Dopo la vittoria sul campo, prima vittoria legale. Il TAR del Lazio intima al Ministero della Salute e ad AIFA la revoca del “Protocollo Terapeutico” anti Covid 19 vigente.

Mario Giordano e il Dr. Andrea Mangiagalli a “Fuori dal Coro”
spiegano la situazione e la via di uscita per guarire

Determinante l’audacia dei medici volontari e di alcuni giornalisti e loro collaboratori

Dopo un anno di lotta da parte di tanti medici volontari, -fatta di cura per il paziente-, contro l’irragionevole

Protocollo Terapeutico AIFA loro imposto , e che si sono mossi in base al Nuovo Giuramento di Ippocrate che indica di prendersi cura dei malati e di non obbedire a leggi deontologicamente inaccettabili, il TAR del Lazio risponde affermativamente alla denuncia presentata da alcuni di loro. Ecco la sentenza pubblicata il 4 Marzo u.s.

Chi presentò il ricorso

Il ricorso era stato presentato da Fabrizio Salvucci, Giuseppe Giorgio Stramezzi, Riccardo Szumsky, Luca Poretty contro il Ministero della Salute, Aifa – Agenzia Italiana per il Farmaco al TAR del Lazio per l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, della nota AIFA del 9 dicembre 2020 recante principi di gestione dei casi Covid 19 nel setting domiciliare.

La risposta dei Giudici

Bocciata la linea della vigilante attesa affiancata da uso di fans (farmaci antinfiammatori non steroidei) e paracetamolo.

Bocciata l’indicazione di non utilizzo di tutti i farmaci generalmente utilizzati dai medici di medicina generale per i pazienti affetti da covid.

Il ricorso al TAR è apparso fondato! L’ Ordinanza stabilisce la liceità del ricorso con rilevanza giuridica sia in sede civile che penale al fine di prescrivere i farmaci che riterranno più opportuni, secondo scienza e coscienza, e si esclude la vigilante attesa perchè pericolosa per il paziente!

Il TAR sospende l’efficacia del provvedimento impugnato (Protocollo Terapeutico vigente), e fissa per la trattazione l’udienza pubblica in data 20 Luglio 2021.

Un nuovo Protocollo di cura domiciliare

Ora, con soddisfazione dei medici, degli infermieri, dei pazienti, dei parenti, dei cittadini, si potrà avere un protocollo univoco di cura domiciliare tempestiva e precoce con i farmaci utilizzati dai medici dei territori da circa un anno!!

Ne parlavamo già da settimane ( si veda in articoare la puntata di Fuori dal Coro del 02.02.2021 QUI) grazie alla buona volontà di medici e infermieri coraggiosi, che avvevano a cuore la salute dei pazienti, il dolore delle famiglie, e grazie alla determinazione del giornalista Mario Giordano, instancabile nel farsi sentire.

Una ferita rimarrà aperta

Rimarrà aperta la ferita per circa metà dei morti “Covid 19” che si sarebbe potuta evitare se Ministero della Salute e AIFA avessero percorso vie più tempestive … ascoltando e ricordando il Nuovo Giuramento.

Ciascuno avrà fatto certo del suo meglio, ma è chiaro che nella risposta alla patologia i principi etici e deontologici in molti furono sopraffatti da altre preoccupazioni rivelatesi secondarie.

A chi ha osato, diciamo GRAZIE!!!

A chi ha esitato, diciamo:

Ora sapete come agire!

A tutti chiediamo: Preghiamo e agiamo per la verità e la vita!

Articoli precedenti attinenti

28.02.2021 Dal “mainstream” al “web”. Certezze e incognite nella cura delle infezioni da Covid 19 e nei vaccini “anti-SARS-CoV-2/COVID-19” / 3.02.2021 Parlano i ‘Medici di famiglia’ e i pazienti curati a casa. Come vincono il Covid 19 / 28.01.2021 Il “Drago rosso” conquista l’Occidente con vaccino, siringhe e mascherine / 24.01.2021 Quello che si sarebbe potuto fare, ma che non sempre fu fatto. La testimonianza di “Medici in prima linea” / 11.01.2021 Il Santo Padre chiede vicinanza per tutti e raccomanda di anteporre nel tempo della crisi il “Noi” all’Io. / 10.01.2021 LICEITÀ DI ALCUNI VACCINI ANTI-COVID-19 E DEL LORO USO. Dalla Congregazione per la Dottrina della Fede. / 10.01.2021 “Vaccinarsi è una scelta di responsabilità, un dovere”! / 5.12.2020 NATALE IN SICUREZZA TRA REGOLE E INTRUSIONI! 3.12.2020 Il Card. Bassetti scrive al Popolo di Dio la Lettera “L’Eucaristia al centro della vita dei cristiani” prima del ricovero nella struttura di Medicina d’urgenza Covid 1. / 1.12.2020 IL DOLORE NELLA FEDE

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…