TESHUVÀ. Nel silenzio dei monti il ritorno

Viandante e pellegrino nella mia terra.

Mercoledì 5 Maggio 2021, ore 18.00,

Stefano Zanchi parlerà a PAIDEIA

su

UIL Scuola Irc

(QUI)

La prima volta che in Val Serina presi in affitto un appartamento insieme alla mia famiglia, un pensionato del luogo, già operaio in trasferta quotidiana a Dalmine, da dietro il cancello della sua comoda ed elegante casa, con sorriso amichevole, mi chiese: «Cosa è venuto a fare qui? Non c’è niente! I giovani non vengono perché non trovano nessuna distrazione. Tutti se ne vanno. Qui non c’è più lavoro. I prati, non più nutrimento per le greggi, sono stati sostituiti da boschi …Non c’è più neve e non si può nemmeno sciare e, allora, non interessa a nessuno venire qui. Le case sono vuote!». Risposi: «Qui trovo silenzio, saluto le persone che incontro, si può parlare e poi … c’è lei con il suo sorriso … ». E tutte le volte in cui ci si vedeva, tra le sbarre della cinta, si parlava … di tante cose: della vita, del lavoro, della salute, della famiglia … e c’era sempre un sorriso.

Finché, approdato a Pagliaro, frazioncina di Algua al confine con Bracca, in provincia di Bergamo, tra una folla di cento abitanti, avendo saputo che proprio a Bracca viveva un mio collega mai visto prima, domandai all’unico bar dove abitasse. Detto fatto. Venne lì e subito mi donò il primo di una serie di suoi libri, che ora custodisco con religioso affetto e leggo meditandoli. Semplici come è semplice l’acqua, che scende dal monte … fresca, argentina e insostituibile: Teshuvà. Da allora, quando posso, non manco di tornare là, tra quei monti, a respirare un mondo che vive ancora inciso su quelle pietre, che sussurra tra gli alberi e traspare negli occhi degli abitanti fedeli, sostenuti dal passo sicuro e regolare di montagna, senza scatti in avanti, senza cedimenti in dietro. Sempre avanti verso le cime. La montagna educa tutti, non ti è concesso sbagliare in montagna. Il vento ti accompagna. I ricordi sono infiniti, anche per chi mai li ha vissuti.

Il professor Stefano Zanchi ci racconterà di quei luoghi tutti legati a persone, che custodiscono intatto il tesoro, geloso, della montagna. Vita operosa, essenziale e ricca di rapporti profondi.

Stefano è sempre tra i giovani della valle per dare loro speranza, e della scuola, accompagnandoli verso la vita con un bagaglio sempre più ricco. E quando, tra le mille attività solidali, si ritira nella Pieve, o nella sua stanza, con amore ascolta le parole sussurrate dal vento e lì nascono i suoi libri, ricchi di pensiero e sentimento, di immagini, solitamente in bianco e nero, cercando i segni di vite perché nessuno le dimentichi, con il loro carico di sofferenze e semplici gioie.

Gli attrezzi da lavoro hanno gran parte. Lì dove si lavora per mangiare e non per arricchire: Teshuvà, Tempi di uomini in guerra, Celio la formica, … e tanto altro. Stefano non si stanca di scrivere e raccontare. E racconterà anche a noi.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…