Hans Küng il teologo che gettava i semi del Vaticano III

di Stefano Fontana.

Morto Hans Küng, teologo svizzero. Ha guadagnato spesso le prime pagine dei giornali, quando sparava grosso contro la dottrina cattolica. Hegeliano di formazione, voleva la riforma ecumenica e democratica della Chiesa. Intanto seminava nel silenzio. I frutti li raccogliamo oggi: molti pensano che si sia già nel concilio Vaticano III che lui auspicava.

Ieri è morto, all’età di 93 anni, il teologo Hans Küng, nella sua casa di Tubinga, in Germania. Nato a Sursee, in Svizzera, nel 1928, Küng aveva scelto di dedicarsi allo studio della teologia e a 32 anni era diventato professore ordinario presso la Facoltà di Teologia cattolica dell’università di Tubinga.

Chiunque, anche chi non sa pressoché nulla di teologia, conosce almeno il nome di Hans Küng e se lo figura come l’antagonista per eccellenza della dottrina cattolica. Da questo punto di vista la vita teologica di Küng è l’esatto opposto delle prescrizioni date dalla Congregazione per la Dottrina della Fede nella sua Istruzione sulla vocazione ecclesiale del teologo Donum veritatis del 1990. Qui si chiedeva a teologi prudenza, si suggeriva di non rivolgersi ai media, di non ostentare posizioni teologiche contrarie al magistero, di non discutere nemmeno più sulle questioni da esso precisate e definite. Küng si è invece sempre posto sulla scena, fin da quando accompagnava il cardinale di Vienna König in Vaticano per il Concilio e non ha certo mai usato la prudenza “ecclesiale” che il magistero chiede ai teologi.

Quando in un teologo accade questo, come nel caso di Küng, forse significa che, in modo più o meno consapevole, quel teologo pensa che il futuro della Chiesa dipenda da lui, o almeno soprattutto da lui. Questo atteggiamento personale inclina poi verso una teologia storicistica e progressista, e questa a sua volta anima teoricamente quell’atteggiamento personale. Il suo compagno Karl Rahner dichiarò apertamente di voler essere l’iniziatore di una nuova Chiesa e, a giudicare dalla sua vita e dalla sua teologia, allo stesso modo la pensava anche Hans Küng. La personalità si salda così con la teologia professata e viceversa, nella idea cara ai riformatori e agli eretici che la salvezza è nel futuro, che il futuro è la salvezza e che loro hanno le chiavi del futuro.

Küng è stato filosoficamente molte cose, ma soprattutto è stato hegeliano. In questa chiave la realtà della Chiesa coincide con l’autocoscienza della Chiesa e questa – l’autocoscienza – è continuamente in divenire. Non che essa divenga, piuttosto essa è divenire e il divenire è guidato dal futuro non dal passato, sicché non può esistere nessuna valida nozione teologica che non sia anche nuova. È quanto temeva Réginald Garrigou-Lagrange nel 1946, quando si chiedeva dove andasse la Nouvelle theologie  – di cui anche Küng è in fondo figlio, anche se più scapestrato di altri – e, ancora più drammaticamente, si chiedeva se fosse ancora possibile una teologia vera anche se non nuova. Si deve anche a Küng se moltissimi teologi, senza sapere di essere kungiani, oggi la pensano così: una qualsiasi posizione teologica per essere veramente tale deve essere nuova. La pensa così anche il presidente dei vescovi tedeschi mons. Georg Bätzing. Küng era svizzero di nazionalità ma tedesco di teologia.

Hans Küng era sintonizzato su un Vaticano III e ansioso di incontrare un Giovanni XXIV. Credeva che la Chiesa si costituisse dal basso e pure dal basso si rinnovasse. Diceva che la nuova Chiesa dal basso era già cominciata. Accusava la Chiesa di maschilismo e avrebbe desiderato una riconquista femminile dei diritti delle donne, dalla contraccezione al sacerdozio. I vescovi avrebbero dovuto venire eletti dal basso e in libertà. Spinse molto per un nuovo e più radicale ecumenismo, denunciava quanto egli chiamava l’”ostinazione a sottolineare le differenze”, chiedeva l’abolizione delle condanne contro Lutero e Calvino e con le Chiese riformate voleva far valere una “ospitalità eucaristica come espressione di una comunione di fede già realizzata”. Riteneva insostenibile, da parte della Chiesa Cattolica, che si desse una sola religione legittima e vedeva questo atteggiamento come conseguenza del “colonialismo europeo e dell’imperialismo romano”. Secondo lui la Chiesa doveva accettare la sfida della pretesa di verità delle altre religioni.

Al proprio interno, poi, essa avrebbe dovuto rendere autonome le Chiese regionali e locali in onore alla “ricchezza della varietà” contro la “prepotenza dogmatica”, l’”immobilità dogmatica” e la “censura moralistica”. La Chiesa doveva vivere, secondo lui, un “rapporto comunitario” e abbandonare il modello di una Chiesa “dall’alto, ostinata, rassicurante, burocratizzata”. Come l’URSS aveva riabilitato i propri dissidenti, anche la Chiesa avrebbe dovuto riabilitare i propri, da Heldel Camara a Leonardo Boff. Il futuro della Chiesa, oltre che nell’ecumenismo, era da lui visto anche nel pacifismo e in un nuovo ecologismo.

I teologi di punta, nel senso di appuntiti, guadagnano le prime pagine dei giornali quando le sparano grosse e loro infatti le sparano spesso grosse. Come quando Küng se la prese con l’infallibilità del Papa: tutti lo ricordano. Ma non è detto che il loro lascito stia lì, nelle sparate che accendono i riflettori. La loro semina avviene quando i riflettori si spengono e nella prassi della Chiesa le loro indicazioni vengono tacitamente vissute e incarnate, al buio delle luci della ribalta. Si provi a rileggere la breve rassegna delle posizioni di Küng del paragrafo precedente. Nella Chiesa tedesca di oggi e nel suo cammino sinodale  le ritroviamo tutte. Qualcuna è detta con maggiore garbo, ma le ritroviamo tutte. Spostiamoci allora alla Chiesa universale. Anche qui le ritroviamo, più o meno, tutte: Leonardo Boff scrive le encicliche pontificie e di Mons. Camara si vuole la canonizzazione, molti pensano che si sia già nel Vaticano III e che un Giovanni XXIV sia già arrivato, Lutero e Calvino sono stati riaccolti nell’ovile, l’ospitalità eucaristica è di prassi e le donne si avvicinano all’altare. Mentre i media si occupavano delle sue sparate, Hans Küng era impegnato a seminare.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Liberalismo e cattolicesimo, un confronto per capire

      di Giulia Tanel. I princìpi del liberalismo sono diffusi e sostenuti da forze politiche ed economiche. Le origini di questo pensiero sono complesse, ma l’ultimo libro di Roberto Marchesini - Liberalismo e cattolicesimo - conclude che esso «è il padre di ogni altra rivoluzione: quella protestante, quella illuminista, quella marxista». E anche nel Magistero c’è prevalentemente un giudizio negativo. Leggi il seguito…

    • Canada così “liberale” che vieta anche il vin santo

      di Luca Volontè. La ‘Legge sul Secolarismo’ del Quebec, esempio malvagio del laicismo canadese contro tutte le religioni e i fedeli cristiani, rimane in vigore (per ora). Impossibile per chiunque sia un impiegato pubblico portare simboli di appartenenza religiosi. Un passo ulteriore nella guerra totale per sradicare la fede ed i suoi simboli dalla vita pubblica nell’intero paese. Ci si avvicina alla abolizione della libertà religiosa (che include la dimensione pubblica) e all’obbligo di privatizzare la fede ed il ritorno alle catacombe per le celebrazioni eucaristiche come Dio comanda. Infatti, con una operazione poliziesca dei giorni scorsi, si è persino confiscato e vietato l’uso del ‘vin santo’ per le celebrazioni eucaristiche. Questo è il Canada del liberale Trudeau. Leggi il seguito…

    • Perché l’aggiornamento del Compendio non si farà mai

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel 2004, per volontà di Giovanni Paolo II, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace pubblicò il Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, tradotto poi in moltissime lingue e diffuso in tutto il mondo. Dieci anni dopo, il vescovo Giampaolo Crepaldi, che firmò, assieme al Cardinale Martino, il Compendio in qualità di Segretario del Dicastero pontificio, rispose ad alcune mie domande in un libro-intervista che voleva fare il punto sulla “ricezione” del Compendio [vedi qui https://www.edizionicantagalli.com/shop/la-dottrina-sociale-della-chiesa/ ] nel primo decennio dalla sua pubblicazione. Leggi il seguito…

    • Il Mulino, trionfo del populismo illuminato

      di Stefano Fontana. Compie settant'anni la rivista bolognese punto di riferimento di una certa intelligentia progressista e si rilancia con un numero sulla crisi attuale che è la quintessenza del conformismo. Nell'ansia di combattere il populismo, nuovo cancro delle democrazie, divulga una concezione assolutamente populista del momento attuale. Leggi il seguito…