ComunicArTe presenta l’Annunciazione nella Cappella degli Scrovegni

Giotto, L’annunciazione in Cappella Scrovegni, 1303-1305, Padova

Torna l’appuntamento con ComunicArTe.cc e gli Affreschi di Giotto attraverso la voce di Chiara Rossi.
Dopo aver ripercorso le vicende di Anna e Gioacchino, domani sera, 3 Marzo, alle ore 20, 45 sarà in scena

l’Annunciazione, che continuerà il cammino all’interno della Cappella degli Scrovegni fino alle porte della Settimana Santa.

Dal Mistero dell’Incarnazione al Mistero della Morte e Resurrezione di Gesù, fino al Giudizio, il tema è la salvezza dell’uomo, creato da Dio per un superiore progetto, che passa attraverso i Misteri della vita di Gesù e della Chiesa, partendo dalla Vita Trinitaria all’incontro con Dio Giudice di Misericordia attraverso i diversi incontri: Maria a Nazaret, i Santi Innocenti a Betlemme, i Discepoli sul lago di Tiberiade, i poveri e i malati, come i Farisei e i Sadducei, Lazzaro o Nicodemo, Giuda nell’Ultima Cena, Pilato e il Centurione.

L’Annunciazione, nella Chiesa dedicata a Santa Maria della Carità, esprime quella divina virtù dell’ Amore attraverso la generosa risposta di Colei che fu chiamata ad essere Madre di Dio pur essendone creatura (cf Par XXXIII, 1-4).

Se non consideriamo tali titoli solo termini quasi onorifici, ma proviamo a comprenderli nella loro vocazione divina, ci rendiamo conto che anche il “titolo” di Figlio di Dio per ogni credente non è un mero titolo, ma una realtà al modo per cui lo fu ed è per la Madre di Dio, per San Giuseppe, Padre putativo di Gesù e Patriarca della Chiesa, o per Giovanni, il Battezzatore. Il Nome segnò il cammino di ciascuno. In un certo senso, misteriosamente, l’Annunciazione del Dio che si fa uomo, senza cessare di essere Dio, segna l’uomo che viene eletto a Figlio, da creatura che era, infatti, «a quanti l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio» (Gv 1,12).

Nella Sua luce vedremo la luce (Sal 35, 10).

3 Marzo ore 20.45

su

YouTube

QUI

Chiara Rossi

Il calendario completo

delle dirette

QUI

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…