Giotto e Dante nei settecento anni dalla nascita al Cielo del Poeta.

Una trattazione su Dante e Giotto potrebbe cominciare così …

Pochi momenti della storia dell’arte e delle lettere hanno conosciuto tanti cambiamenti quanto i secoli XIII e XIV. In questa fase del Medioevo, geni come Giotto, Cimabue, Guido Guinizzelli, Pietro Cavallini, Arnolfo di Cambio, Dante Alighieri compiono una vera rivoluzione copernicana che ha a oggetto una nuova …

Ma quando ascolti Roberto Filippetti parlare di questo tema d’arte sacra, figurativa e poetica ad un tempo parlando Dante per immagini e dipingendo Giotto la Parola del desiderium videndi Deum, forse la trattazione potrebbe inziare, invece, così …

“C’è un parallelo tra Dante e Giotto che comincia dall’Inferno della Cappella Scrovegni e vi entriamo tenendo presenti, con la coda dell’occhio, i primi versi della Divina Commedia. Mi piace fare un po’ la voce rauca per queste rime aspre.

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura! (Inf. i, 1-6)

Siamo all’età di trentacinque anni e, improvvisamente, Dante perde la via … in una selva selvaggia, aspra e forte e al ripensarci si riprova quella paura”.

E Filippetti, rimeditando quella paura, ricorda, come già nel 1979 il Dr. Rino Galeazzi, che i malati e i loro cari provano solitudine e paura non solo per la malattia, ma spesso perché lontani da casa in luoghi sconosciuti. Allora non abbisognano solo di cure mediche, ma di essere presi in cura nella loro vita provata. Così, avvedendosi del parallelo tra la solitudine del malato e la solitudine di Dante, Filippetti pensa che non possa esserci serata migliore di questa da dedicare alla Fondazione Cilla, iniziata proprio dal Dr. Galeazzi, dando vita a case di accoglienza per le famiglie dei malati, sole e lontane da casa, come lui stesso provò anni prima per la figlia Cilla, che, in breve, morì.

E come “una condivisione che diviene cultura” -motto dell’Associazione Cilla- così la cultura diviene pane in versi e colori di un’arte che, non solo consola, ma sostiene il cuore. Ascoltiamo come continua il prof. Roberto Filippetti.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Chiesa che accetta il Green pass è protestante

      di Stefano Fontana. Uno degli effetti del grande reset connesso con la gestione del Covid è la rivoluzione della Chiesa cattolica e nella Chiesa cattolica. La pandemia condurrà la secolarizzazione alle sue estreme conseguenze: la protestantizzazione. Durante i secoli, le Chiese nazionali potevano sottrarsi alle imposizioni degli Stati appellandosi al potere del Papa. Ma il Papa stesso si è sottomesso alla logica della politica.  Leggi il seguito…

    • Cos’è la “Teologia del Popolo”?

      di Carlos Daniel Lasa. Papa Francesco, quando si esprime, trova nella “Teologia del Popolo” a sua principale fonte di ispirazione. Per questo mi sembra importante, in queste brevi righe, esporre a grandi linee in cosa consista queste teologia. Leggi il seguito…

    • Bassetti scivola sulla Provvidenza: la scambia per Draghi

      di Stefano Fontana. Il presidente della Cei Bassetti elogia Draghi e lo associa alla Provvidenza.Si era sbagliato Pio XI su Mussolini e ora si sbaglia il cardinale su Draghi. Perché piegare la Provvidenza a queste miserie da corridoio del palazzo? È una visione hegeliana per cui Dio confermerebbe con la sua Provvidenza colui che di fatto si impone sugli avversari.  Leggi il seguito…

    • L’Agghiacciante inadeguatezza di chi avrebbe in mano le nostre vite

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, non voglio commentare le parole di Sergio Mattarella perché si commentano da sole. E d’altronde non c’era da attendersi altro, da qualcuno che sta facendo di tutto per de-nobilitare il suo ruolo, la Costituzione e avvelenare democrazia e clima politico. Ma quello che mi sembra interessante notare è che sta emergendo con sempre maggiore chiarezza l’inadeguatezza del Presidente del Consiglio a svolgere il suo compito. Leggi il seguito…