25 luglio: anche a Trento il film Unplanned

Come in molte città italiane, anche a Trento, domenica 25 luglio, verrà proiettato un film che ha riscosso grande successo in America, e che sta andando a gonfie vele anche nelle sue anteprime italiane: Unplanned.

Si tratta di una storia vera che ha come protagonista una donna americana giunta a dirigere una clinica di Planned Parenthood, specializzata in aborti procurati (per il film: https://roma.cineworld.18tickets.it/film/7557 ).

Per Abby Johnson, questo il nome della protagonista, aiutare le donne ad abortire è una specie di missione, un modo per stare al fianco delle donne. Con queste convinzioni fa una brillante carriera all’interno dell’organizzazione, e sperimenta in prima persona cosa sia un aborto.

Le sue convinzioni iniziano però ad incrinarsi il giorno in cui, dovendo aiutare un medico in sala operatoria, si trova a prendere tra le mani una sonda e ad osservare, sullo schermo, i movimenti del feto, la sua reazione davanti alla cannula che entra nell’utero…

Nel film viene ben descritto uno spaccato della società americana, ancora oggi percorsa da un grande dibattito sulla vita nascente, sul rispetto o meno che si deve ad un bambino nell’utero materno.

Negli Usa, infatti, vi sono stati in cui l’aborto è permesso sostanzialmente sino alla nascita (il cosiddetto “aborto a nascita parziale”) e stati in cui è iniziata una graduale retromarcia, soprattutto limitando ai primi mesi, e in casi eccezionali (come il rischio di morte della madre), la praticabilità dell’intervento.

I ripensamenti della Johnson, come di molti legislatori americani, sono in parte figli di un nuovo femminismo, più simile a quello ottocentesco delle origini che a quello della cosiddetta “seconda ondata” (anni Settanta).

Questo femminismo si rifiuta di contrapporre maternità e carriera, e chiede, di conseguenza, maggiori diritti e considerazione sociale per le madri e piena condivisione della genitorialità tra uomo e donna.

Esso, insomma“insiste non solo sui pari diritti di uomini e donne, ma anche sulle loro comuni responsabilità, specie nell’ambito della vita familiare. In questo nuovo femminismo, l’uguaglianza sessuale è fondata non nell’imitare la capacità degli uomini di fuggire di fronte a una gravidanza inattesa grazie all’aborto, ma piuttosto nel chiedere agli uomini di corrispondere alle donne nella mutua responsabilità, reciprocità e cura».

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Chiesa che accetta il Green pass è protestante

      di Stefano Fontana. Uno degli effetti del grande reset connesso con la gestione del Covid è la rivoluzione della Chiesa cattolica e nella Chiesa cattolica. La pandemia condurrà la secolarizzazione alle sue estreme conseguenze: la protestantizzazione. Durante i secoli, le Chiese nazionali potevano sottrarsi alle imposizioni degli Stati appellandosi al potere del Papa. Ma il Papa stesso si è sottomesso alla logica della politica.  Leggi il seguito…

    • Cos’è la “Teologia del Popolo”?

      di Carlos Daniel Lasa. Papa Francesco, quando si esprime, trova nella “Teologia del Popolo” a sua principale fonte di ispirazione. Per questo mi sembra importante, in queste brevi righe, esporre a grandi linee in cosa consista queste teologia. Leggi il seguito…

    • Bassetti scivola sulla Provvidenza: la scambia per Draghi

      di Stefano Fontana. Il presidente della Cei Bassetti elogia Draghi e lo associa alla Provvidenza.Si era sbagliato Pio XI su Mussolini e ora si sbaglia il cardinale su Draghi. Perché piegare la Provvidenza a queste miserie da corridoio del palazzo? È una visione hegeliana per cui Dio confermerebbe con la sua Provvidenza colui che di fatto si impone sugli avversari.  Leggi il seguito…

    • L’Agghiacciante inadeguatezza di chi avrebbe in mano le nostre vite

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, non voglio commentare le parole di Sergio Mattarella perché si commentano da sole. E d’altronde non c’era da attendersi altro, da qualcuno che sta facendo di tutto per de-nobilitare il suo ruolo, la Costituzione e avvelenare democrazia e clima politico. Ma quello che mi sembra interessante notare è che sta emergendo con sempre maggiore chiarezza l’inadeguatezza del Presidente del Consiglio a svolgere il suo compito. Leggi il seguito…