Vittorio Feltri risponde a Riccardo Muti

Vittorio Feltri. Foto da ilsussidiario.net

Poche e incisive parole! Vittorio Feltri, Fondatore e Membro del Consiglio di Amministrazione di “Libero”, risponde alle forti parole di Riccardo Muti.

Vittorio Feltri conosce Muti da molto tempo, lo ammira perché è straordinario come artista e come uomo, tanto che dell’intervista, letta sul Corrire della Sera del 28 giugno, scrive:

Me la sono bevuta commuovendomi.

Quelle parole “me la sono bevuta commuovendomi” dicono anche un’altra cosa: che un grande ha capito un altro grande.

Ho letto diverse interviste al Maestro Muti e ascoltato e guardato con attenzione numerose interviste televisive. In esse si parla di tante cose. A volte, però, le domande dei giornalisti non reggono al confronto con la profondità delle risposte, forse perché conoscono il Maestro più per averne sentito parlare che non in modo diretto. Ma è la prima volta che sento in chi scrive una partecipazione così diretta al genio di Muti, esternando una simile incantata ammirazione.

Feltri si è commosso! Quel Feltri che in televisione è sempre così caustico, in realtà, diretto; capace di dire le cose come stanno, a viso scoperto, in prima linea!

E ancora:

Riccardo esprime tanti concetti e ammetto di condividerli tutti, anche i più atroci: “questo mondo non mi va più. Gradisco la spontaneità, detesto le discussioni politiche in tv durante le quali le voci degli ospiti si sovrappongono”. Ovvio, un musicista di alto profilo non può tollerare il chiacchiericcio, i rumori molesti. “… Muti non è un uomo banale ma pratica la linearità, che non è una chiave soltanto musicale bensì la chiave della vita. … . Muti discetta disinvoltamente anche della morte, consapevole che nel futuro di ogni uomo, anche intelligente quanto lui, c’è un tomba. Non so se abbia dei difetti, se ne ha li ho anche io che non ho le sue doti. (Vittorio Feltri risponde a Riccardo Muti: “Mi sono stancato della vita? Perché spero di andarmene prima di te” in Libero Quotidiano on line, 29 giugno 2021 QUI).

Non alti voli pindarici, quelli di Vittorio Feltri, ma dirompenti incursioni alla luce del sole, eppure, senza malanimo. Schietto e sincero! Così mi appare Vittorio Feltri: il Maestro della penna accanto al Maestro delle note. Forse per questo si capiscono!

A testimonianza dell’amore del Maestro Muti alla musica come via dell’amizia tra i popoli, segnaliamo un grande evento questa sera

Ravenna Festival

e le Vie dell’Amicizia”

In solidarietà al

Popolo Armeno

1° luglio

Riccardo Muti dirige al Pavaglione di Lugo

ore 21.30

Fonte: lugonotizie.it QUI

L’Armenian State Chamber Choir si unirà all’Orchestra Giovanile

Luigi Cherubini

anche in diretta su

Radio Rai3

e prossimamente

su Rai1

Il 4 luglio in Armenia, a Erevan.

Il programma completo in

Lugonotizie.it, “Ravenna Festival e le Vie dell’Amicizia. 1° luglio Riccardo Muti dirige al Pavaglione di Lugo e il 4 luglio in Armenia, a Erevan” (QUI)

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Chiesa che accetta il Green pass è protestante

      di Stefano Fontana. Uno degli effetti del grande reset connesso con la gestione del Covid è la rivoluzione della Chiesa cattolica e nella Chiesa cattolica. La pandemia condurrà la secolarizzazione alle sue estreme conseguenze: la protestantizzazione. Durante i secoli, le Chiese nazionali potevano sottrarsi alle imposizioni degli Stati appellandosi al potere del Papa. Ma il Papa stesso si è sottomesso alla logica della politica.  Leggi il seguito…

    • Cos’è la “Teologia del Popolo”?

      di Carlos Daniel Lasa. Papa Francesco, quando si esprime, trova nella “Teologia del Popolo” a sua principale fonte di ispirazione. Per questo mi sembra importante, in queste brevi righe, esporre a grandi linee in cosa consista queste teologia. Leggi il seguito…

    • Bassetti scivola sulla Provvidenza: la scambia per Draghi

      di Stefano Fontana. Il presidente della Cei Bassetti elogia Draghi e lo associa alla Provvidenza.Si era sbagliato Pio XI su Mussolini e ora si sbaglia il cardinale su Draghi. Perché piegare la Provvidenza a queste miserie da corridoio del palazzo? È una visione hegeliana per cui Dio confermerebbe con la sua Provvidenza colui che di fatto si impone sugli avversari.  Leggi il seguito…

    • L’Agghiacciante inadeguatezza di chi avrebbe in mano le nostre vite

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, non voglio commentare le parole di Sergio Mattarella perché si commentano da sole. E d’altronde non c’era da attendersi altro, da qualcuno che sta facendo di tutto per de-nobilitare il suo ruolo, la Costituzione e avvelenare democrazia e clima politico. Ma quello che mi sembra interessante notare è che sta emergendo con sempre maggiore chiarezza l’inadeguatezza del Presidente del Consiglio a svolgere il suo compito. Leggi il seguito…