La Maestà di Duccio di Boninsegna. Non un dipinto, ma una preghiera per Siena in arte e fede.

“Mi è accaduta l’inconsueta ventura di insegnare per una vita Lettere alle Superiori e per un decennio Arte (precisamente Iconologia e Iconografia Cristiana) in Università. Così in questo mese di marzo che

fa perno sul “Dantedì” del prossimo 25, s’infittiscono le presentazioni su Dante a 700 anni dalla morte, in connessione con grandi cicli pittorici … ” (Dalla pagina Facebook di Roberto Filippetti del 9 Marzo alle ore 11.30).

Duccio di Boninsegna, la Maestà

Chi, entrando nella Cattedrale di Siena, si aspettasse di vedervi la Maestà, esempio di arte pre-rinascimentale, resterebbe deluso, poiché ivi rimase solo fino al 1878. Poi, seguirono le peripezie dei malaccorti restauri nonché diverse collocazioni, che non poco danneggiarono l’opera e ne resero imprecisa la ricomposizione dopo lo smembramento delle formelle lignee.

Però, nel non lontano Museo dell’Opera Metropolitana del Duomo, la grande composizione, 214×412 cm, è esposta a quella ammirazione dei visitatori, che resta senza fiato.

Il lato recto

Possente, eppure leggera, in quel suo lato recto, la Vergine con il Bambino in trono, circondata dalle schiere di Santi e Angeli, impreziosisce il fondo oro del divino Cielo, poiché proprio Ella è il capolavoro di Dio.

Duccio di Boninsegna, Maestà del Duomo, 1308-1311, Siena

Su questo lato, la predella presentava sette storie dell’infanzia di Cristo, a ricordo dei Sette Misteri, dall’Annunciazione al ritrovamento nel Tempio, alternate da sei profeti, Misteri in cui la Madre di Dio ebbe una specifica missione. Sette misteri, come i giorni della creazione, poiché questi richiamano il tempo della prima creazione, come i sei profeti – IsaiaEzechieleSalomoneMalachiaGeremiaOsea– si riferiscono ai giorni della creazione fino al sesto, giorno della creazione e della morte di Adamo per il suo peccato, e che nei profeti annunziò l’avvento del Messia senza poterlo vedere.

Codesto lato era rivolto ai fedeli, non in ossequio al senso devozionale del popolo, ma poiché Maria, Collo della Chiesa, è Colei che genera alla Fede il divino Corpo tutt’uno con il Capo.

Il lato verso

Nel lato verso, si susseguono i Misteri della Vita di Cristo, destinati alla contemplazione dei canonici, riuniti nel coro per l’Ufficio divino. Essi pregano per Cristo, con Cristo e in Cristo alla maniera dei Santi Angeli, consacrando il tempo all’Eterno, anche mentre il Popolo di Dio è intento al commercium.

Qui erano rappresentate 26 Storie della Passione e Resurrezione di Cristo, in piccole formelle, uno dei più ampi cicli italici. Le Storie cominciavano dalla predella, poi smembrata, nella quale erano rappresentati alcuni episodi della vita pubblica, dei quali si sono conservati otto, disseminati tra le Americhe, l’Inghilterra e la Spagna.

Centrali, la Crocifissione e l’Entrata a Gerusalemme.

Così questo Giovedì sera potremo anche noi, con calma e sguardo meditativo ripercorrere l’altezza, l’ampiezza e la profondità di questo universo Regno che al Padre piacque rivelarci.

Giovedì 18 Marzo 2021 su YouTube

ore 21.00

Roberto Filippetti

QUI

QUI

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…