo genitore e questo è dichiarato dall’articolo 14. della Carta dei diritti fondamentali dei nipoti europei. Sarebbe così difficile da capire a Bruxelles?

🤔
🇪🇺

Il Parlamento Europeo vorrebbe dire nel suo parere votato oggi, cosa si deve considerare matrimonio, famiglia, e anche nel rapporto tra figlio e genitore. Anche in questo caso vogliono darci istruzioni dall’alto su questioni che rientrano nella giurisdizione nazionale. Il fatto che l’EP stia ancora una volta accettando la procedura dell’articolo 7 nelle sue mani è solo una ciliegina sulla torta.

❗️

È importante precisare che la Legge fondamentale I. Secondo l’articolo 1, i diritti fondamentali dell’′′ UOMO devono essere rispettati e inevitabili. La loro protezione è il primo obbligo dello stato “. L ‘ Ungheria protegge quindi i diritti umani ai massimi livelli, ecco perché questa disposizione isterica politica da parte del Parlamento Europeo è inutile. I fatti sono per noi.

➡

In Ungheria, ogni adulto vive come vuole, basandosi sulla propria determinazione e visione del mondo. Tuttavia, crescere i figli è esclusivamente un diritto dei genitori. Non lasceremo che accada!

🇭🇺
✌🏻
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…