Mons. Ics: al Cardinale Silvestrini non Dobbiamo Solo Bergoglio, ma Conte…

di Marco Tosatti.

Il vescovo di Faenza mons. Mario Toso, è sempre stato un “bergoglino” -in pectore- fin da quando era segretario della vecchia Justitia et Pax. Era pauperista, ambientalista, progressista, comunista, nullista….Toso si vanta di aver scritto lui una gran parte di Laudato Sì (per intenderci), ma trovo il suo illuminato pensiero anche in Fratelli Tutti. Bene, come leggerete nell’allegato, mons. Toso pubblica e presenta un libro sul card. Achille Silvestrini, nientepopodimeno che con la Introduzione del nostro Premier Conte. Ma ci pensate figlioli? Conte testimonia gli insegnamenti del card. Silvestrini. Gatta ci cova… A Silvestrini quindi non dobbiamo solo la nomina di Bergoglio, ma anche quella di Conte?

***************

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mons. Ics ha scoperto, grazie ad una recensione, che al card. Silvestrini – pace all’anima sua – non dobbiamo solo l’elezione di Jorge Mario Bergoglio al Soglio di Pietro, ma anche qualche sciagura puramente nostrana, italica, voglio dire. Buona lettura.

*************

Mons. ICS a Tosatti.

Caro Tosatti, mi conceda stavolta di mortificare la mia tentazione di scrivere un commento, limitandomi a allegare solo il link che segue, lasciando ai suoi lettori la lettura diretta, L’articolo allegato è “illuminante”.

Il vescovo di Faenza mons. Mario Toso, è sempre stato un “bergoglino” -in pectore- fin da quando era segretario della vecchia Justitia et Pax.

Era pauperista, ambientalista, progressista, comunista, nullista….Toso si vanta di aver scritto lui una gran parte di Laudato Sì (per intenderci), ma trovo il suo illuminato pensiero anche in Fratelli Tutti.

Bene, come leggerete nell’allegato, mons. Toso pubblica e presenta un libro sul card. Achille Silvestrini, nientepopodimeno che con la Introduzione del nostro Premier Conte.

Questa iniziativa servirà a farsi nominare Cardinale, o perlomeno farsi trasferire in una diocesi di maggior rilievo di Faenza.

Ma ci pensate figlioli? Conte testimonia gli insegnamenti del card. Silvestrini.

Gatta ci cova…

A Silvestrini quindi non dobbiamo solo la nomina di Bergoglio,ma anche quella di Conte?. Le mie benedizioni.

Mons ICS

«Non è un’operazione nostalgica, ma un’opportunità per la nostra Chiesa diocesana per ripartire con slancio seguendo la testimonianza di un suo figlio». Con queste parole, mons. Mario Toso, vescovo di Faenza-Modigliana ha introdotto la presentazione del libro “Card. Achille Silvestrini”, curato dallo stesso vescovo a un anno dalla scomparsa del porporato originario della diocesi romagnola. L’introduzione del volume porta la firma del presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, che ha conosciuto Silvestrini come mentore dagli anni in cui frequentava Villa Nazareth, un collegio universitario voluto dal card. Tardini, che ancora oggi rappresenta uno dei centri culturali più importanti d’Italia. Sabato 29 agosto, inoltre, alle ore 18 nella chiesa Collegiata di Brisighella, il card. Matteo Maria Zuppi presiederà la concelebrazione eucaristica a un anno dalla morte del card. Silvestrini.

Le testimonianze e gli insegnamenti del card. Silvestrini

Un diplomatico Vaticano che era però sempre ‘in movimento’ (come testimonia già la copertina del libro, ndr) e  che è stato capace di vedere la complessità della storia in tutta la sua profondità, mettendosi al servizio di una realtà che aveva come obiettivo quello di rendere migliore l’umanità. Il testo si avvale di diversi contributi: tra gli altri segnaliamo quelli del card. Menichelli, di Andrea Riccardi, di mons. Malvestiti, del gesuita Fausto Gianfreda e di mons. Celli. Gli autori trattano il rapporto di Silvestrini con la sua diocesi d’origine, il servizio prestato alla Santa Sede con testimonianze di chi lo ha conosciuto più da vicino. Il volume esce a pochi mesi dalla pubblicazione di un altro libro realizzato dalla diocesi dedicato al cardinale Pio Laghi, attraverso le cui fonti e testimonianze si vuole gettare una luce diversa sulla vita del nunzio apostolico contrastando la ‘leggenda nera’ che nel frattempo si è diffusa. «Questi libri – specifica mons. Toso – rappresentano strumenti che servono ad animare ulteriormente l’evangelizzazione e la formazione dei credenti della nostra diocesi e il loro impegno nel mondo».

Il premier Conte: “Il cardinale Silvestrini era un uomo di pace”

Il cardinale Silvestrini, per il presidente del Consiglio Conte, era anzitutto un uomo di pace, per il quale il valore inestimabile della Pax Christi non poteva restare nell’empireo delle aspirazioni teoriche, ma poteva – anzi, doveva – tradursi e attualizzarsi in regole di condotta e linee guida per tutti gli uomini. Una pace non effimera, fragile, ma quanto più possibile autentica e duratura, perché avente come fulcro un ordine voluto da Dio Padre, che comporta una giustizia più perfetta tra gli uomini. «Lavorando nei Dicasteri romani con la sua attività diplomatica – ha sottolineato Toso – Silvestrini era mosso dalla stessa fede sacerdotale dei suoi maestri, tra i quali il cardinale Casaroli, segretario di Stato. Rimanendo saldi e aggrappati a Cristo redentore, chiave della rigenerazione dell’umanità, desideravano destare nel mondo l’aurora, anche attraverso il martirio della pazienza, la diplomazia dei piccoli passi, capaci di aprire, seppure a fatica, spiragli di dialogo”.

«Il cardinale Achille – ha concluso mons. Toso – credeva nelle nuove generazioni, per le quali lavorava intensamente, auspicando preparazione spirituale e culturale, specie in un contesto in cui si sviluppano decisioni e progetti Come se Dio non esistesse, specie a livello internazionale. Quando, però, si toglie il fondamento ultimo, la conseguenza è che le persone, i giovani e le società giungono a perdere gradualmente la libertà, smarriscono il criterio e la misura dell’umano, il senso della convivialità».

Il volume può essere richiesto presso la curia diocesana di Faenza-Modigliana (curia@diocesifaenza.it).

La diocesi pubblica il libro “Card. Achille Silvestrini”, introduzione del premier Giuseppe Conte

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I compiti del governo Draghi e gli obblighi di chi lo ha voluto

      di Gaetano Quagliariello. La vicenda dei sottosegretari segna una battuta d’arresto per il governo Draghi. Per i modi con i quali si è pervenuti alla lista. E, ancor di più, per i nomi che la lista contiene. In principio era il governo “dei migliori”. Poi si è trasformato nel governo “dei comuni mortali”. Chi può faccia qualcosa per evitare l’avvento del governo “degli zombie”. Leggi il seguito…

    • Quando il magistero non è magistero? Uno spunto francese

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog ci si è già occupati del problema se e quando le affermazioni del magistero riguardanti la Dottrina sociale della Chiesa siano vincolanti per il credente ed esigano obbedienza. Con papa Francesco questo è ormai diventato un enorme problema. A tornare sull’argomento è ora la rivista francese Liberté Politique con il fascicolo n. 87 dal titolo “Parole et autorité dans l’Église”. Leggi il seguito…

    • La Cina a caccia dei porti dell’Adriatico. Ma Rijeka (Fiume) dice no

      di Vladimir Kosic. Ciò che né gli Stati Uniti d’America e né l’Unione Europea vogliono è che si ripeta quanto accaduto con il porto del Pireo e con la “Via della seta” (Sea&Belt Initiative) in cui è coinvolta l’autorità portuale di Trieste all’interno del disegno cinese che coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa intera. Il primo, sfacciato, risultato è stato segnato con l’ingresso/possesso del porto del Pireo, ormai completamente nelle mani di Pechino. Con l’accordo sottoscritto tra Xi Jinping e Kyriakos Mītsotakīs, premier greco, la Grecia è diventata l’ingresso della Cina in Europa ottenendo in cambio pochi spiccioli Leggi il seguito…

    • L’anno che ci invecchiò di colpo

      di Marcello Veneziani. Come riassumere in una sola immagine, in un solo pensiero, quasi in un’epigrafe storica per i posteri il senso dell’anno trascorso sotto la pandemia? In sintesi: fu l’anno che ci invecchiò di colpo. Nell’arco che va da marzo scorso a oggi, siamo invecchiati tutti più in fretta; donne, vecchi e bambini, giovani e adulti, in ogni parte del mondo. Abbiamo vissuto un anno da vecchi, con una mezza tregua estiva. Stando reclusi in casa, vivendo da pensionati, da cagionevoli, da convalescenti, distanti da tutti, isolati dagli altri, al riparo dal mondo; abbiamo curato la nostra sopravvivenza vivendo meno, non lavorando, non uscendo, non viaggiando, non rischiando. Leggi il seguito…